Viola la privacy il post su Facebook che contiene dati personali

di Muia' Pier Paolo, Referente per le sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio
PDF

Viola la normativa privacy la pubblicazione di un post su Facebook con l’indicazione di un esposto e i dati personali del soggetto cui si riferisce l’esposto.

 Indice

  1. I fatti
  2. Le difese del titolare del trattamento
  3. La decisione del Garante

1. I fatti 

Un soggetto aveva presentato un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali sostenendo che un post pubblicato sulla pagina Facebook di un’associazione sindacale sostanziasse una violazione della normativa in materia di privacy e chiedeva pertanto la rimozione del post e l’ applicazione di una sanzione a carico della associazione sindacale.

In particolare, il reclamante sosteneva di essere un ingegnere tecnico della prevenzione presso una ASL e che la associazione sindacale di cui è causa avesse presentato un esposto alla procura della repubblica del tribunale locale e alla procura generale della corte dei conti, lamentando che la ASL di cui sopra, nel disporre il trasferimento del reclamante dal servizio di prevenzione e protezione aziendale alla direzione sanitaria aziendale, avesse violato il regolamento sulla mobilità in quanto continuava a corrispondere al reclamante l’indennità mensile di polizia giudiziaria (di cui, invece, non aveva più diritto dopo il trasferimento di funzioni). L’associazione sindacale aveva poi pubblicato l’intero esposto in un post contenuto sul proprio profilo Facebook, ad accesso libero, e in tal modo detto esposto, contenente anche nome, cognome, attività lavorativa svolta e datore di lavoro del reclamante, aveva avuto una diffusione incontrollata (tant’è che era rinvenibile su Google associato al nome del reclamante).

Il Garante aveva quindi avviato l’istruttoria e chiesto alla associazione sindacale giustificazioni al riguardo e l’eventuale volontà di adeguarsi alle richieste di rimozione del post formulate dal reclamante.

>>>Leggi il Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali n. 73 del 24 febbraio 2002 

2. Le difese del titolare del trattamento

A fronte delle richieste del Garante, l’associazione sindacale ha evidenziato che la pubblicazione del nome, cognome e qualifica del reclamante è avvenuta in quanto egli è un dipendente pubblico della ASL e pertanto vi sarebbe un obbligo di trasparenza.

In secondo luogo, il titolare del trattamento ha evidenziato che i dati di cui sopra sono stati riportati in relazione a fatti specifici rispetto ai quali potrebbe configurarsi una responsabilità penale e amministrativa del reclamante medesimo e che detta pubblicazione è stata fatta dall’associazione nell’interesse dei lavoratori e quale portatrice di un interesse collettivo di tutela dei lavoratori e dei loro diritti. Secondo l’associazione, infatti, la pubblicazione dei dati di cui si discute era stata dettata da finalità informative ai lavoratori, nel cui interesse l’associazione agisce, per sensibilizzarli e portare loro a conoscenza di condotte non legittime che sono state poste in essere dalla pubblica amministrazione. In altri termini, per la titolare del trattamento l’indicazione di nome, cognome e qualifica professionale del reclamante sono state pubblicate affinché la associazione sindacale potesse adempiere al proprio ruolo di critica e denuncia sindacale.

Infine, detta associazione ha sostenuto che l’indicazione dei dati di cui sopra era anche legata a possibili situazioni di incompatibilità cui il reclamante era esposto nella duplice veste di tecnico della prevenzione e ufficiale di polizia giudiziaria.

In conclusione e nonostante le difese di cui sopra, l’associazione ha fatto presente di aver provveduto alla rimozione del post dalla propria pagina Facebook.


Potrebbero interessarti anche: 


3. La decisione del Garante

Preliminarmente il Garante ha ricordato che la diffusione dell’esposto in esame sulla pagina Facebook dell’organizzazione sindacale deve essere ricondotta ai trattamenti effettuati nell’esercizio della libertà di espressione e che pertanto trovano applicazione le relative Regole deontologiche di cui al Codice privacy, le quali individuano come limite alla diffusione dei dati personali per le finalità descritte il rispetto del principio della “essenzialità dell’informazione riguardo a fatti di interesse pubblico”.

