Stefano Cui Lo stato di malattia del lavoratore. Le forme di controllo a cui il datore di lavoro può ricorrere Halley Editrice

Stefano Cui Lo stato di malattia del lavoratore. Le forme di controllo a cui il datore di lavoro può ricorrere Halley Editrice

di segnalazione libro

Versione PDF del documento

Categoria

 

EDITORIA

 

Formato

 

Libro pag. 256 

 

Anno

 

2006

 

Prezzo

 

€ 26,00 IVA inclusa

 

ISBN

 

88-7589-190-7

 

Autore

 

Stefano Cui

 
Nel caso di assenza del lavoratore causata dallo stato di malattia si pone un conflitto tra l’interesse del datore di lavoro che non vede eseguita la prestazione ed il principio della tutela della salute individuale e collettiva. La soluzione scelta dal combinato disposto dell’art. 32 Cost. e dell’art. 2110 C.C. prevede che, in presenza di un’alterazione dello stato di salute del lavoratore che renda materialmente impossibile, o comunque nocivo, lo svolgimento dell’attività oggetto del suo obbligo contrattuale, è giustificata la sospensione della prestazione lavorativa.
Il datore di lavoro, ai sensi dell’art. 2110 C.C., non può dunque recedere dal rapporto fino alla guarigione del dipendente. Viene, infatti, ritenuto prevalente il diritto del lavoratore alla salute rispetto all’interesse del datore di lavoro a ricevere la prestazione di lavoro ma tale tutela non può essere temporalmente illimitata, tenuto conto che ci si muove pur sempre nell’ambito di un’obbligazione di carattere contrattuale.
Ne consegue quindi che il diritto alla conservazione del posto a favore del dipendente malato sussiste per il periodo di tempo (comporto) la cui durata è stabilita dalla legge, dalle norme collettive, dagli usi o secondo equità.
Questo il focus del testo, di impostazione eminentemente pratica ed operativa.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!