Concorso Ministero della Giustizia: 8171 posti nell’Ufficio del processo

di Redazione

C’è tempo fino al 23 settembre per iscriversi al concorso pubblico per titoli ed esami per il reclutamento di 8171 addetti all’Ufficio per il processo.

Le assunzioni sono a tempo determinato e con un contratto della durata di tre anni. I posti disponibili sono alla Corte di Cassazione e nei distretti delle Corti di Appello.

Vediamo di seguito quali sono i posti disponibili, i requisiti per partecipare, come fare domanda e quali saranno le prove concorsuali.

    Indice:

I posti a concorso

Il concorso si svolge su base distrettuale. Il 30% dei posti disponibili su ogni distretto è riservato prioritariamente ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, ai volontari in servizio permanente, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta.

I posti saranno suddivisi in base alla disposizione indicata di seguito:

Concorso 8171 addetti Ufficio del processo
Codice Concorso Posti Codice Concorso Posti
Codice CASS – Corte di cassazione 200 Codice  LE  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Lecce 303
Codice AN – Distretto della Corte di Appello di Ancona 140 Codice ME –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Messina 148
Codice  BA  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Bari 306 Codice MI  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Milano 680
Codice BO –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Bologna 422 Codice NA  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Napoli 956
Codice BS –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Brescia 248 Codice PA –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Palermo 410
Codice CA – Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Cagliari 248 Codice PG –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Perugia 107
Codice CL – Distretto della Corte di Appello di  Caltanissetta 106 Codice PZ –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Potenza 125
Codice CB – Distretto della Corte  di  Appello  di  Campobasso 51 Codice RC – Distretto della Corte di Appello di Reggio Calabria 208
Codice CT –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Catania 331 Codice  RM  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Roma 843
Codice CZ – Distretto della  Corte  di  Appello  di  Catanzaro 304 Codice SA –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Salerno 218
Codice FI –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Firenze 446 Codice TO  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Torino 401
Codice GE  –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Genova 251 Codice TS –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Trieste 141
Codice AQ –  Distretto  della  Corte  di  Appello  dell’Aquila 190 Codice VE –  Distretto  della  Corte  di  Appello  di  Venezia 388

Per ogni distretto una parte di posti è destinata ai candidati in possesso della laurea in economia e commercio o in scienze politiche o titoli equipollenti o equiparati. Si rimanda al bando per conoscere con precisione la quota di posti per ogni distretto.

Requisiti

Il concorso è riservato ai laureati in materie giuridiche, anche con laurea triennale, e per una quota anche ai laureati in economia e commercio e scienze politiche o titoli equiparati ed equipollenti. L’elenco dei titoli di studio richiesti è descritto esaustivamente all’articolo 2 del bando.

Per la partecipazione al concorso è inoltre necessario il possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell’Unione europea. Sono ammessi inoltre i familiari di cittadini italiani o di un altro Stato membro dell’Unione europea, che non abbiano la cittadinanza di uno Stato membro, ma che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonché i cittadini di Paesi terzi titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
  • età non inferiore a 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • qualità morali e di condotta di cui all’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana.

Consulta e scarica il bando

Come fare domanda

La domanda di partecipazione al concorso può essere presentata per uno solo dei codici sopra descritti ed esclusivamente per via telematica, attraverso il portale Step One 2019.
>> Istruzioni per iscriversi al concorso.

Per l’accesso è richiesto il possesso delle credenziali digitali SPID, mentre per la partecipazione sono richiesti:

  • indirizzo personale di Posta Elettronica Certificata(PEC);
  • pagamento della quota di partecipazione di 10 euro, effettuabile seguendo le indicazioni in fase di presentazione della domanda.

Le domande dovranno essere inviate entro le ore 14,00 del 23 settembre 2021.

>> Clicca qui per scoprire come iscriversi al concorso

Prove concorsuali e valutazione titoli

Il concorso prevede la valutazione dei titoli dei candidati e una sola prova scritta con test a crocette.