Ciò premesso, il Garante ha ritenuto che la diffusione dell’esposto sulla pagina Facebook ad accesso libero del Sindacato abbia determinato una violazione delle suddette norme deontologiche, in quanto erano contenuti i dati identificativi del reclamante e altresì informazioni specifiche della sua qualifica professionale.

Secondo il Garante, infatti, la finalità che il Sindacato intendeva perseguire con la suddetta pubblicazione, volta a informare e tutelare i lavoratori, avrebbe potuto essere raggiunta attraverso delle forme di comunicazione dell’accaduto che avessero un numero di destinatari più limitato e senza rendere pubblici a chiunque i contenuti dell’esposto.

L’uso, invece, dei dati identificativi del reclamante è eccedente rispetto alle finalità di cui sopra e lesivo della reputazione di quest’ultimo.

In considerazione di quanto sopra, il Garante ha ritenuto che la diffusione del post di cui si discute sia illecita, poiché contrasta con le regole deontologiche previste dal codice privacy in ordine all’esercizio della libertà di manifestazione del pensiero e con i principi di liceità e correttezza del trattamento previsti dal GDPR.

Tuttavia, in considerazione del fatto che l’ associazione sindacale aveva rimosso il post dalla propria pagina facebook e ha così aderito alle richieste dell’ interessato durante il procedimento, nonché del fatto che detta associazione non aveva alcun precedente per analoghe violazioni commesse in precedenza, ha ritenuto che vi fossero i presupposti per adottare dei provvedimenti prescrittivi a carico della associazione e che fosse proporzionata, per la violazione commessa da detta associazione, la misura dell’ ammonimento ad adeguarsi integralmente alle disposizioni previste in materia di trattamento dei dati personali nell’esercizio della libertà di manifestazione del pensiero.

Volume consigliato:

Privacy e GDPR: Manuale applicativo con esempi e casistiche settoriali

Privacy e GDPR: Manuale applicativo con esempi e casistiche settoriali

Monica Mandico, 2019, Maggioli Editore

Il volume si distingue per il suo carattere multidisciplinare ponendosi quale strumento pratico e immediato per rispondere in modo corretto alle finalità della legge.Per ogni tipologia di attività, dalla sanità, alle assicurazioni, dalle banche, alle PMI fino ad...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

pier-paolo-muia

Muia' Pier Paolo

Co-founder dello Studio Legale "MMP Legal", svolge la professione di avvocato in Firenze, Prato e Pistoia, occupandosi in via principale con il suo staff di responsabilità professionale e civile; internet law, privacy e proprietà intellettuale nonchè diritto tributario. In particolare, svolge attività di assistenza e difesa sia di professionisti destinatari di richieste di risarcimento  danni per inadempimento professionale sia di soggetti danneggiati da sinsitri, soprattutto per malpractice medica; consulenza relativamente alla gestione e alla tutela dei dati personali in ogni area e settore di attività nonché assistenza e difesa, stragiudiziale e giudiziale, per quanto riguarda i contratti e i rapporti tramite internet ed in generale tutte le problematiche relative ai servizi on line ed ai correlati diritti; redazione di accordi di licenza e cessione di marchi, dei diritti di sfruttamento economico delle opere dell'ingegno, di know-how e di brevetti; difesa giudiziale per la tutela dei diritti d'autore e di brevetti, marchi e disegni, nonché avverso attività di concorrenza sleale; difesa e rappresentanza nei giudizi dinanzi alle commissioni tributarie. Per Diritto.it è Referente delle sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio. Pagina Facebook: https://www.facebook.com/studiolegalemasimuia/?ref=br_rs Pagina Instagram: https://www.instagram.com/mmp_studiolegale/


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e