Amazon: indagini Europa e USA per pratiche monopolistiche

Scarica PDF Stampa

Antitrust, Amazon al centro di indagini in Europa e stati uniti per presunte pratiche commerciali scorrette.
Amazon si trova nuovamente nell’occhio del ciclone delle autorità antitrust americana ed europea per il presunto svolgimento di “pratiche monopolistiche” che avrebbero un impatto negativo sui consumatori.
Volume consigliato per approfondire: I contratti e le nuove tutele dei consumatori

Indice

1. Accuse di pratiche monopolistiche ad Amazon


La Federal Trade Commission degli Stati Uniti accusa il gigante dell’e-commerce Amazon di incentivare i clienti ad aderire al suo servizio Prime per ottenere vantaggi logistici, ma applicando prezzi più elevati e limitando le opportunità di concorrenza per altri venditori.
La stessa commissione ha rilevato che all’interno della piattaforma sarebbero presenti pubblicità che confondono gli utenti e meccanismi che favoriscono la visibilità di alcuni prodotti a seconda degli investimenti pubblicitari degli azionisti, falsando così i meccanismi di ricerca, portando ad una maggiore visibilità dei prodotti degli affiliati, a discapito dell’equità della competizione sul mercato.
L’accusa principale contro Amazon riguarda tuttavia l’impatto sui costi per i consumatori. Il contratto tra un venditore terzo e Amazon, infatti, prevede che quando il primo desidera proporre i propri prodotti sull’e-commerce più famoso del mondo, debba ovviamente affrontare dei costi, che tuttavia sono spaventosamente aumentati negli ultimi anni (dal 19% chiesto nel 2014, si è passati al 45% di oggi). Una clausola del contratto, altresì, prevede che Amazon abbia la possibilità di bloccare la vendita di prodotti a prezzi inferiori su altri siti, compreso il sito proprietario del venditore. In questo modo, Amazon realizza de facto un aumento del prezzo, con conseguente detrimento dell’interesse del consumatore, che si trova suo malgrado nella posizione di subire l’abuso di posizione dominante da parte di Amazon, accusa quest’ultima molto grave per la legislazione antitrust americana.
Infine, una delle contestazioni più significative riguarda l’opzione “acquista adesso”, anch’essa costruita in maniera capziosa per offrire ai consumatori i prodotti al prezzo più elevato. Sempre per il meccanismo contrattuale poco sopra descritto, infatti, quando gli algoritmi crawler di Amazon (software in grado di “scandagliare” il web per cercare prodotti equivalenti a quelli venduti sulla piattaforma) rilevano che un prodotto venduto su una piattaforma concorrente ha un prezzo inferiore, Amazon rimuove il pulsante “acquista” dal sito concorrente, vanificando così qualsiasi possibilità di concorrenza.


Potrebbero interessarti anche:

2. Le accuse in Europa


Anche in Europa l’azienda di Bezos sta vivendo un periodo controverso, poiché subisce gli attacchi congiunti dell’Unione Europea, che ha avviato un’indagine della Commissione sulla Concorrenza, di Francia, Germania e Italia.
Nel nostro Paese, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) ha avviato un procedimento istruttorio contro Amazon fin dal 2019, accusando l’azienda di abuso di posizione dominante. L’accusa principale riguarda il programma di logistica preferenziale (FBA) e il suo impatto sulla visibilità e l’efficacia delle vendite sulla piattaforma, che porta gli utenti ad acquistare i prodotti dei venditori affiliati a questo programma.
Agcom ha emesso una sanzione di 1,128 milioni di euro contro Amazon, confermata dal Tribunale Amministrativo Regionale (TAR), ma ad oggi sospesa in attesa del ricorso alla Corte di Giustizia Europea.

