Come si separa una coppia di fatto?

di Concas Alessandra, Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia
PDF

In relazione alla separazione si pensa sempre alle coppie sposate, vale a dire, unite in matrimonio, però anche le coppie che convivono si possono separare.

La separazione, anche in simili casi, ha delle implicazioni di carattere legale quando la coppia ha figli, quando ci sono beni da dividere perché sono di proprietà di entrambi o quando uno dei due partner ha erogato all’altro ingenti somme di denaro non facenti parte delle normali liberalità che di solito si fanno quando si fa parte di una famiglia, ad esempio, per ristrutturare la casa o per iniziare un’attività commerciale.

In questo articolo scriveremo qualcosa su come procedere con la separazione per una coppia di conviventi e quali siano le regole da seguire.

    Indice

  1. L’accordo stipulato tra i partner che convivono
  2. Le modalità di ricorso in tribunale
  3. L’alternativa della negoziazione assistita
  4. Il rimborso delle spese

1. L’accordo stipulato tra i partner che convivono

La coppia di fatto, vale a dire, quella di due persone che convivono, se decide di separarsi non deve ricorrere al giudice.

Questo è valido anche quando la convivenza è stata formalizzata in Comune con l’iscrizione all’anagrafe come unico nucleo familiare.

Si dovrà semplicemente provvedere a modificare la propria residenza.

Se la coppia dovesse avere dei figli e gli stessi siano ancora minorenni o, se maggiorenni, non ancora autosufficienti  dal lato economico, i genitori potranno trovare un accordo tra loro per regolare:

  • L’affidamento del figlio che deve essere “condiviso”, vale a dire, che spetta sia al padre sia alla madre. L’affidamento consiste nel potere e dovere dei genitori di prendere le decisioni più importanti relative all’educazione, crescita, istruzione e salute dei figli.
  • La collocazione del figlio presso uno dei due genitori in via prevalente.
  • Il calendario delle visite alle quali l’altro genitore dovrà adempiere in modo obbligatorio, essendo suo dovere mantenere un legame affettivo solido e costante con il figlio.
  • L’importo dell’assegno di mantenimento in favore del figlio.
  • L’eventuale assegnazione della casa familiare al genitore presso il quale il figlio abita.

Il diritto di abitazione resta sino a quando il giovane non diventa autonomo e decide di andare a  vivere altrove.

2. Le modalità di ricorso in tribunale

Se la coppia di fatto non si accorda  sugli aspetti relativi ai figli, ognuno dei due genitori può proporre il ricorso al Tribunale del luogo dove risiede il minorenne, in modo che decida sugli  aspetti  relativi a:

affidamento, collocazione, diritto di visita, mantenimento, diritto di abitazione nella casa familiare.

I provvedimenti del giudice possono essere sempre oggetto di modifica se si  dovessero verificare degli eventi imprevedibili che modifichino le condizioni tra le parti in precedenza valutate dal giudice.

Salvo diversa previsione contenuta nel contratto di convivenza, alle coppie di fatto non viene applicato nessun regime di comunione dei beni, di conseguenza, ognuno dei partner resta proprietario di quello che ha acquistato, anche se i due decidessero di cointestarsi un conto corrente, un immobile, un’auto, oppure altro.

In simili casi, la comproprietà non cessa in modo automatico con la separazione,  resta sino a quando la coppia non decida di procedere alla separazione, che può avvenire di comune accordo, ad esempio con la vendita del bene e la divisione del ricavato, oppure con la vendita della quota dell’uno all’altro che la voglia acquistare.

Se i partner non si accordano si deve ricorrere al giudice che procede alla divisione giudiziale.

Il ricorso può essere promosso su istanza di uno dei due.

Il giudice verifica se il bene può essere diviso in natura, ad esempio, una villetta che può essere separata in due unità immobiliari distinte oppure a un conto corrente.

In caso contrario, si procede alla vendita forzata del bene, con conseguente spartizione del ricavato tra gli ex comproprietari.


Potrebbero interessarti anche


3. L’alternativa della negoziazione assistita

In alternativa al ricorso in Tribunale, i conviventi si possono accordare sia in relazione ai figli sia  alla divisione dei beni cointestati attraverso la firma di un contratto redatto dai rispettivi avvocati. La procedura prende il nome di negoziazione assistita, all’inizio prevista esclusivamente per le coppie sposate e di recente estesa anche alle coppie di fatto.

