Conformità edilizia: quando la presentazione di istanza non inficia l'ordinanza di demolizione

Conformità edilizia: quando la presentazione di istanza non inficia l’ordinanza di demolizione

di Pagano Iride, Avv.

Qui la sentenza: TAR Campania-Salerno - sez. prima - sentenza n. 1811 del 4-8-2016

Versione PDF del documento

La presentazione di istanza ai sensi dell’ art. 34 del D.P.R. n. 380/2001  non si traduce in un motivo di doglianza in grado di inficiare la legittimità dell’ordinanza di demolizione.

La sentenza del T.A.R. Campania- Salerno disponibile al link in apertura afferma che, in caso di interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire, la presentazione di istanza  ai sensi dell’art. 34 del D.P.R. n. 380/2001, nel caso di specie ancora non esaminata dall’Amministrazione Comunale, non può tradursi in un motivo di doglianza in grado di inficiare la legittimità dell’ordinanza di demolizione.

In particolare, il secondo comma dell’art. 34 citato prevede  che, qualora la demolizione non può avvenire senza pregiudizio della parte eseguita in conformità al titolo abilitativo, l’Amministrazione procedente applica una sanzione pari al doppio del costo di produzione, stabilito in base alla Legge  n. 392/1978, della parte dell’opera realizzata in difformità dal permesso di costruire, se ad uso residenziale, e pari al doppio del valore venale, determinato a cura della Agenzia del territorio, per le opere adibite ad usi diversi da quello residenziale.

Secondo costante orientamento giurisprudenziale, l’art. 34 del D.P.R. n. 380/2001 va applicato nel senso che la valutazione circa la rilevanza dell’abuso, con  possibilità di sostituire la demolizione con la sanzione pecuniaria, deve essere effettuata nel momento in cui, non essendo stato spontaneamente ottemperato dal privato l’ordine di demolizione, viene emanato il conseguente ordine di esecuzione in danno.

Pertanto, soltanto a seguito di tale successiva fase, può essere ritenuta illegittima l’ingiunzione a demolire sprovvista di qualsiasi valutazione relativa all’entità degli abusi commessi e alla possibile sostituzione della demolizione con la sanzione pecuniaria.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pagano Iride

Pagano Iride

Svolge la professione in Nocera Inferiore (SA) Ha ottenuto una borsa di studio presso la L.U.I.S.S.-Roma in Diritto degli Enti Locali Ha maturato esperienza professionale di difesa e rappresentanza in giudizio, anche innanzi alle Giurisdizioni Superiori, a favore sia di privati che di Amministrazioni Pubbliche Locali. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, con particolare riferimento all'urbanistica, all'edilizia, al risarcimento danni nei confronti della P.A., alle procedure a evidenza pubblica,  al giudizio di esecuzione del giudicato; di diritto civile nei rapporti paritetici con la P.A..


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it