TAR Lazio,Roma – Prima Sezione, sent. n. 3453 del 19/04/2007 in materia di autorizzazione degli incarichi extragiudiziari mediante silenzio assenso.

di , Array
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio
Roma – Prima Sezione
nelle persone dei magistrati:
Dott. ****************                         Presidente
Dott. **************                              Componente
Dott. *****************                     Componente, relatore
ha pronunciato la seguente
SENTENZA
sul ricorso n. 3586 del 2004, proposto da
F.B.
rappresentato e difeso dall’Avv. ******************* con cui è elettivamente domiciliato in Roma, Viale Angelico n. 193 (c/o Avv. *****************)
contro
 Ministero della Giustizia – Consiglio Superiore della Magistratura, in persona dei legali rappresentanti pro tempore, rappresentati e difesi dall’Avvocatura Generale dello Stato presso cui ope legis domiciliano in Roma, Via dei Portoghesi n. 12
per l’annullamento
del provvedimento n. P2085/2004 del 9.2.2004 avente ad oggetto il diniego di autorizzazione per l’espletamento di incarico extra-giudiziario consistente in n. 8 ore di lezione presso la Seconda Università degli Studi di Napoli – Facoltà di Medicina e Chirurgia – corso di laurea in fisioterapista;
di ogni altro atto presupposto, connesso e/o consequenziale.
Visto il ricorso con i relativi allegati;
Vista la costituzione in giudizio dell’Avvocatura Generale dello Stato;
Visti gli atti tutti della causa;
Relatore alla udienza pubblica del 21 febbraio 2007 il dott. *****************, mentre nessuno è comparso per le parti;
Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue:
FATTO E DIRITTO
1.         Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 4 febbraio 2004, ha deliberato di non autorizzare l’incarico conferito dalla Seconda Università degli Studi di Napoli, Facoltà di Medicina e Chirurgia, al dott. F. B., sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nola, per l’insegnamento di 8 ore di lezione di diritto amministrativo per il corso di laurea di fisioterapista nell’anno accademico 2003/2004.
            Il ricorso è articolato nei seguenti motivi:
Violazione e falsa applicazione dell’art. 53 D.Lgs. 165/2001. Violazione dell’art. 16 R.D. 12/1943. Eccesso di potere per carenza di istruttoria e assenza dei presupposti. Ingiustizia manifesta. Violazione della circolare C.S.M. n. 15207 del 16 dicembre 1987 e succ. modd.
Il C.S.M. avrebbe emesso il provvedimento quando si era ormai esaurito il potere di decidere essendo decorsi i trenta giorni fissati dall’art. 53 D.Lgs. 165/2001, al termine dei quali l’autorizzazione si intenderebbe rilasciata.
L’incarico per il quale è stata richiesta l’autorizzazione rientrerebbe tra quelli autorizzabili ai sensi delle circolari che disciplinano la materia e tutti i parametri di cui alla circolare n. 15207/1987 sarebbero rispettati; il ricorrente avrebbe comunque garantito che l’espletamento dell’incarico sarebbe avvenuto senza incidere sul funzionamento dell’Ufficio di appartenenza.
Il ricorrente sarebbe stato autorizzato all’effettuazione di 20 ore di insegnamento presso l’Università di Cassino, per cui non avrebbe superato il limite fissato nella c.d. “prassi consiliare”.
La c.d. “prassi consiliare”, che fissa il limite massimo di autorizzazione per incarichi di insegnamento in 35 ore per anno accademico, sarebbe arbitraria, mentre la circolare n. 15207/1987 richiederebbe una valutazione in ordine al caso concreto.
In ogni caso, dovrebbe essere garantita al ricorrente la possibilità di scegliere quale incarico, tra quelli di cui è assegnatario, voglia espletare.
            L’Avvocatura dello Stato ha contestato la fondatezza delle censure dedotte concludendo per il rigetto del ricorso.
            L’istanza cautelare è stata accolta con ordinanza n. 2283 pronunciata da questa Sezione nella camera di consiglio del 28 aprile 2004.
            All’udienza pubblica del 21 febbraio 2007, la causa è stata introitata per la decisione.