In questo modo, del quale si occupano i legali delle due parti e il Tribunale per la “ratifica”, ha lo stesso valore di una sentenza e vincola le parti a un provvedimento di carattere giudiziale.

4. Le modalità di rimborso delle spese

Le normali spese fatte per l’interesse della famiglia non sono oggetto di rimborso.

Anche per le coppie che convivono esiste l’obbligo della solidarietà familiare, vale a dire, il bisogno di prendersi carico l’uno dell’altro e di partecipare, in proporzione alle proprie capacità, ai bisogni del partner.

Escono da questo ambito le spese di notevole valore come, ad esempio, quelle per la ristrutturazione della casa di proprietà dell’ex o il prestito per l’avvio di un’attività commerciale o professionale.

Sull’argomento, la Suprema Corte di Cassazione ha affermato che in tema di convivenza more uxorio, un’attribuzione patrimoniale fatta a favore del partner convivente può essere configurata come adempimento di un’obbligazione naturale e, di conseguenza, non rimborsabile,  anche se la prestazione risulti adeguata ai fatti e proporzionata all’entità del patrimonio e alle condizioni sociali di chi ha eseguito il pagamento.

Quando la spesa sostenuta risulti in linea con le capacità economiche del soggetto che l’ha intrapresa, non deve essere restituita.

Anche un rapporto di convivenza, purché stabile ed equiparabile a una famiglia fondata sul matrimonio, ha dei doveri di collaborazione, cooperazione e reciproca assistenza nell’interesse della famiglia stessa.

Al contrario, dove ci sia una netta sproporzione tra i lavori realizzati e l’adempimento dei doveri morali e sociali assunti dal partner nell’ambito della convivenza di fatto, si può  parlare di un “ingiusto arricchimento” a carico dell’altro, che dovrà restituire le somme spese, essendosi avvantaggiato di un incremento di carattere patrimoniale, rappresentato dall’aumento di valore dell’immobile, in modo ingiustificato.

Volume consigliato:

Manuale di separazione e divorzio

Manuale di separazione e divorzio

Giunto alla settima edizione, il volume è dedicato agli operatori del diritto che si occupano della tutela e della cura della famiglia e, in particolare, della prole e che, nella loro pratica professionale, si confrontano con situazioni complesse e con responsabilità gravose.

Con questa opera si vuole offrire una risposta di pronta soluzione ai mille casi pratici che coinvolgono le famiglie in crisi che si rivolgono alla professionalità, all’esperienza e alla capacità degli operatori del diritto, in particolare all’avvocato dei minori e della famiglia.

Per una trattazione più completa, il volume pone un’attenzione particolare anche alle condotte penalmente rilevanti che possono verificarsi nel contesto familiare, mantenendo al centro la tutela dei figli e dei soggetti deboli.

Cristina Cerrai
Avvocato in Livorno, patrocinante in Cassazione, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei minori. Ha ricoperto il ruolo di Coordinatore Nazionale dell’Osservatorio di Diritto di Famiglia e dei Minori della Giunta A.I.G.A. Attualmente, in qualità di Consigliera di Parità della Provincia di Livorno, è responsabile del centro di ascolto antiviolenza “Sportello VIS”.
Stefania Ciocchetti
Avvocato in Bari.
Patrizia La Vecchia
Avvocato in Siracusa.
Ivana Enrica Pipponzi
Avvocato in Potenza.
Emanuela Vargiu
Avvocato in Cagliari.

Cristina Cerrai, Stefania Ciocchetti, Patrizia La Vecchia, Ivana Enrica Pipponzi, Emanuela Vargiu, 2020, Maggioli Editore
48.00 € 45.60 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

concas-alessandra

Concas Alessandra

Giornalista iscritta all’albo dell’Ordine di Cagliari e Direttore responsabile di una redazione radiofonica web. Interprete, grafologa e criminologa. In passato insegnante di diritto e lingue straniere, alternativamente. Data la grande passione per il diritto, collabora dal 2012 con la Rivista giuridica on line Diritto.it, per la quale è altresì Coautrice della sezione delle Schede di Diritto e Referente delle sezioni attinenti al diritto commerciale e fallimentare, civile e di famiglia.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e