Un pergolato coperto da una tettoia è tenuto al rispetto delle distanze

Un pergolato coperto da una tettoia è tenuto al rispetto delle distanze

Redazione

Versione PDF del documento

A fronte della realizzazione di un pergolato coperto con una tettoia, l’ufficio tecnico comunale ingiunge la demolizione per mancanza del permesso di costruire e per mancato rispetto del regime delle distanze.

Secondo la tesi comunale, infatti, non si è dinanzi ad un normale pergolato ma, a seguito dell’installazione di una tettoia, ad una struttura importante e rilevante ai fini del rispetto delle distanze in edilizia.

Il proprietario contesta la valutazione dell’ufficio e sorge il contenzioso dinanzi al giudice amministrativo.

Il commento

Quando un pergolato viene coperto nella parte superiore (anche per una sola porzione) con una struttura non facilmente amovibile (realizzata con qualsiasi materiale), è assoggettato alle regole dettate per la realizzazione delle tettoie e, di conseguenza, è tenuto al rispetto delle distanze: è questo il principio espresso dai giudici nella sentenza in commento, sulla base di un consolidato orientamento.

Posto che un pergolato è un manufatto realizzato in struttura leggera di legno che funge da sostegno per piante rampicanti o per teli, destinato ad un uso del tutto provvisorio e costituente altresì un elemento ornamentale, secondo i giudici l’installazione successiva, al di sopra, di una tettoia, ossia di una struttura di notevole impatto sullo stato dei luoghi, determina il venir meno del carattere precario del pergolato, trasformando l’installazione complessivamente considerata in una costruzione rilevante.

In particolare, anche gli accessori e le pertinenze che abbiano dimensioni consistenti e siano stabilmente incorporati al resto dell’immobile, così da ampliarne la superficie o la funzionalità economica, sono soggette al rispetto della normativa sulle distanze, così come qualsiasi manufatto non completamente interrato che abbia i caratteri della solidità, stabilità ed immobilizzazione al suolo, anche mediante appoggio, incorporazione o collegamento fisso ad un corpo di fabbrica preesistente o contestualmente realizzato, indipendentemente dal livello di posa e di elevazioni dell’opera.

(continua a leggere…)

Volume consigliato

MANUALE DEL CONDOMINIO

MANUALE DEL CONDOMINIO

Silvio Rezzonico, 2018, Maggioli Editore

Guida completa per il Professionista del condominio,questo nuovo Manuale  aggiornato con i nuovi bonus e detrazioni fiscali previsti dalla Legge di bilancio 2018 per giardini, balconi e terrazzi, ristrutturazioni e arredi, risparmio energetico, ecobonus e sismabonus, fornisce...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!