3. Lo sviluppo dei servizi in cloud


Forse non tutti sanno che la fonte di redditività più alta per Amazon non è tanto la piattaforma e-commerce (nonostante la sua crescente attenzione ai margini di profitto, che ha altresì aumentato i prezzi dei servizi, primo tra tutti il notissimo Prime, nonché inserito la maggior parte dei contenuti a pagamenti) quanto l’interconnessione tra e-commerce e servizi cloud, che al contrario è stata sempre presa scarsamente in considerazione dalle autorità di regolamentazione della concorrenza.
Ebbene, anche l’uso dei servizi in cloud da parte dell’e-commerce può comportare una posizione di Amazon nettamente avvantaggiata rispetto ai concorrenti, sia nel settore dell’e-commerce, sia nel settore dei fornitori dei servizi cloud: è come dire che l’azienda di Bezos prende due piccioni con la stessa fava, i concorrenti ne restano schiacciati e a farne le spese sono (ancora una volta) i consumatori.
La velocità con cui il mercato tecnologico si evolve è tale che le misure antitrust possono giungere troppo tardi rispetto alle segnalazioni iniziali o all’avvio delle indagini, ed è innegabile che questo vada a tutto vantaggio di Amazon (e delle Big Tech in generale).
Questo pone una sfida fondamentale per le autorità antitrust e le istituzioni preposte alla regolamentazione, che devono essere in grado di adeguarsi all’accelerazione dei cambiamenti nel settore tecnologico. È importante trovare un equilibrio tra la tutela della concorrenza, la salvaguardia dei consumatori e la promozione dell’innovazione.
In un contesto in cui il progresso tecnologico è rapido, potrebbe essere necessario rivedere e adattare le leggi antitrust e i processi decisionali per affrontare efficacemente le sfide poste dalle grandi aziende tecnologiche.
L’obiettivo è quello di garantire che l’azione antitrust sia in grado di mantenere il passo con l’evoluzione dei mercati digitali e proteggere l’interesse pubblico, pur promuovendo l’innovazione e la concorrenza.

Volume consigliato per approfondire

FORMATO CARTACEO

I contratti e le nuove tutele dei consumatori

Il volume si propone, con un taglio pratico e operativo, di esplorare le principali aree di interesse correlate ai rapporti contrattuali B2C, ovverosia quelli caratterizzati dalla presenza di un consumatore e dal conseguente squilibrio negoziale tra le parti. Ampio spazio è dedicato ai nuovi contratti con i consumatori, aventi ad oggetto i beni e i servizi digitali, nonché alle prospettive consumeristiche delle piattaforme dei social network. A completamento dell’analisi sostanziale e dei relativi risvolti pratici, l’opera tratta delle forme di tutela del consumatore, fornendo uno strumento organico in materia di contratti consumeristici. Carlo Edoardo Cazzato Avvocato, Partner di Orsingher Ortu Avvocati Associati e responsabile della practice di diritto antitrust. Dottore di ricerca in diritto commerciale presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, ha conseguito un Postgraduate Diploma in EU Competition Law e un LL.M. in International Business Law, rispettivamente presso il King’s College London e la De Montfort University of Leicester. È Non Governmental Advisor della DG Competition della Commissione europea, nonché professore a contratto di diritto antitrust presso l’Università Mercatorum. Ha maturato particolare esperienza nei settori regolati, quali tlc, media, energy e farmaceutico, assistendo clienti nazionali e internazionali dinanzi all’AGCM, alla Commissione europea, al Giudice amministrativo e a quello ordinario, nonché alle Corti comunitarie in relazione a ogni genere di criticità antitrust o consumeristica. È presente nelle principali legal directories italiane e internazionali quale esperto di competition law ed è autore e/o curatore di numerose pubblicazioni in materia di diritto della concorrenza e dei consumatori, tra cui un’opera monografica (Le linee guida sulla quantificazione delle sanzioni antitrust, Torino, 2018) e un trattato (Diritto antitrust, Milano, 2021). Marta Arenaccio, Marta Bianchi, Carlo Edoardo Cazzato, Alfonso Contaldo, Maria Grazia D’Auria, Michele Iaselli, Teodora Pastori, Davide Piazzoni, Giovanni Scoccini, Marta Zilianti

Carlo Edoardo Cazzato | Maggioli Editore 2022

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento