Condominio non può avere più deleghe di quelle consentite dal regolamento

Scarica PDF Stampa Allegati

Il Tribunale di Torino ha chiarito che un condominio non può avere più deleghe di quelle consentite nel regolamento, pena l’invalidità della delibera.

Per approfondimenti si consiglia: Manuale del condominio

Tribunale di Torino – Sez. VIII Civ. – Sentenza n. 4007 del 20/10/2023

eccesso-deleghe-Trib.-Torino-sentenza-n-4007-del-20-10-2023-1.pdf 153 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Indice

1. La vicenda

Un condomino citava in giudizio il condominio per richiedere l’annullamento delle deliberazioni assembleari di cui ai punti 1, 2, 4 e 6, lamentando come tali delibere fossero state assunte in violazione di norme di legge e del regolamento di condominio. In particolare l’attore evidenziava il mancato rispetto dell’articolo 1, lett. g) del regolamento di condominio che stabiliva quanto segue: “ogni condomino ha diritto di farsi rappresentare con delega scritta anche in calce all’avviso di convocazione. Nessuno potrà rappresentare più di due condomini. L’amministratore non potrà ricevere deleghe”. Lo stesso attore notava che, confrontando l’allegato 1 al verbale di assemblea e le deleghe rilasciate dai diversi condomini, si evinceva come fossero state conferite tre deleghe ad una condomina.
Con comparsa tempestivamente depositata si costituiva in giudizio il condominio, contestando le deduzioni dell’attore e chiedendo il rigetto delle domande avversarie. Non ritenendosi necessario lo svolgimento di attività istruttoria, le parti precisavano le proprie conclusioni e la causa veniva trattenuta a decisione, previa concessione dei termini di legge per il deposito delle comparse conclusionali e delle memorie di replica.

Potrebbero interessarti:
Installazione di una pergotenda da parte del condominio: i diversi ostacoli
Impianto termico centralizzato: distacco possibile se non arreca disagi al condominio

2. Eccesso deleghe: la soluzione

Il Tribunale ha dato ragione all’attore. Sulla base della documentazione esaminata, lo stesso giudice ha riconosciuto l’esistenza di un vizio di costituzione dell’assemblea condominiale, per la partecipazione alla riunione di un condomino munito di un numero di deleghe (tre) superiore a quello consentito dalla citata disposizione del regolamento condominiale (due). Come ha osservato il Tribunale tale vizio è rilevante sotto il profilo dell’annullabilità di tutte le delibere assunte dalla assemblea condominiale, poiché incidente nel procedimento di formazione delle stesse. In ogni caso il giudice piemontese ha osservato anche come, dalla lettura combinata dei documenti prodotti, non sia stato possibile identificare a chi sono state attribuite le deleghe rilasciate ad alcuni condomini, né è risultata completa una delega rilasciata da una condomina non essendo stato espresso il nominativo del delegato. In virtù di tali considerazioni il Tribunale ha ritenuto viziate le delibere assembleari impugnate, che sono state perciò annullate.

3. Le riflessioni conclusive

Bisogna ricordare che secondo l’articolo 67 disp att. c.c. ogni condomino può intervenire all’assemblea anche a mezzo di rappresentante, munito di delega scritta. Se i condomini sono più di venti, il delegato non può rappresentare più di un quinto dei condomini e del valore proporzionale. Tale disposizione come precisa l’articolo 72 disp. att. c.c. è inderogabile. Si ricorda che è già stato affermato che la norma di un regolamento condominiale che vieta a ciascun condomino di rappresentare in assemblea più di due partecipanti al condominio, non è nulla per violazione della disposizione, avente natura inderogabile, di cui all’art. 67 disp. att. c.c., posto che una clausola di tal tenore non limita la facoltà del condomino di partecipare all’assemblea a mezzo di un proprio rappresentante, quanto piuttosto la possibilità per quest’ultimo di accettare l’incarico da parte di più di due condomini (Trib. Bologna, 19/01/1999). Recentemente è stato chiarito che la inderogabilità dell’art. 67, sancita dal successivo art. 72, disp. att. c.c., riguarda solo l’eventuale aumento, contenuto nel regolamento, del numero di deleghe massimo previsto dalla legge, ma non la sua riduzione, rispondendo tale riduzione alla finalità, di rendere maggiormente effettivo il contraddittorio in seno alle assemblee condominiali (Trib. Milano 7 luglio 2023). In ogni caso secondo il consolidato orientamento della Corte di Cassazione, la clausola del regolamento di condominio volta a limitare il potere dei condomini di farsi rappresentare nelle assemblee è inderogabile, in quanto posta a presidio della superiore esigenza di garantire l’effettività del dibattito e la concreta collegialità delle assemblee, nell’interesse comune dei partecipanti alla comunione, considerati nel loro complesso e singolarmente, sicché la partecipazione all’assemblea di un rappresentante fornito di un numero di deleghe superiore a quello consentito dal regolamento suddetto, comportando un vizio nel procedimento di formazione della relativa delibera, dà luogo ad un’ipotesi di annullabilità della stessa, senza che possa rilevare il carattere determinante del voto espresso dal delegato per il raggiungimento della maggioranza occorrente per l’approvazione della deliberazione (Cass. civ., sez. VI – 2, 28/03/2017, n. 8015).

