Concorsi pubblici Magistrati Contabili: in anteprima il bando di concorso

Concorsi pubblici Magistrati Contabili: in anteprima il bando di concorso

di Redazione

Versione PDF del documento

Prossimamente sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale un nuovo bando di concorso per l’assunzione di 24 Referendari della Corte dei conti, elevabile complessivamente a 33 posti.

 

AGGIORNAMENTO 21-3-2017: È stato pubblicato il bando ufficiale del concorso. Come previsto dall’articolo 10 di tale bando, le date degli esami saranno pubblicate in Gazzetta Ufficiale il 9 giugno 2017.

Scarica qui il bando di concorso per l’assunzione dei Referendari della Corte dei Conti.

 

Tutti i giuristi più preparati e temerari, dunque, non possono perdere l’occasione di tentare l’ambito concorso, nonostante la risaputa difficoltà di superamento del concorso. Ciò in considerazione del fatto che la nostra redazione riporta la notizia in anteprima. Sarà meglio affrettarsi a preparare le materie sottoposte ad esame da parte della commissione esaminatrice, a partire dall’accurata analisi delle prove d’esame.

Per il superamento del concorso, è previsto lo svolgimento di quattro prove scritte, una prova orale comprensiva di lingua straniera, nonchè la valutazione per titoli. Quest’ultima non è da sottovalutarsi, in quanto concorre ad attribuire punteggi ai candidati, tanto quanto quelli ottenuti con le prove d’esame vere e proprie, secondo criteri oggettivi che a tempo debito saranno enunciati in maniera trasparente nel bando di concorso.

 

La valutazione dei titoli

In particolare, per incrementare il punteggio conseguito, si valuteranno i titoli presentati e allegati dai candidati insieme alla domanda di partecipazione al concorso. A tal fine, saranno considerati: gli studi compiuti; gli esami superati; i titoli conseguiti; i servizi prestati; le funzioni svolte; gli incarichi ricoperti ed ogni altra attività (scientifica, didattica, pubblicistica) eventualmente esercitata; i lavori giudiziari o lavori originali elaborati per il servizio; eventuali pubblicazioni in regola con le norme contenute nella legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive integrazioni e modificazioni.

 

Concorso Magistrati Contabili: le prove scritte

Ma veniamo ora al cuore del concorso per la magistratura contabile, ovvero alle prove scritte previste, che sono:

1. Diritto civile e diritto commerciale , con riferimenti al diritto processuale civile;

2. Diritto costituzionale e diritto amministrativo;

3. Contabilità pubblica, scienza delle finanze e diritto finanziario;

4. Prova pratica riferita alle funzioni della Corte dei conti.

 

Il punteggio minimo richiesto per l’ammissione alle prove orali è, per ogni prova scritta, di 35/50 con media di 40/50.

 

Concorso Magistrati Contabili: la prova orale

L’ultima fatica è costituita dall’esame orale che, invece, verterà su plurime materie: la difficoltà di superamento del concorso in questione risiede proprio nell’eterogeneità delle materie che il candidato deve provare di conoscere approfonditamente, che derivano sia da studi giuridici che economico-fiscali. Tra le materie richieste vi sono:

  • quelle indicate per le prove scritte;
  • diritto penale e diritto processuale penale;
  • diritto internazionale e diritto comunitario;
  • diritto finanziario;
  • diritto pubblico dell’economia;
  • politica economica;
  • programmazione economica e controllo delle aziende e delle amministrazioni pubbliche;
  • economia ed organizzazione aziendale;
  • statistica economica;
  • prova facoltativa di lingua (francese, inglese, tedesco, spagnolo).

Approfondisci Speciale Concorsi Pubblici

Al fine del superamento del concorso pubblico in questione, la consultazione combinata dei due seguenti volumi può assicurare una preparazione completa.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!