IL soccorso istruttorio come strumento per integrare i documenti

Piano Economico Finanziario e soccorso istruttorio

di Biamonte Alessandro, Referente Area Diritto Amministrativo

Qui la sentenza: Consiglio di Stato - sez. V - sentenza del 13-04-2018

Versione PDF del documento

Il Piano Economico Finanziario (PEF) assolve alla finalità di dimostrare la concreta capacità del concorrente di correttamente eseguire la prestazione per l’intero arco temporale prescelto per mezzo della responsabile prospettazione di un equilibrio economico – finanziario di investimenti e connessa gestione, nonché il rendimento per l’intero periodo: ciò consente all’amministrazione concedente di valutare l’adeguatezza dell’offerta e l’effettiva realizzabilità dell’oggetto della concessione stessa (cfr. Cons. Stato, V, 26 settembre 2013, n. 4760; III, 22 novembre 2011, n. 6144).

Si atteggia alla stregua di documento che giustifica la sostenibilità dell’offerta, senza sostituirsi a quest’ultima, ma rappresentandone un supporto per la valutazione di congruità, onde trarne prova che l’impresa è in grado di perseguire utili tali da consentire la gestione proficua dell’attività (Cons. Stato, V, 10 febbraio 2010, n. 653).

Il PEF, quindi, non può essere tenuto separato dall’offerta in senso stretto (non potendosi configurare come mero supporto dimostrativo della semplice fondatezza dell’offerta stessa – sì che un’eventuale sua imprecisione sia suscettibile di soccorso istruttorio volto a sanarne il contenuto deficitario – ).

Esso costituisce un elemento essenziale della proposta contrattuale, poiché consente l’apprezzamento (sul piano della sostenibilità finanziaria) della congruenza dell’offerta e, dunque, l’affidabilità della sintesi in essa contenuta: un vizio intrinseco del PEF – come quello di un riferimento temporale diverso dallo stabilito – si riflette dunque fatalmente sulla qualità dell’offerta medesima e la inficia.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

alessandro-biamonte

Biamonte Alessandro

Avvocato cassazionista, ha maturato una esperienza ventennale nel campo del diritto amministrativo, dell'area giuspubblicistica e della tutela dei diritti fondamentali. Consulente di Pubbliche amministrazioni, imprese e privati in materia, docente di diritto processuale amministrativo presso l'Università degli Studi Europea di Roma – Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, attualmente insegna presso l'Università degli Studi Marconi di Roma e la Marconi International University approfondendo, nell'ambito del modulo di docenza del Corso di Alta Formazione in Management della sicurezza informatica, le tematiche normative legate alla cybersicurezza come obiettivo strategico nel contesto delle politiche di intelligence. Attualmente è altresì docente presso l'Università degli Studi Marconi di Roma nel corso di alta formazione universitaria in Data Protection Officer. Si occupa prevalentemente di diritto Amministrativo, diritto degli enti locali, contratti e appalti pubblici, telecomunicazioni, urbanistica, espropriazioni per p.u., diritto delle nuove tecnologie. Ha dato vita, con docenti universitari e professionisti altamente specializzati del settore, a un innovation hub virtuale, che funga, anche per mezzo di un competence center, da motore propulsore e consulenziale nel sostegno alle realtà imprenditoriali nell'attuazione del piano "Impresa 4.0". Per Diritto.it è Referente dell'area di diritto amministrativo.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!