La valutazione dei titoli avverrà tramite l’ausilio di piattaforme digitali, sulla base dei titoli dichiarati dai candidati al momento della domanda di ammissione al concorso. Per la valutazione dei titoli potranno essere attribuiti fino a 15 punti, così ripartiti:

  • fino a 6 punti per il voto di laurea (verrà valutato il titolo conseguito con maggior profitto tra quelli presentati);
  • fino a 5 punti per ulteriori titoli universitari in ambiti attinenti al profilo di addetto all’ufficio per il processo;
  • 3 punti per l’abilitazione alla professione di avvocato;
  • 3 punti per l’abilitazione alla professione di dottore commercialista ed alla professione di esperto contabile;
  • 4 punti per lo svolgimento, con esito positivo, del tirocinio presso uffici giudiziari ai sensi dell’art. 73 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni,
    dalla legge 9 agosto 2013, n. 98;
  • 2 punti per il servizio prestato come research officer presso le sezioni specializzate e/o gli uffici giudiziari in materia di immigrazione, protezione internazionale e liberale circolazione nell’Unione europea, nell’ambito del Piano operativo dell’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo – EASO.

Saranno ammessi alla prova scritta un numero di candidati pari a venti volte il numero dei relativi posti messi a concorso per ciascun distretto, oltre ad eventuali ex aequo.

La prova scritta del concorso sarà unica per tutti i codici e consisterà in un test di 40 quesiti a risposta multipla da risolvere nell’arco di 60 minuti, con un punteggio massimo attribuibile di trenta punti.

La prova si intenderà superata con un punteggio minimo di 21/30 e a ciascuna risposta sarà attribuito il seguente punteggio:

  • risposta esatta: +0,75 punto;
  • mancata risposta: 0 punti;
  • risposta sbagliata: – 0,375 punti.

Non è prevista la pubblicazione della banca dati dei quesiti prima dello svolgimento della prova scritta. La prova verterà sulle seguenti materie:

  • diritto pubblico;
  • ordinamento giudiziario;
  • lingua inglese.

Il punteggio della graduatoria finale sarà ottenuto sommando i punti della valutazione dei titoli e quelli della prova scritta. 

>> Leggi l’articolo Concorso addetti all’ufficio del processo: come prepararsi alla prova scritta

Come prepararsi alla prova scritta?

Ti proponiamo due volumi per la preparazione al concorso:
– uno contiene i quiz svolti e commentati
– l’altro contiene la teoria e i test

Concorso Ufficio per il processo 8171 posti - Prova scritta

Concorso Ufficio per il processo 8171 posti - Prova scritta

Luigi Tramontano, Marco Zincani, 2021, Maggioli Editore

Sulla Gazzetta ufficiale del 6 agosto 2021 n. 62 è stato pubblicato il bando di concorso per il reclutamento a tempo determinato di 8171 addetti all’Ufficio per il Processo del Ministero della Giustizia. Il bando prevede di selezionare i candidati attraverso una prova scritta e la...



 
8171 POSTI Ufficio per il processo MINISTERO GIUSTIZIA

8171 POSTI Ufficio per il processo MINISTERO GIUSTIZIA

Luigi Tramontano, 2021, Maggioli Editore

Il volume è un ottimo strumento di studio per la preparazionealla prova scritta del Concorso per il reclutamentoa tempo indeterminato di 8171 addettiall’Ufficio per il processo presso il Ministero dellaGiustizia (G.U. 6 agosto 2021, n. 62).La selezione dei candidati avverrà attraverso una...



Iscriviti al nostro corso

Il corso intende offrire una preparazione quanto più efficace e funzionale al superamento della prova scritta del concorso per l’ufficio del processo, attraverso tre giornate di studio mirato. Dopo una breve introduzione sulle modalità di svolgimento della prova, il primo incontro sarà dedicato all’ordinamento giudiziario; la seconda sessione approfondirà il diritto costituzionale, negli argomenti più spesso oggetto di concorsi pubblici. L’ultimo incontro sarà invece dedicato ad una simulazione della prova, con correzione da parte del relatore, domanda per domanda.

Il percorso si rivolge a quanti si approcciano per la prima volta ad un concorso e hanno poca dimestichezza delle prove d’esame e anche a coloro che, già conoscitori del mondo concorsuale, abbisognano di un ripasso funzionale al superamento della prova.

Accesso a futuri concorsi

Si legge nel comunicato stampa del Dipartimento della Funzione Pubblica che “Al termine del contratto, il servizio prestato con merito dai vincitori costituirà punteggio aggiuntivo e riserva di posti, nei futuri concorsi della Giustizia e di altre Pubbliche amministrazioni; titolo di accesso al concorso per magistrato ordinario e preferenza per l’accesso alla magistratura onoraria, oltre a equivalere a un anno di tirocinio per l’accesso alla professione di avvocato e di notaio e a un anno di frequenza dei corsi alla scuola di specializzazione per le professioni legali.


Leggi anche:

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!