Il divorzio congiunto: in che cosa consiste e quali sono le modalità

di Concas Alessandra, Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia
PDF

Il divorzio mette in atto lo scioglimento del vincolo coniugale.

Si definisce congiunto quando i coniugi si accordano in relazione agli aspetti economici e alle modalità di affidamento dei figli, se ce ne sono.

La domanda di divorzio può essere presentata dai coniugi dopo sei mesi dall’udienza presidenziale nei casi di separazione consensuale o dodici mesi se la separazione sia stata giudiziale.

Al fine di ottenere il divorzio, la legge prevede che dal momento della separazione legale non ci sia stato un ricongiungimento sentimentale e materiale tra i coniugi.

Per approfondire leggi anche “Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell’11 luglio 2018” di Manuela Rinaldi.

Il divorzio

Il divorzio è un accordo con il quale le parti andranno a disciplinare gli aspetti relativi alla cessazione del loro matrimonio, ed è la scelta più funzionale a velocizzare i tempi del divorzio che si otterrà con una udienza, abbattendo i costi del giudizio e limitando la conflittualità tra ex coniugi. Il divorzio giudiziale, al contrario, è un procedimento di natura contenziosa con tempi di definizione più lunghi e costi più onerosi per le parti.

Nel periodo che intercorrente tra la presentazione del ricorso congiunto e la prima udienza di divorzio, le parti potrebbero cambiare idea sugli accordi raggiunti

In simili casi, alla prima udienza di comparizione delle parti, il coniuge che ha avuto un ripensamento sulle condizioni di divorzio può chiedere che venga cambiato il rito, trasformandolo in divorzio giudiziale.

Ti potrebbe interessare il seguente articolo: “Le tempistiche del divorzio “.

Divorzio giudiziale

A differenza del divorzio giudiziale, che deve essere presentato nel tribunale di residenza del convenuto, il divorzio congiunto può essere presentato alternativamente nel tribunale di residenza di uno dei coniugi, e la coppia può essere rappresentata da un unico avvocato.

Se le parti dovessero trasformare il divorzio da congiunto a giudiziale, l’avvocato nominato da entrambe, non potrà più rappresentare nessuno dei due ex coniugi, perché un avvocato, in ossequio alle norme contenute nel codice deontologico forense, non può accettare incarichi contro ex clienti.

In determinate circostanze si può ricorrere al gratuito patrocinio, un istituto che concede la possibilità, a coloro che hanno determinati limiti di reddito, di essere assistiti da un avvocato che successivamente verrà pagato dallo Stato.

Il divorzio congiunto ha dei tempi molto rapidi perché è basato sull’accordo tra i coniugi.

I tempi variano a seconda delle città, di solito dopo sei mesi dal deposito del ricorso congiunto si può ottenere la sentenza di divorzio.

Al divorzio è possibile arrivare anche attraverso il mezzo della negoziazione assistita.

Le parti senza arrivare davanti al giudice, ma sempre coadiuvati da avvocati, possono sottoscrivere un accordo che verrà trascritto nei registri comunali.

Questa procedura non può essere seguita in presenza di figli minori o con handicap.

Il divorzio congiunto è meno costoso di un divorzio giudiziale.

L’ammontare della parcella dipenderà anche dal reddito delle parti, dalla presenza dei figli e dalle disponibilità patrimoniali della coppia.

Volume consigliato

Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell'11 luglio 2018

Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell'11 luglio 2018

Corredata delle più utili formule di riferimento, l’opera esamina, con taglio pratico e forma accessibile, le questioni maggiormente dibattute relative all’assegno divorzile, fino all’analisi della recente sentenza della Cassazione civile a Sezioni Unite n. 18287 dell’11 luglio 2018.

Attraverso un’originale struttura, il testo risponde ai quesiti che più frequentemente ci si pone, tra cui: in cosa consiste il tenore di vita ed è ancora valido quale parametro? Come si può ottenere la modifica dell’importo dell’assegno? Quali azioni sono esperibili per il recupero dell’assegno?

Con l’ultimo intervento della Suprema Corte, si dà atto di cosa è cambiato e quali siano oggi i parametri di riferimento per la determinazione dell’assegno.
Per garantire uno strumento immediatamente operativo le risposte ai quesiti sono accompagnate dalle principali formule di riferimento.

Manuela Rinaldi Avvocato in Avezzano; Dottore di ricerca in Diritto dell’Economia e dell’Impresa, Diritto Internazionale e Diritto Processuale Civile, Diritto del Lavoro. Incaricata (a.a. 2016/2017) dell’insegnamento Diritto del Lavoro (IUS 07) presso l’Università degli Studi di Teramo, Facoltà di Giurisprudenza. Dal 2011 Docente Tutor Diritto del Lavoro c/o Università Telematica Internazionale Uninettuno; relatore in vari convegni, master e corsi di formazione. Autore di numerose pubblicazioni, monografiche e collettanee.

Leggi descrizione
Manuela Rinaldi, 2018, Maggioli Editore
19.00 € 18.05 €

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

concas-alessandra

Concas Alessandra

Giornalista iscritta all’albo dell’Ordine di Cagliari e Direttore responsabile di una redazione radiofonica web. Interprete, grafologa e criminologa. In passato insegnante di diritto e lingue straniere, alternativamente. Data la grande passione per il diritto, collabora dal 2012 con la Rivista giuridica on line Diritto.it, per la quale è altresì Coautrice della sezione delle Schede di Diritto e Referente delle sezioni attinenti al diritto commerciale e fallimentare, civile e di famiglia.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e