Banche delegate alla riscossione delle imposte: responsabilità amministrativa, ma giurisdizione della Corte dei Conti

Banche delegate alla riscossione delle imposte: responsabilità amministrativa, ma giurisdizione della Corte dei Conti

di Milizia Giulia, Dott.ssa

Versione PDF del documento

Lo scorso 01 aprile le Sezioni Unite hanno emanato un’importante ordinanza, unica nel suo genere  leggibile qui in allegato, cui si rinvia integralmente): la n. 8409/08.
La particolarità di questa pronuncia risiede nel fatto che, per la prima volta, si definisce la natura del rapporto tra le banche delegate alla riscossione delle imposte (nella nostra fattispecie all’incasso della tassa di concessione governativa sulla partita IVA) e lo Stato, soprattutto in relazione al tipologia di responsabilità ad esse ascrivibile in caso di mancato od erroneo svolgimento dell’incarico assegnato, riservando la competenza a decidere sulle eventuali controversie al giudice contabile.
Alcune banche, incaricate dal Governo di fornirgli i supporti informatici, con i dati dei versamenti effettuati dai contribuenti, avevano proposto (una con ricorso principale, altre con interventi adesivi ex art. 105 cpc) alla Suprema Corte ricorso preventivo di giurisdizione, negando la competenza della Corte dei conti in tema di danno erariale. Infatti questi istituti di credito non avevano inviato le informazioni di cui sopra, nei termini di legge, rendendo impossibile la loro elaborazione e l’eventuale notifica delle relative cartelle esattoriali, provocando ingenti perdite allo Stato per i mancati introiti fiscali. Esse fondarono le proprie ragioni sostenendo che il loro ruolo non era assimilabile a quello dell’esattore delle tasse (prima della riforma attuata dalla L.657/86, disciplinante questo settore) e che l’attività di trasmissione dei dati non avesse alcuna attinenza con la gestione delle risorse finanziarie. Nel respingere questa tesi difensiva la Cassazione analizza dettagliatamente il quadro normativo della materia in oggetto, ricordando che l’art 12 L. 751/76, istituente l’IVA, prevedeva l’obbligo per il contribuente di effettuare i pagamenti tramite delega ad un’azienda di credito, analogamente a quanto previsto per le persone fisiche. Ciò è stato ribadito non solo dalla L. 657/86, ma anche dall’art. 2 DPR n. 43/88 e dal DM del 25/09/95 (artt.6-9), relativi, rispettivamente, alla qualificazione del servizio di riscossione come "concessione amministrativa" ed all’onere delle banche delegate di " […] registrare su supporto magnetico i dati relativi alle attestazioni rilasciate ed ai versamenti effettuati ed a trasmetterli agli uffici dell’amministrazione finanziaria […] " sì da consentire l’accertamento di eventuali evasioni, di facilitare l’irrogazione delle dovute sanzioni ed attivare le procedure di recupero crediti (v. art. 3 DM del Ministero delle Finanze del 16/10/96, in GU n.284/06 e pagg. 15 ss motivazioni).
Si noti che il contratto tra questi enti è atipico, in quanto contiene elementi del mandato ad rem e del contratto d’appalto di opere (riscossione tasse), più semplicemente sintetizzabile in un "rapporto di servizio", sì che gli istituti di cui sopra, pur essendo estranei all’organizzazione della P.A., svolgendo "un’attività anche solo strumentale […] alla funzione pubblica […]" attuano una funzione amministrativa, partecipando alla gestione della res publica (v. Cass. SS. UU. nn. 4112/07, 22513/06, 400 e 515/00).
Perciò ogni violazione del sinallagma sarà sanzionabile come responsabilità amministrativa e l’onere del versamento allo Stato delle somme percepite, in realtà, è un’obbligazione di valuta, in quanto le banche adempiono ad un proprio debito con la P.A, senza svolgere alcuna "potestà pubblica".
 Quest’ultimo è, in sintesi, un rapporto di natura privatistica, come facilmente intuibile da tutti (Cass. SS.UU. nn. 15110/06, 7443/96 e 5303/95), che "si inserisce in un procedimento amministrativo con effetti di perseguire finalità pubbliche."
 La natura pubblicistica dell’impegno delle suddette società, però, " […] non incide sulla determinazione della giurisdizione ordinaria […]". Rinviando al testo della sentenza per ogni ulteriore approfondimento, si noti come, di conseguenza, dall’inosservanza di questo onere discenda un danno erariale che, ex art. 1 L. 20/94, è di competenza della Corte dei conti, che sarà l’unica legittimata a decidere sulle cause oggetto della commentata sentenza, indipendentemente dalla qualificazione della natura dei rapporti tra Stato e istituti di credito.
 
Giulia Milizia

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

milizia-giulia

Milizia Giulia

Autrice per riviste giuridiche di fama nazionale ed internazionale. Ha completato la sua formazione con corsi di specializzazione in mediazione civile ex Dlgs 28/10  e relativi aggiornamenti ex DM 145/11, corsi sulla tutela della privacy, sul diritto societario e fallimentare, sulle nuove frontiere del web e sulle relative implicazioni giuridiche, sulle politiche familiari in Italia ed in Europa, sulla tutela del lavoratore e sulla sicurezza sul lavoro, sulla contrattualistica, sul diritto bancario e per l’esercizio della professione di amministratore di condomini. Le sue aree d'interesse sono la tutela della privacy, della proprietà intellettuale, pari opportunità, diritto internazionale, diritto del lavoro e previdenziale, diritto amministrativo, processo telematico e diritto legali all'informatizzazione della società, RCA, diritto condominiale, malpratice. Ho all'attivo oltre 1000 pubblicazioni riprese dai più importanti luminari del diritto nelle loro opere, monografie e portali giuridici.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!