Volume consigliato

Il volume è una guida completa sulla materia condominiale.
La prima parte si sofferma su alcuni principi fondamentali in materia di proprietà, di comproprietà e di diritti reali. Successivamente, viene trattato il regolamento condominiale, passando poi alla disamina delle parti, degli impianti e dei servizi comuni, con la relativa contabilizzazione e ripartizione delle spese, senza trascurare gli aspetti della contrattualistica e i riflessi fiscali della gestione condominiale.
La quinta parte è dedicata al funzionamento dell’assemblea e al ruolo, ai poteri e alle responsabilità dell’amministratore di condominio.
Il libro prende poi in esame i rapporti del condominio con i terzi e quelli tra singoli condomini, con le inevitabili controversie che ne derivano, per la soluzione delle quali vengono illustrate le tecniche di risoluzione dei conflitti, imposte per legge.

FORMATO CARTACEO

Manuale del condominio

Il Manuale è una guida completa per chi intende intraprendere l’attività di amministratore di condominio e per gli amministratori professionisti, che già affrontano le complesse e molteplici questioni immobiliari e condominiali.La prima parte si sofferma su alcuni principi fondamentali in materia di proprietà, di comproprietà e di diritti reali. Successivamente, viene trattato il regolamento condominiale, passando poi alla disamina delle parti, degli impianti e dei servizi comuni, con la relativa contabilizzazione e ripartizione delle spese, senza trascurare gli aspetti della contrattualistica e i riflessi fiscali della gestione condominiale.La quinta parte è dedicata al funzionamento dell’assemblea e al ruolo, ai poteri e alle responsabilità dell’amministratore di condominio.Il libro prende poi in esame i rapporti del condominio con i terzi e quelli tra singoli condomini, con le inevitabili controversie che ne derivano, per la soluzione delle quali vengono illustrate le tecniche di risoluzione dei conflitti, imposte per legge.Il volume è stato altresì aggiornato con la vigente normativa in tema, tra gli altri, di:› assemblea telematica;› Riforma del Processo Codice di Procedura Civile e forme di risoluzione alternativa delle controversie (c.d. Riforma Cartabia – D.Lgs. 149/2022);› superbonus e bonus edilizi;› misure antincendio;› equo compenso per le professioni non organizzate in ordini e collegi (legge 49/2023);› potabilità delle acque (D.Lgs. 18/2023).Nell’apposito spazio online, è infine disponibile una raccolta di formule personalizzabili, utilissime per redigere i più importanti atti della pratica condominiale.Silvio RezzonicoÈ stato avvocato in Milano e autore di diversi libri e saggi in materia di diritto immobiliare. Ha collaborato con il Gruppo 24 Ore, con Maggioli Editore e con l’Università degli studi di Firenze. Da ultimo è stato anche docente presso l’Università degli studi telematica E-campus.Matteo RezzonicoAvvocato cassazionista e pubblicista in Milano, è autore di numerose pubblicazioni di diritto immobiliare ed edilizio. In particolare, collabora con il Gruppo 24 Ore (Norme e Tributi, Esperto risponde e Consulente immobiliare) e con Giuffrè Editore (portale condominio e locazioni). Presidente della FNA, Federazione Nazionale degli Amministratori Immobiliari e Vicepresidente della Confappi, Confederazione della Piccola Proprietà Immobiliare, per conto della quale riveste anche il ruolo di Presidente della sede provinciale di Milano e di componente della Commissione Legale Nazionale di FNA – Confappi.Luca RezzonicoAvvocato in Milano. Si occupa di diritto immobiliare ed è coautore di diverse pubblicazioni in materia.

Silvio Rezzonico | Maggioli Editore 2023

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento