I fenomeni corruttivi sono stati correlati all’azione della e nella P.A
Home » News » Focus

Il “modello 231”, l’anticorruzione e la trasparenza nei servizi socio-sanitari

Redazione

Versione PDF del documento

Alceste Santuari

Affrontare il tema della corruzione significa essere consapevoli dei danni provocati dalla maladiministration e dalle inefficienze del sistema amministrativo italiano, causati, tra l’altro, dalle permeabilità dei dirigenti e funzionari a forme di corruttela.

Il “male” della corruzione

L’elemento qualificante della corruzione risiede nella duplice prospettazione del fenomeno: essa non solo minaccia lo Stato di diritto, ma si è potuto empiricamente verificare, anche su un piano della statistica, che essa falsa la concorrenza e ostacola lo sviluppo economico. Un “male” che interessa sia il sistema economico globalizzato e che, quindi, ha richiesto nel corso del tempo la condivisione di regole comuni per affrontarlo a livello internazionale ed europeo, sia il sistema economico e giuridico nazionale.

Gli organismi controllati e partecipati dalla P.A.

Se, tradizionalmente, i fenomeni corruttivi sono stati correlati all’azione della e nella P.A., in epoca più recente, la corruzione e le misure per prevenirla e contrastarla si sono registrati anche negli organismi che, a vario titolo, risultano controllati e/o partecipati dalla P.A. Un terreno fertile per “testare” la coerenza fra gli enunciati delle previsioni normative e la prassi organizzativo-aziendale-societaria implementata al fine di realizzare gli obiettivi dichiarati dalla legislazione anticorruzione è, indubbiamente, rappresentato, pur con qualche riserva e rischio di eccessive equiparazioni tra soggetti beneficiari, dalla variegata pletora dei soggetti controllati e partecipati dalle P.A. Le previsioni normative e le misure organizzative finalizzate, da un lato, ad incrementare l’efficienza e l’efficacia dell’azione pubblica e, dall’altro, a contrastare i fenomeni corruttivi incidono sia sulla P.A. sia sulle società che dalla stesse risultano partecipate e/o controllate.

Queste ultime, conseguentemente, sono chiamate ad implementare modelli organizzativi e procedure interne capaci di assicurare performance e servizi rispondenti ad efficaci canoni di legalità, trasparenza e di accountability.
(continua a leggere…)

Volume consigliato

Manuale dell’illecito amministrativo

Manuale dell’illecito amministrativo

Giuseppe Napolitano, 2017, Maggioli Editore

La crisi del sistema punitivo penale rende sempre più evidente l’efficacia del diritto amministrativo punitivo, varato con la legge n. 689/1981. Di questa efficacia si rende ben conto la legislazione vigente, atteso che, dall’ampio e variegato panorama offerto dalle leggi...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it