Quali bene può avere ad oggetto l’espropriazione forzata presso terzi?

Quali bene può avere ad oggetto l’espropriazione forzata presso terzi?

Del Bene Luigi

Versione PDF del documento

L’espropriazione forzata può riguardare cose del debitore soggette alla disponibilità diretta e immediata di terzi, o crediti del debitore presso terzi.

L’espropriazione forzata dei crediti presso terzi è la forma di espropriazione più ricorrente nella pratica ed in pari tempo è anche la forma di espropriazione rispetto alla quale si pongono più proble­matiche interpretative.

Oggetto del pignoramento dei crediti può essere solo un credito di denaro; non sono, infatti, pignorabili i crediti aventi ad oggetto una prestazione o un bene diversi dal denaro. È opportuno preci­sare che i crediti espropriabili ex artt. 543 e ss. c.p.c. non devono essere confusi con i titoli di credito, che figurano come beni mobili materiali, pignorabili presso il debitore in uno dei luoghi indicati dall’art. 513 c.p.c. oppure presso il terzo che ne dichiari l’apparte­nenza al debitore.

La dottrina e la giurisprudenza sono concordi nel ritenere che l’e­spropriazione presso terzi può avere ad oggetto anche crediti even­tuali o condizionati e, quindi, a maggior ragione crediti certi, ma non ancora liquidi ed esigibili, considerata l’attitudine di detti crediti a svolgere una funzione satisfattiva del diritto dell’esecutante, mediante l’assegnazione degli stessi o la vendita.

Infatti, ciò che rileva è che il credito pignorato sia suscettibile di una futura capacità satisfattiva, concretamente prospettabile nel momento dell’assegnazione. L’espropriazione, infatti, come conce­pita dal legislatore, deve investire non soltanto beni suscettibili di esecuzione immediata, ma la posizione attiva dell’esecutato. In altri termini, l’operatività dell’accertamento di un credito può estendersi anche all’ambito della titolarità della posizione credi­toria, senza investire l’esigibilità. Di conseguenza, ben può essere assegnato un credito “ora per allora”, quando un rapporto già esi­sta e sia tale da creare la concreta aspettativa che la somma dovuta per le relative prestazioni diverrà esigibile, una volta verificatesi le condizioni rese note dal terzo pignorato. Ipotesi tipica, spesso ricorrente nella pratica, è data dai crediti che possono trovare sod­disfazione in stipendi o salari derivanti da rapporti di lavoro non ancora maturati al tempo del pignoramento (Cass. civ., 4 dicembre 1987, n. 9027).

L’espropriazione forzata presso terzi, sino alla riforma del 2003 che ha modificato l’art. 2471 c.c., poteva avere ad oggetto le quote di partecipazione a società a responsabilità limitata, fossero o non fossero queste liberamente trasferibili, ex art. 2480 c.c.; attualmente, il pignoramento delle quote di s.r.l. si esegue mediante notifica al debitore e alla società e sua iscrizione nel registro delle imprese.

Deve essere, altresì, posto in rilievo che secondo un orientamento dot­trinale non è necessario ricorrere alle forme dell’espropriazione pres­so terzi, trattandosi di un pignoramento diretto disciplinato dall’art. 2471 c.c. che, oltre a stabilire che il pignoramento si esegue mediante notificazione al debitore e alla società e successiva iscrizione nel regi­stro delle imprese, prevede che l’ordinanza del giudice che dispone la vendita della partecipazione deve essere notificata alla società a cura del creditore. Inoltre, se la partecipazione non è liberamente trasferi­bile e il creditore, il debitore e la società non si accordano sulla ven­dita della quota stessa, la vendita ha luogo all’incanto; ma la vendita è priva di effetto se, entro dieci giorni dall’aggiudicazione, la società presenta un altro acquirente che offra lo stesso prezzo.

Sono soggetti ad espropriazione nelle forme del pignoramento presso terzi anche le somme depositate su libretti postali o in li­bretti di deposito bancario e, comunque, i crediti portati da analo­ghi documenti di legittimazione. Si osserva che i documenti di le­gittimazione si differenziano dai titoli di credito perché non hanno la funzione di apprestare uno strumento rapido e sicuro alla circola­zione dei crediti, ma di precostituire un mezzo di identificazione del titolare del diritto, così da agevolare l’accertamento delle condizioni di legittimazione in sede di esercizio del diritto. Ne consegue che in questi casi il vincolo esecutivo sarà sul credito, nelle forme di cui agli artt. 543 e ss. c.p.c. piuttosto che sul documento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it