Ricorso per Cassazione e cause di proscioglimento

Scarica PDF Stampa
È inammissibile il ricorso per Cassazione avverso la sentenza applicativa della pena con cui si deduca il vizio di violazione di legge per la mancata verifica dell’insussistenza di cause di proscioglimento ex art. 129 cod. proc. pen.

     Indice

  1. Il fatto
  2. I motivi addotti nel ricorso per Cassazione
  3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione
  4. Conclusioni

(Riferimento normativo: Cod. proc. pen., art. 129)

1. Il fatto

Il giudice di prime cure applicava la pena su richiesta delle parti.

2. I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

Avverso tale pronuncia ricorrevano per Cassazione gli imputati, tramite i loro difensori, deducendo, in particolare, l’omessa motivazione delle ragioni che avevano indotto il giudice ad escludere l’applicazione di eventuali cause di proscioglimento ai sensi dell’art. 129 cod. proc. pen..


Potrebbero interessarti anche:


3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

I ricorsi erano dichiarati tutti inammissibili, ritenendosi le doglianze summenzionate non consentite in sede di legittimità posto che, in tema di patteggiamento, è inammissibile il ricorso per cassazione avverso la sentenza applicativa della pena con cui si deduca il vizio di violazione di legge per la mancata verifica dell’insussistenza di cause di proscioglimento ex art. 129 cod. proc. pen. atteso che l’art. 448, comma 2-bis, cod. proc. pen. limita l’impugnabilità della pronuncia alle sole ipotesi di violazione di legge in esso tassativamente indicate (ex plurimis: Sez. 6, Sentenza n. 1032 del 07/11/2019).

Oltre a ciò, per quanto concerne un ricorso proposto tra questi imputati, gli Ermellini osservavano altresì come il vizio della violazione di legge in relazione agli artt. 133 e 81 cod. pen. ivi enunciato, a loro avviso, non fosse parimenti consentito dalla legge in sede di legittimità e doveva quindi essere dichiarato anch’esso inammissibile con procedura de plano dal momento che pure tali censure, peraltro (stimate) aspecifiche, esulano da quelle che possono essere proposte ai sensi del suddetto art. 448, comma 2-bis, cod. proc. pen..

4. Conclusioni

La decisione in esame desta un certo interesse nella parte in cui è ivi postulato, sulla scorta di un pregresso orientamento nomofilattico, che, in tema di patteggiamento, è inammissibile il ricorso per cassazione avverso la sentenza applicativa della pena con cui si deduca il vizio di violazione di legge per la mancata verifica dell’insussistenza di cause di proscioglimento ex art. 129 cod. proc. pen. atteso che l’art. 448, comma 2-bis, cod. proc. pen. limita l’impugnabilità della pronuncia alle sole ipotesi di violazione di legge in esso tassativamente indicate.

E’ quindi sconsigliabile, perlomeno alla stregua di questo approdo ermeneutico, proporre un ricorso per Cassazione di questo genere.

Volume consigliato

Manuale operativo dell’esecuzione penale

Con un taglio pratico e operativo, l’opera analizza la fase esecutiva che segue il processo di cognizione e che si apre con la riconosciuta responsabilità penale dell’imputato.Attenzione è dedicata ai rapporti funzionali tra il processo di cognizione, la fase esecutiva e la giurisdizione di sorveglianza, al fine di guidare l’operatore nelle proprie scelte difensive, nell’ottica complessiva del processo penale, senza limitarsi alle singole fasi procedurali.L’analisi delle modalità esecutive delle diverse tipologie di pena viene seguita dalla trattazione del titolo esecutivo: natura, esecuzione vera e propria e possibili modificazioni.Spazio viene dedicato ai procedimenti tout court, relativi all’esecuzione e alla procedura di sorveglianza; completa l’opera la trattazione dell’esecuzione penale nei rapportigiurisdizionali con le autorità straniere.Cristina MarzagalliGiudice del Tribunale di Varese, Formatore della Scuola Superiore della Magistratura per il distretto di Milano, ha una competenza specifica nell’ambito del diritto penale e dell’esecuzione penale. È componente della Corte d’Assise, del Collegio Penale e del Tribunale del Riesame. Ha rivestito in passato i ruoli di Giudice per le Indagini Preliminari e di Magistrato di Sorveglianza. È stata componente del Tavolo IX degli Stati Generali dell’esecuzione penale.

Cristina Marzagalli | 2020 Maggioli Editore

26.00 €  24.70 €

Sentenza collegata

122273-1.pdf 109kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento