Telemarketing selvaggio: in arrivo il registro delle opposizioni per i cellulari, ma sarà davvero risolutivo?

di Luisa Di Giacomo, Avv.
PDF

Dopo un iter legislativo e pratico a dire poco accidentato, pare che la data di scadenza del telemarketing selvaggio sia finalmente stata individuata: dal 27 luglio prossimo potremo finalmente iscrivere anche i numeri cellulari al Registro delle Opposizioni, lo strumento legislativo pensato per tutelare i consumatori e bloccare le telefonate indesiderate.

Troppe volte nel corso della giornata riceviamo chiamate da operatori di call center e spesso, soprattutto ultimamente, anche da bot automatizzati, che ci propongono offerte di marketing imperdibili per cui non ricordiamo di avere mai prestato il consenso. E poiché il consenso è l’unica base giuridica legittima per le attività di marketing (e deve essere libero, informato, inequivocabile, revocabile in qualsiasi momento), possiamo ragionevolmente desumere che queste telefonate siano illegittime.

Il Garante per la Privacy ha pesantemente sanzionato i colossi dell’energia e delle telecomunicazioni in merito (ricordiamo tra i casi più eclatanti la multa di 12.000.000 di euro a Vodafone nel 2020, la multa di 26.500.000 di euro a Enel Energia a gennaio di quest’anno e quella di “soli” 3.500.000 a Sky lo scorso ottobre), ma nonostante le cifre da capogiro le telefonate non si fermano. Gli operatori svolgono il loro lavoro, questo è certo, ma è chiaro che gli utenti che si sentono letteralmente bombardare, non potendo difendersi in altro modo (il modo ci sarebbe, per la verità, ed è l’esposto al Garante per la privacy, per l’appunto, ma nella pratica viene poco utilizzato), finiscono per prendersela con gli incolpevoli chiamanti.


Leggi anche:


Fino ad oggi, o meglio fino al 27 luglio. A breve, grazie all’iscrizione della nostra utenza mobile nel Registro delle opposizioni (finora era possibile iscrivere solo i numeri di rete fissa e nonostante fosse stata deliberata la possibilità di estendere il Registro anche ai cellulari, l’applicazione pratica ha tardato anni ad arrivare) potremo bloccare le chiamate moleste.

Il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti, Simone Baldelli, ha annunciato che avranno accesso al Registro sarà di circa 78 milioni di numeri. L’iscrizione al Registro, di fatto, servirà come atto proattivo di revoca di ogni eventuale consenso prestato in precedenza, magari incautamente, firmando moduli con informative nebulose e poco chiare o senza leggere ciò a cui stavamo effettivamente acconsentendo.

Come funziona il Registro delle opposizioni?

Si tratta di un servizio raggiungibile online sul sito www.registrodelleopposizioni.it al quale i cittadini possono iscriversi gratuitamente, inserendo i propri dati ed il numero su cui intendono revocare il consenso o comunque esprimere un espresso diniego al trattamento per fini di marketing. L’iscrizione al Registro impedirà agli operatori, sia fisici sia automatici, di contattare quel numero. Oltre quindi ad esprimere un espresso divieto di essere contattati, iscrivendo il nostro numero revocheremo anche i consensi rilasciati in precedenza e sanciremo il divieto di cessione a terzi dei nostri dati per le medesime finalità di marketing.

Chi non avesse dimestichezza con il registro online può telefonare al numero verde 800 265 265 e richiedere l’iscrizione telefonicamente, oppure inviare una email con il modulo di iscrizione compilato all’indirizzo iscrizioni@registrodelleopposizioni.it.

Sembra quasi troppo bello per essere vero. Pochi secondi e l’incubo delle telefonate moleste cancellato per sempre. Ma sarà veramente così?

