Omessa pronuncia su richiesta di sospensione condizionale della pena

Scarica PDF Stampa Allegati

L’omessa pronuncia da parte della Corte d’Appello, sulla richiesta di riconoscimento del beneficio della sospensione condizionale della pena, determina l’annullamento della sentenza impugnata con rinvio.
Per approfondire si consiglia: Schemi e lezioni di diritto penale

Corte di Cassazione -sez. IV pen.- sentenza n. 37068 del 21-06-2023

sentenza-commentata-art.-4-67.pdf 114 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Indice

1. La questione: l’omessa pronuncia


La Corte di Appello di Firenze, in parziale riforma di una pronuncia emessa dal Tribunale di Arezzo, rideterminava la pena inflitta all’imputata, per il reato di cui all’art. 73, comma 5, d.P.R. 309/90, in quella di mesi otto di reclusione ed euro 2.000,00 di multa.
Ciò posto, avverso il provvedimento emesso dai giudici di seconde cure proponeva ricorso per Cassazione il difensore dell’accusata che, tra i motivi ivi addotti, deduceva violazione di legge e vizio di motivazione con riferimento alla mancata concessione della sospensione condizionale della pena, per omessa pronuncia sul punto.
Difatti, per la difesa, la Corte di Appello, nella sentenza impugnata, non aveva indicato, neppure implicitamente, le ragioni per le quali non aveva inteso riconoscere alla imputata la sospensione condizionale della pena, nonostante fosse stata avanzata specifica richiesta in sede di appello. Peraltro, sempre ad avviso del legale, avendo la Corte territoriale concesso le circostanze attenuanti generiche, esprimendo un ampio positivo giudizio sulla personalità dell’imputata, si sarebbe potuto fare luogo ad un annullamento senza rinvio della sentenza impugnata, con applicazione del beneficio, ai sensi dell’art. 620, comma 1, lett. I) cod. proc. pen., in sede di legittimità (cfr. Sez. 5, n. 845 del 26/10/2020).
A sua volta, il Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, con requisitoria scritta, aveva concluso per l’annullamento con rinvio della sentenza impugnata limitatamente al profilo riguardante la mancata considerazione della richiesta di concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena.


Potrebbero interessarti anche:

2. La soluzione adottata dalla Cassazione


La Suprema Corte riteneva il motivo suesposto fondato.
Difatti, una volta preso atto che la sentenza impugnata aveva mancato di esaminare la richiesta proveniente dalla imputata di concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena, atteso che la motivazione addotta, per il Supremo Consesso, era priva di qualsivoglia valutazione in ordine alla prognosi circa la ricaduta nel delitto, così come, dal percorso argomentativo posto a fondamento dell’affermazione di responsabilità era possibile evincere elementi utili per effettuare la valutazione in ordine alla concessione della sospensione condizionale direttamente in sede di legittimità, gli Ermellini, a sostegno dell’accoglimento della doglianza succitata, ritenevano applicabile l’indirizzo maggioritario della giurisprudenza di legittimità secondo cui l’omessa pronuncia da parte della Corte d’Appello sulla richiesta di riconoscimento del beneficio della sospensione condizionale della pena, determina l’annullamento della sentenza impugnata con rinvio, non potendo la Corte di Cassazione operare una valutazione che coinvolga questioni di merito, anche con riferimento al giudizio prognostico di cu all’art. 164 cod. pen. (Sez. 6, n. 22233 del 11/03/2021; Sez. 2, n. 17010 del 17/03/2022).
Alla stregua di ciò, la sentenza impugnata era annullata, limitatamente al riconoscimento della sospensione condizionale della pena, con rinvio alla Corte di Appello di Firenze per nuovo esame sul punto.

3. Conclusioni


La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi chiarito che l’omessa pronuncia da parte della Corte d’Appello, sulla richiesta di riconoscimento del beneficio della sospensione condizionale della pena, determina l’annullamento della sentenza impugnata con rinvio.
Si afferma difatti in tale pronuncia, sulla scorta di un orientamento nomofilattico maggioritario, che l’omessa pronuncia da parte della Corte d’Appello, sulla richiesta di riconoscimento del beneficio della sospensione condizionale della pena, determina l’annullamento della sentenza impugnata con rinvio, non potendo la Corte di Cassazione operare una valutazione che coinvolga questioni di merito, anche con riferimento al giudizio prognostico di cu all’art. 164 cod. pen..
Pur tuttavia, fermo restando che il giudizio in ordine a quanto statuito in siffatta decisione non può che essere positivo in quanto, confermando l’orientamento dominante elaborato in subiecta materia, contribuisce a fare chiarezza su codesta tematica giuridica sotto il versante giurisprudenziale, sarebbe opportuno, ad avviso di chi scrive, che su tale questione intervenissero le Sezioni unite, stante l’esistenza di un filone interpretativo di segno opposto.

Volume consigliato per approfondire


Ogni capitolo contiene una selezione di mappe concettuali rappresentate inizialmente sotto forma di schemi generali, per poi essere “esplicate” con maggiori dettagli, mettendo in evidenza i collegamenti e le interconnessioni tra categorie, principi, e istituti di cui si compone la materia.
Alla fine di ciascun capitolo sono presenti test di verifica e quiz a risposta multipla, finalizzati a consolidare la memorizzazione degli argomenti e la preparazione in vista delle prove.
Il punto di forza del libro è il collegamento “smart” tra le mappe concettuali (generali ed esplicate) presenti sul testo cartaceo e le videolezioni curate dall’autore (20 lezioni per una durata totale di 12 ore).

FORMATO CARTACEO

Schemi e Lezioni Diritto penale

Il libro che stai per sfogliare si propone come strumento di studio e di ripasso sintetico, ma allo stesso tempo completo, sul Diritto penale.Si rivolge principalmente ai partecipanti ai concorsi pubblici, agli studenti universitari, ma anche agli operatori del diritto, per aiutarli a memorizzare facilmente tutti gli argomenti e i principi fondamentali della materia (Legge penale: principi e applicazione, reato, imputabilità, dolo, colpa, circostanze, concorso di persone e di reati, pene, estinzione del reato e della pena, reati contro la P.A. e altri principali reati, riforma Cartabia).Ogni capitolo contiene una selezione di mappe concettuali rappresentate inizialmente sotto forma di schemi generali, per poi essere “esplicate” con maggiori dettagli, mettendo in evidenza i collegamenti e le interconnessioni tra categorie, principi, e istituti di cui si compone la materia.Alla fine di ciascun capitolo sono presenti test di verifica e quiz a risposta multipla, finalizzati a consolidare la memorizzazione degli argomenti e la preparazione in vista delle prove.Il punto di forza del libro è il collegamento “smart” tra le mappe concettuali (generali ed esplicate) presenti sul testo cartaceo e le videolezioni curate dall’autore (20 lezioni per una durata totale di 12 ore).Ogni videolezione è costruita sulle mappe concettuali che declinano tutte le parole chiave e tutti i concetti fondamentali della materia.Le videolezioni sono facilmente raggiungibili grazie al codice QR-code riportato sulla pagina iniziale di ciascun capitolo.Le mappe, gli schemi e le videolezioni sono aggiornate alla recente Riforma Cartabia.Luigi TramontanoGiurista, già docente a contratto presso la Scuola di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, è autore di numerosissime pubblicazioni giuridiche ed esperto di tecnica legislativa, curatore di prestigiose banche dati legislative e direttore scientifico di corsi accreditati di preparazione per l’esame di abilitazione alla professione forense.

Luigi Tramontano | Maggioli Editore 2023

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento