Prescrizione della lex specialis di gara in palese contrasto con l’art. 49 del trattato CEE che ga-rantisce la libera prestazione dei servizi nell’ambito della comunità

Prescrizione della lex specialis di gara in palese contrasto con l’art. 49 del trattato CEE che ga-rantisce la libera prestazione dei servizi nell’ambito della comunità

di Lazzini Sonia

Versione PDF del documento

Ogni operazione di selezione implica una comparazione ed una valutazione delle imprese concorrenti (erogatrici di servizi) non attuabile con l’esclusione di alcune di loro, conseguente all’aver fatto assurgere a requisito d’ammissione un elemento indiretto di valutazione (che ove previsto tra i criteri inerenti al giudizio sulla capacità tecnica professionale delle imprese avrebbe dovuto, co-munque, essere diversamente formulato)._Ad un periodo della propria attività lavorativa indifferenziato (quanto a riferibilità ad uno specifico settore), ma svolto in una determinata località o su un determinato territorio, non può essere attribuita natura di requisito professionale da intendersi quale qualificazione conseguibile dal soggetto (persona fisica), sia me-diante il possesso di un titolo di studio od abilitativo (se richie-sti), sia mediante l’acquisizione di un’esperienza lavorativa in un determinato settore (nella specie, nel campo della”progettazione di modelli di sviluppo locale”)._ Secondo un indirizzo giurisprudenziale consolidatosi nel tempo, in ipotesi di concorso in cui è esclusa una comparazione tra i soggetti la cui partecipazione ed il cui superamento sono finaliz-zati ad ottenere un’idoneità (necessaria per l’iscrizione ad un albo professionale), l’annullamento di un atto del procedimento (quale quello di nomina della Commissione) non estende i suoi effetti sui giudizi d’idoneità espressi su soggetti terzi estranei ad un giu-dizio conclusosi con l’annullamento, essendo ravvisabili un plu-ralità di procedimenti tra loro automi _ Nel disporre che i concorrenti potessero presentare la loro offerta per un solo lotto, il capitolato ed il bando hanno dettato una iden-tica disciplina per due distinte gare indette contestualmente ma che conservavano una loro autonomia procedimentale._A fronte di atti e procedimenti plurimi l’annullamento disposto dal Tribunale amministrativo con sentenza n. 586 del 2007 inve-ste una clausola del capitolato e gli atti ad essa consequenziali i-nerenti ad uno specifico procedimento, per cui detto annullamen-to non può andare oltre l’interesse di chi ha ricorso ed i suoi ef-fetti non possono estendersi a soggetti terzi di quel giudizio
 
Merita di essere segnalato il seguente passaggio tratto dalla decisione numero 4338 del 10 settembre 2008, emessa dal Consiglio di Stato
 
<Come ricordato dal giudice di prime cure, “il divieto di restrizio-ni discriminatorie “ di cui alla disciplina comunitaria “ deve esse-re inteso in senso sostanziale e non meramente formale”. Violano il divieto in parola anche le discriminazioni dissimulate che, seb-bene fondate su criteri in apparenza neutri, conducono, nella pra-tica applicazione, allo stesso risultato (cfr. Corte Gius 3 febbraio 1982, in cause riunite 62/81 e 63/81).
 
L’art. 46 del Trattato CE richiama motivi “d’ordine pubblico”, ”di pubblica sicurezza” e “di sanità pubblica” per giustificare re-strizioni alla libera concorrenza dei servizi.
 
L’art. 15 del capitolato di gara di cui è causa ha prodotto l’effetto di restringere la concorrenza e la massima partecipazione degli operatori del settore senza un’ammissibile ragione, in violazione dell’art. 49 (ex 59) del Trattato CE.>
 
 
A cura di Sonia Lazzini

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!