Start-up e agevolazioni fiscali, i chiarimenti delle Entrate

Start-up e agevolazioni fiscali, i chiarimenti delle Entrate

di Redazione

Versione PDF del documento

Nella  Circolare n. 16 dell’11 giugno 2014, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla disciplina delle agevolazioni fiscali previste in favore delle start-up innovative e degli incubatori certificati di cui all’art. 25 e ss. D.L. 179/2012, conv. in L. 221/2012).

In particolare si è precisato che:

1) nei confronti delle start-up innovative non trova applicazione la disciplina stabilita per le società di comodo e, pertanto, non sono tenute a fare il test di operatività;

2) nella platea dei soggetti IRPEF beneficiari della detrazione del 19% degli investimenti nelle imprese innovative rientrano, oltre ai soci delle società in nome collettivo e in accomandita semplice, anche le società semplici, le società equiparate a quelle di persone e le imprese familiari;

3) in caso di assunzione a tempo indeterminato di personale altamente qualificato, da parte di start-up ed incubatori certificati, è previsto l’accesso “con modalità semplificate” ed in regime “de minimis” al credito d’imposta del 35% sui costi di assunzioni per un massimo di 200 mila euro, purché i nuovi posti di lavoro siano conservati per almeno 3 anni (2 anni nel caso di piccole e medie imprese);

4) la parte di reddito da lavoro corrisposto dalle start-up e dagli incubatori certificati agli amministratori, ai lavoratori dipendenti e ai collaboratori continuativi sotto forma di azioni, quote e strumenti finanziari partecipativi non contribuisce alla formazione dell’imponibile, sia dal punto di vista fiscale che da quello contributivo.

In ordine a tale ultimo punto si è precisato che i collaboratori occasionali non possono godere di tale beneficio, perché percettori di redditi diversi.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!