Prima casa: che cos’è il Fondo di garanzia dello Stato?

Prima casa: che cos’è il Fondo di garanzia dello Stato?

Redazione

Versione PDF del documento

Cerchi un commercialista? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

 

Sono numerose le agevolazioni concesse quest’anno dallo Stato ai cittadini che vogliono acquistare o ristrutturare la propria abitazione, dalle agevolazioni sull’acquisto di mobili, sulle ristrutturazioni e sulla riqualificazione energetica all’ormai consueto bonus prima casa.

Forse meno noto ma particolarmente interessante in questo periodo è il Fondo di garanzia per la prima casa, che assicura a chi vuole acquistare l’immobile attraverso un mutuo delle garanzie reali fino al 50 per cento della quota capitale.

Vediamo allora come funziona il Fondo, che negli ultimi due anni ha ottenuto un ottimo successo.

 

Leggi qui quali sono le agevolazioni sulla casa per il 2017.

 

Come funziona il Fondo di garanzia per la prima casa?

Il Fondo di garanzia è un’agevolazione che lo Stato concede a chi vuole acquistare o ristrutturare la prima casa ma non riesce a pagare il mutuo.

Con il Fondo, lo Stato offre ai cittadini garanzie per l’accensione dei mutui ipotecari per gli immobili da adibire ad abitazione principale. La misura, come detto, non vale solo per l’acquisto della prima casa, ma anche per interventi di ristrutturazione e miglioramento dell’efficienza energetica dell’immobile. L’unica condizione è che l’abitazione non sia di lusso.


Quali sono le garanzie massime concesse?

Nello specifico, il Fondo concede garanzie, nella misura massima del 50 per cento della quota capitale, su mutui di ammontare non superiore a 250mila euro. Con il Fondo la banca non può quindi richiedere al mutuatario ulteriori garanzie personali oltre all’ipoteca e all’eventuale assicurazione.


Come faccio a sapere quali banche aderiscono all’agevolazione?

Attualmente il Fondo di garanzia è supportato da ben 167 banche (il 70% di tutte le banche presenti in Italia) e ha una dotazione di 650 milioni di euro. Come accennato in apertura, sono state 14.000 le richieste pervenute da gennaio 2015 a dicembre 2016.

L’elenco completo delle banche che aderiscono all’iniziativa è disponibile, in ogni caso, sul sito internet della Consap S.p.a. (www.consap.it).

 

Quali sono i requisiti per accedere al Fondo?

Il Fondo è aperto a tutti i contribuenti, senza limiti di età e di reddito. Chi vuole aderire alla misura deve presentare domanda direttamente alla banca alla quale richiede il mutuo. Per farlo è possibile utilizzare i moduli disponibili sui siti della Consap e del Dipartimento del Tesoro.

Attenzione, però: le giovani coppie con almeno uno dei componenti di età inferiore ai trentacinque anni, i genitori single con figli minori, i giovani di età inferiore a trentacinque anni con rapporto di lavoro atipico e i conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti per le case popolari devono pagare un tasso aggiuntivo, che comunque non può essere superiore al Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM).

 

Davide Basile

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it