2.         Il Consiglio Superiore della Magistratura, con l’impugnata delibera del 4 febbraio 2004, ha negato al ricorrente un incarico di insegnamento di 8 ore di lezione di diritto amministrativo per il corso di laurea in fisioterapista conferito dalla Seconda Università degli Studi di Napoli, Facoltà di Medicina e Chirurgia.
            Il provvedimento è stato adottato:
          considerato che, fra i principi generali in materia di autorizzazione degli incarichi extragiudiziari, assume speciale rilievo il riscontro della compatibilità dell’incarico con l’efficiente espletamento delle funzioni giudiziarie, dovendosi impedire significative sottrazioni di energia del magistrato ai compiti istituzionali;
          considerato che il magistrato richiedente è già stato autorizzato in data 14.1.2004 a svolgere 36 ore di lezione presso l’Università di Cassino per l’anno accademico 2003/2004;
          vista la prassi consiliare che ha quantificato in 35 ore per anno accademico il limite massimo di autorizzazione per incarichi di insegnamento presso le Università per evitare sottrazioni prolungate all’attività di servizio.
Con la prima censura, il ricorrente ha dedotto l’illegittimità del diniego dell’intervenuta formazione del silenzio assenso sulla propria istanza.           
      La doglianza è fondata e va accolta.
            L’art. 53, co. 10, D.Lgs. 165/2001 prevede che l’amministrazione di appartenenza deve pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione allo svolgimento di incarichi retribuiti entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta stessa; decorso il termine per provvedere, l’autorizzazione, se richiesta per incarichi da conferirsi da amministrazioni pubbliche, si intende accordata, negli altri casi si intende definitivamente negata.
            In tal modo, il legislatore coniuga le contrapposte esigenze delle parti, atteso che consente comunque all’amministrazione una pronuncia espressa, ma ne limita lo spatium deliberandi, prevedendo la formazione del silenzio assenso nel solo caso di conferimento dell’incarico da parte di un soggetto pubblico, laddove è meno avvertita e, quindi, risulta recessiva l’esigenza di tutela dell’interesse pubblico.
            Il comma 6 dell’art. 53 in discorso stabilisce che i commi da 7 a 13 dell’articolo si applicano ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, co. 2, compresi quelli di cui all’art. 3.
            Di talché, la Sezione ha già avuto modo di osservare che la questione dell’applicabilità ai magistrati del descritto procedimento di assenso è risolto dallo stesso art. 53, co. 6, che richiama i dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all’art. 3, il quale contempla espressamente il personale di magistratura (cfr. T.A.R. Lazio, Roma, I, 5 dicembre 2005, n. 12979).
            D’altra parte, il termine di legge è sufficientemente ampio per consentire una ponderata valutazione sulla compatibilità dell’incarico extragiudiziario del magistrato con le esigenze di servizio e con le funzioni giudiziarie concretamente svolte, per cui l’eventuale formazione del silenzio assenso non incide né sulla rilevanza costituzionale del C.S.M. né sull’autonomia dell’ordine giudiziario.
            Nel caso di specie, sebbene non risulti agli atti del giudizio la data di ricezione dell’istanza, costituisce una circostanza sostanzialmente incontestata che l’amministrazione abbia provveduto decorso il termine di trenta giorni, sicché sull’istanza del dott. ********* deve ritenersi formato il silenzio assenso.
La fondatezza della prima doglianza, assorbite le ulteriori censure, è idonea a determinare la fondatezza del ricorso ed il suo accoglimento con conseguente annullamento dell’atto impugnato.
3.         Sussistono giuste ragioni, considerata la peculiarità della fattispecie, per disporre la compensazione delle spese del giudizio tra le parti.
P.Q.M.
il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Prima Sezione di Roma, accoglie il ricorso in epigrafe e, per l’effetto, annulla, l’atto impugnato.
Dispone la compensazione delle spese di giudizio tra le parti.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’Autorità amministrativa.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del 21 febbraio 2007.
Dott. ****************                         Presidente
Dott. *****************                     Estensore

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!