Garante privacy: niente telemarketing per chi è iscritto al Registro Pubblico delle Opposizioni

Redazione 19/01/22
Scarica PDF Stampa
Sono in arrivo novità importanti per quanto riguarda il telemarketing selvaggio. I consumatori, iscritti al Registro Pubblico delle Opposizioni (Rpo), potranno opporsi alla ricezione non solo delle chiamate indesiderate tramite operatore, ma anche di quelle effettuate con l’uso di sistemi automatizzati.

Il Garante privacy ha espresso parere favorevole al nuovo schema di regolamento sul registro pubblico degli utenti che si oppongono all’utilizzo dei propri dati personali e del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali.

Che cos’è il Registro Pubblico delle Opposizioni?

Il Registro Pubblico delle Opposizioni o RPO, come si legge sul sito registrodelleopposizioni.it, è il registro al quale l’utente può iscriversi gratuitamente e che permette di opporsi all’utilizzo dei numeri di telefono di cui si è intestatari per finalità pubblicitarie. In questo modo, gli operatori che svolgono attività di marketing tramite il telefono e/o la posta cartacea non possono contattare i numeri telefonici contenuti nel RPO.

L’utente può richiedere l’iscrizione, l’aggiornamento dei dati e la revoca al RPO tramite quattro modalità:

  1. web (compilazione di un modulo elettronico),
  2. telefono (chiamata al numero verde RPO),
  3. email (invio tramite posta elettronica di un apposito modulo),
  4. raccomandata.

Le novità sul RPO

Il nuovo schema di regolamento sul registro pubblico degli utenti, che ha ricevuto parere favorevole del Garante privacy, modifica e aggiorna il funzionamento del cosiddetto RPO.

I consumatori potranno presto opporsi alla ricezione non solo delle chiamate indesiderate tramite operatore, ma anche di quelle effettuate con l’uso di sistemi automatizzati, modalità di contatto che sino ad ora era sfuggita alle limitazioni sancite dalla disciplina previgente.

L’iscrizione al Rpo comporterà, tra l’altro la revoca dei precedenti consensi espressi dai consumatori, così da evitare il perdurare di eventuali abusi.

Apprezziamo il fatto che siano state accolte le indicazioni del Garante per la protezione dei dati personali al fine di offrire maggiori tutele ai consumatori contro le chiamate indesiderate, in particolare quelle automatizzate – ha affermato il Presidente del Garante Pasquale Stanzione – La modifica normativa apportata con il “decreto capienze” e questo nuovo regolamento attuativo, pur assicurando ampio spazio alla concorrenza e all’iniziativa commerciale, offrono tutela ai cittadini rispetto a un fenomeno, quale quello del telemarketing selvaggio, particolarmente invasivo e intollerabile, soprattutto per i più vulnerabili.


Rimani aggiornato!


Volume consigliato:

Marketing e Trattamento Dati

L’attività promozionale e commerciale può essere svolta attraverso molteplici strumenti e canali (e-mail, SMS, messaggi diretti sui social o push notification) e mediante diverse iniziative e operazioni (come organizzazione di contest e eventi gratuiti o pubblicazione di immagini e contenuti su blog o su social network) da cui deriva un trattamento di dati personali che obbliga, fin dalla fase di pianificazione e pro- gettazione, a tenere in considerazione le prescrizioni del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) e del D.Lgs.n. 196/2003 (Codice privacy), così come modificato dal D.Lgs. n. 101/2018 (decreto di adeguamento dell’ordinamento nazionale al Regolamento UE 2016/679).Il volume si rivolge, pertanto, sia agli operatori commerciali che ai loro consulenti, con l’obiettivo di chiarire le regole da seguire per svolgere attività di marketing nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, indicando i profili di maggior rilievo da dover considerare per non commettere errori e, di conseguenza, per evitare sia il rischio di sanzioni e responsabilità, sia quello – non meno rilevante – di compromettere l’immagine aziendale o professionale.ROBERTA RAPICAVOLIAvvocato, Master di primo livello in “Diritto delle tecnologie informatiche” organizzato dall’Osservatorio CSIG di Messina, esercita l’attività professionale nel settore della privacy, del diritto informatico e del diritto applicato a internet e alle nuove tecnologie. In tali settori del diritto presta assistenza e consulenza a imprese e professionisti.È autrice di libri e si dedica ad attività divulgativa e formativa, pubblicando articoli e approfondimenti in materia di privacy e di diritto informatico su riviste di settore e siti web e partecipando, quale relatrice e docente, a eventi e corsi, organizzati in tutto il territorio nazionale, su tematiche attinenti alla protezione dei dati personali e sulle questioni di maggior interesse riguardanti il rapporto tra diritto e mondo del web e delle nuove tecnologie.

Rapicavoli Roberta | 2019 Maggioli Editore

24.00 €  22.80 €

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento