Stralcio cartelle esattoriali, la procedura per la richiesta del condono

di Redazione

È ora online la procedura messa a disposizione da Agenzia delle Entrate – Riscossione per verificare se all’interno del proprio piano di pagamento della “Rottamazione-ter” e del “Saldo e stralcio” sono presenti dei debiti che potrebbero rientrare nello stralcio cartelle 2021 previsto dal Decreto Sostegni, ovvero l’annullamento automatico delle cartelle fino a 5.000 euro.

Il servizio consente al debitore di vedere la propria posizione debitoria e verificare se ci sono debiti oggetto di stralcio, inserendo all’interno del modulo online:

  • codice fiscale;
  • numero della comunicazione inviata da Agenzia delle Entrate – Riscossione;
  • data della comunicazione;
  • e-mail di riferimento.

Aggiornamento del 13 settembre 2021: 
Insieme alle nuove regole relative al green pass, la Camera, nella seduta del 9 settembre, ha deliberato pressoché all’unanimità di approvare un rinvio delle scadenze delle cartelle esattoriali ed una nuova rottamazione, nell’ottica delle misure di sostegno approvate durante l’emergenza della pandemia. Ora la decisione passa al Senato.
Leggi l’articolo Cartelle esattoriali: possibile rinvio delle scadenze e nuova rottamazione


Stralcio cartelle 2021: cosa si intende

Il Decreto Sostegni all’art. 4, commi da 4 a 9, ha disposto l’annullamento automatico di tutti i “debiti di importo residuo, alla data di entrata in vigore del decreto, fino a 5.000 euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010“.

Stralcio cartelle 2021: cosa è ricompreso

I debiti oggetto di stralcio sono quelli notificati dal 2000 al 2010 rientranti tra quelli di importo residuo fino a 5 mila euro, calcolato alla data del 23 marzo 2021 (data di entrata in vigore del Decreto Sostegni.

Tra i debiti che rientrano, possono esserci:

  • Imu,
  • Tasi
  • bollo auto,
  • multe,
  • cartelle per cui si è eventualmente aderito alla rottamazione o saldo e stralcio.

Stralcio cartelle 2021: requisiti per presentare la richiesta

Lo stralcio delle cartelle avviene a condizione che:

  • nel periodo d’imposta 2019 sia stato conseguito un reddito imponibile ai fini delle imposte fino a 30 mila euro per i debiti riferiti a persone fisiche;
  • nel periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2019 sia stato conseguito un reddito imponibile ai fini delle imposte fino a 30 mila euro per i debiti riferiti a soggetti diversi dalle persone fisiche.

Come già anticipato, per verificare se nel proprio piano di pagamento sono presenti cartelle oggetto di stralcio sarà sufficiente collegarsi al sito istituzionale di Agenzia delle Entrate – Riscossione e accedere al servizio “Verifica lo stralcio debiti nella tua Definizione agevolata” inserendo:

  • codice fiscale;
  • numero della comunicazione inviata da Agenzia delle Entrate – Riscossione;
  • data della comunicazione;
  • e-mail di riferimento.

Se sussistono i requisiti di reddito e dalla verifica dovesse emergere la presenza di carichi potenzialmente interessati dallo stralcio, il servizio permetterà di stampare in autonomia i moduli di pagamento aggiornati.

Se si è in regola con il pagamento delle rate precedenti, sarà possibile utilizzare i moduli per il versamento delle rate ancora dovute, calcolate al netto delle somme relative ai carichi oggetto di stralcio.

Potrebbe interessarti il volume

Come si scrive un ricorso tributario

Come si scrive un ricorso tributario

Antonio Scalera, 2018, Maggioli Editore

Il processo tributario è una materia nella quale sempre più frequentemente si registrano significativi interventi giurisprudenziali e normativi, che rendono necessari per i professionisti del settore ausili di tipo pratico-operativo. Il presente lavoro si prefigge di fornire agli operatori...



 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!