Per funzionare correttamente ci sarà bisogno di una presa di coscienza da parte dei servizi che svolgono il servizio di telemarketing, ovvero una verifica preventiva dell’utenza che si sta per chiamare. E non è difficile pensare che, nonostante l’iscrizione al Registro, le telefonate proseguiranno comunque, perché nel bilanciamento tra costi e benefici, forse sarà più conveniente, soprattutto per i grandi colossi, affrontare il rischio di una sanzione, piuttosto che rinunciare ad una vasta platea di potenziali contatti commerciali.

Altre possibili soluzioni da coordinare con il Registro delle opposizioni

Non solo, ma spesso i players illegali utilizzano numeri bot, che non sono richiamabili dall’utente, o peggio ancora numeri clonati. I nostri dati sono talmente dispersi nella rete, sia che noi ne siamo a conoscenza sia che, come più spesso accade, non ce ne rendiamo nemmeno contro, che per noi risulta estremamente complicato risalire a chi abbiamo fornito i consensi e praticamente impossibile esercitare i nostri diritti. Anche quando chiediamo di “parlare con un responsabile” alla persona che ci sta chiamando, si rivela una perdita di tempo, in quanto nel momento in cui l’operatore riattacca per noi è impossibile richiamare o individuare da dove arrivava la telefonata.

Anche in termini contrattuali, spesso firme e consensi vengono falsificati, rendendo sempre più complicato per chi non abbia competenze specifiche, difendersi non solo dal telemarketing selvaggio, ma anche da possibili truffe peggiori.

La soluzione potrebbe essere quella di affiancare al Registro, che è comunque un solido punto di partenza, ma di certo non può essere considerato di arrivo, l’utilizzo di tecnologie adeguate: sistemi di identificazione ed autenticazione dei chiamanti, utilizzo di numerazioni certificate come affidabili, firma dei contratti tramite autenticazione multi fattore ed eventualmente anche smart contracts.

Tra l’altro, l’adozione di comportamenti virtuosi di questo genere, oltre a tutelare maggiormente gli utenti contro le azioni illegali, premierebbe le aziende che si comportano correttamente, trattando i dati con trasparenza, nel rispetto dei principi di compliance del GDPR, le quali avrebbero sicuramente una platea di consumatori da contattare molto più ristretta, ma allo stesso tempo maggiormente qualificata, interessata ed in target, e con conseguente maggiore tasso di conversione.

Una soluzione che accontenterebbe tutti e che, soprattutto, porrebbe fine ad un tormento, quello del telemarketing aggressivo, selvaggio e non controllato, che negli anni nessuna regola e nessuna multa, per quanto astronomica, è stata in grado di arginare.

Volume consigliato:

Marketing e Trattamento Dati

Marketing e Trattamento Dati

Rapicavoli Roberta, 2019, Maggioli Editore

L’attività promozionale e commerciale può essere svolta attraverso molteplici strumenti e canali (e-mail, SMS, messaggi diretti sui social o push notification) e mediante diverse iniziative e operazioni (come organizzazione di contest e eventi gratuiti o pubblicazione di...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

luisa-di-giacomo

Luisa Di Giacomo

Laureata in giurisprudenza a pieni voti nel 2001, avvocato dal 2005, ho studiato e lavorato nel Principato di Monaco e a New York. Dal 2012 mi occupo di compliance e protezione dati, nel 2016 ho conseguito il Master come Consulente Privacy e nel 2020 ho conseguito il titolo Maestro per la Protezione dei Dati e Data Protection Designer dell’Istituto Italiano per la Privacy. Mi occupo di protezione dei dati e Cybersecurity, sono docente e formatore per Maggioli s.p.a. e coordino la sezione Cybersecurity della pagina diritto.it. Sono Data Protection Officer e consulente per la protezione e sicurezza dei Dati in numerose società nel nord Italia. Ho una pagina Instagram e un Canale YouTube in cui parlo dell’importanza dei Dati e della Cybersecurity, con l'obiettivo di contribuire a diffondere una maggiore cultura e consapevolezza digitale. Mi piace definirmi Cyberavvocato. I miei social: LinkedIn Instagram YouTube


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e