Smentito il teorema secondo il quale a modesti danni all'auto devono necessariamente corrispondere altrettanto modesti danni alla persona (nota a Giudice di Pace di Gallarate, Sentenza del 30.08.2005 N. 1016/05)

Smentito il teorema secondo il quale a modesti danni all’auto devono necessariamente corrispondere altrettanto modesti danni alla persona (nota a Giudice di Pace di Gallarate, Sentenza del 30.08.2005 N. 1016/05)

Zaro Sergio

Versione PDF del documento

Il Giudice di Pace di Gallarate facendo proprie le conclusioni del Consulente Tecnico d?Ufficio, ha ritenuto che anche una modesta ?vis lesiva? pu? determinare postumi di carattere permanente.

Nella fattispecie l?attrice, alla guida della propria autovettura e con la cintura di sicurezza allacciata, mentre era ferma ad un semaforo, veniva? tamponata in modo lieve, ma del tutto inaspettato, da un altro autoveicolo, riportando un trauma distorsivo del rachide cervicale.

Il CTU nominato, nonostante i danni all?autovettura ammontassero a poco meno di 46 euro, ha ritenuto il quadro clinico della attrice compatibile con la dinamica dell?incidente,? riconoscendo alla stessa una invalidit? permanente del 2%.

Il CTU ha, ?tra l?altro, sostenuto che se il trauma cervicale da accelerazione avviene inaspettatamente, non vi ? il tempo necessario per ?preparare? la muscolatura paravertebrale ad ammortizzare il colpo che, seppur modesto, pu? tuttavia causare lesioni di tipo permanente alla colonna vertebrale.

?

Nota a cura dell?Avv. Sergio Zaro

E-Mail: nicoletti-zaro@libero.it

WEB: www.nicoletti-zaro.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it