Al GO la giurisdizione sull’impugnazione delle decisioni del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei dottori commercialisti, in materia di provvedimenti disciplinari

Al GO la giurisdizione sull’impugnazione delle decisioni del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei dottori commercialisti, in materia di provvedimenti disciplinari

di Maiolino Vincenzo

Versione PDF del documento

Al GO la giurisdizione sull’impugnazione delle decisioni del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei dottori commercialisti, in materia di provvedimenti disciplinari (Cassazione Civile Sez. Un. Ordinanza n. 30785 del 30/12/2011).

La giurisdizione sull’impugnazione delle decisioni del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei dottori commercialisti, in materia di provvedimenti disciplinari, spetta al Giudice ordinario.

Lo ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite lo scorso 10 maggio (Ordinanza n. 30785 depositata il 30/12/2011 ) decidendo su un regolamento preventivo di giurisdizione proposto da un iscritta all’Ordine dei Dottori Commercialisti.

In particolare la professionista chiedeva l’affermazione della giurisdizione del Giudice ordinario sostenendo che essendo il provvedimento disciplinare un provvedimento che incide direttamente sul diritto soggettivo all’esercizio dell’attività professionale, per la tutela dello stesso deve sempre essere data la possibilità di adire un giudice e che questo giudice deve essere quello ordinario, giudice generalmente competente in materia di diritti soggettivi.

Gli ordini professionali territoriale e nazionale, per contro, chiedevano l’affermazione della giurisdizione del giudice amministrativo sulla base del fatto che l’atto impugnato ha natura giuridica di atto amministrativo e come tale rientrerebbe nella competenza del TAR.

I giudici della Suprema Corte hanno ritenuto di avvallare la tesi prospettata dalla ricorrente sulla base della considerazione che la situazione in cui la professionista si è trovata coinvolta (ossia la sospensione dall’esercizio dell’attività professionale per tre mesi) abbia la natura di diritto soggettivo e non quella di interesse legittimo, la competenza a conoscere tale questione deve essere pertanto riservata alla giurisdizione del giudice ordinario.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

maiolino-vincenzo

Maiolino Vincenzo

Lo studio, situato al centro di Bologna, fornisce consulenza e assistenza in materia di diritto civile, diritto del lavoro, contrattualistica, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto dell'immigrazione, cittadinanza, diritto di famiglia, diritto successorio, diritto locatizio e condominiale, recupero crediti, responsabilità medica, infortunistica stradale, opposizione a sanzioni amministrative e diritto dei consumatori. Grazie alla collaborazione di professionisti specializzati lo studio è in grado di offrire le proprie prestazioni professionali su tutto il territorio nazionale e con riscontro tempestivo. Possibilità di convenzioni fiduciarie con aziende per attività di recupero crediti e gestione contrattualistica.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!