Metodo mafioso: è sufficiente un riferimento implicito?

Scarica PDF Stampa Allegati

Per configurare l’aggravante del “metodo mafioso” è sufficiente un riferimento implicito al potere criminale della consorteria? Per approfondimenti sul dibattimento consigliamo: Dibattimento nel processo penale dopo la riforma Cartabia

Corte di Cassazione -sez. VI pen.- sentenza n. 20561 del 27-03-2024

sentenza-commentata-art.-6-100.pdf 136 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Indice

1. La questione: l’aggravante del metodo mafioso


A seguito della sentenza di annullamento con rinvio, disposto dalla Seconda Sezione della Cassazione, il Tribunale di Catanzaro aveva confermato un provvedimento emesso in sede di riesame nei confronti di una persona, gravemente indiziata dei reati di cui agli artt. 513-bis e 629 cod. pen., aggravati dall’art. 416-bis.1 cod. pen., con cui la misura della custodia in carcere era stata sostituita con quella degli arresti domiciliari.
Ciò posto, avverso questa decisione la difesa ricorreva per Cassazione e, tra i motivi ivi addotti, costei deduceva inosservanza della legge e/o erronea applicazione della legge nonché vizi della motivazione in ordine all’applicazione della circostanza aggravante di cui all’art. 416 bis.1 cod. pen., per avere il Tribunale considerato, non l’azione perpetrata dal reo, ma il contesto territoriale in cui si era esplicato il reato. Per approfondimenti sul dibattimento consigliamo: Dibattimento nel processo penale dopo la riforma Cartabia

FORMATO CARTACEO

Dibattimento nel processo penale dopo la riforma Cartabia

Nel presente volume viene esaminata una delle fasi salienti del processo penale, il dibattimento, alla luce delle rilevanti novità introdotte dalla Riforma Cartabia con l’intento di razionalizzare i tempi del processo di primo grado e di restituire ad esso standards più elevati di efficienza, come la calendarizzazione delle udienze, la ridefinizione della richiesta di prova e la nuova disciplina della rinnovazione della istruzione dibattimentale.L’opera, che contempla anche richiami alla nuovissima disciplina relativa al Portale deposito atti penali (PDP), è stata concepita come uno strumento di rapida e agile consultazione a supporto dell’attività dell’avvocato.Oltre a quelle previste dal codice di rito penale, la trattazione passa in rassegna tutte le ipotesi in cui si svolge il dibattimento, come il procedimento innanzi al giudice di pace, il processo penale minorile e  quello previsto in materia di responsabilità degli enti.Il testo è corredato da tabelle riepilogative e richiami giurisprudenziali e da un’area online in cui verranno pubblicati contenuti aggiuntivi legati a eventuali novità dei mesi successivi alla pubblicazione.Antonio Di Tullio D’ElisiisAvvocato iscritto presso il Foro di Larino (CB) e giornalista pubblicista. Referente di Diritto e procedura penale della rivista telematica Diritto.it. Membro del comitato scientifico della Camera penale di Larino. Collaboratore stabile dell’Osservatorio antimafia del Molise “Antonino Caponnetto”. Membro del Comitato Scientifico di Ratio Legis, Rivista giuridica telematica.

Antonio Di Tullio D’Elisiis | Maggioli Editore 2023

2. La soluzione adottata dalla Cassazione


La Cassazione riteneva il motivo suesposto infondato alla stregua di quell’orientamento nomofilattico secondo il quale, ai fini della configurabilità dell’aggravante del “metodo mafioso”, è sufficiente, in un territorio in cui è radicata un’organizzazione mafiosa storica, che il soggetto agente si riferisca implicitamente al potere criminale della consorteria, in quanto tale potere è di per sé noto alla collettività (cfr. di recente Sez. 2, n. 34786 del 31/05/2023).

Potrebbero interessarti anche:

3. Conclusione


La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi fornita risposta al seguente quesito: se, per configurare l’aggravante del “metodo mafioso” è sufficiente un riferimento implicito al potere criminale della consorteria
Si fornisce difatti in tale pronuncia una risposta positiva sulla scorta di un pregresso indirizzo interpretativo secondo cui, per configurare l’aggravante del “metodo mafioso” in un territorio dove è presente un’organizzazione mafiosa storica, è sufficiente che il soggetto si riferisca implicitamente al potere criminale della consorteria, poiché tale potere di per sé è noto alla collettività.
È dunque sconsigliabile sostenere l’insussistenza di tale elemento accidentale ove si verifichi una situazione di questo genere.
Ad ogni modo, il giudizio in ordine a quanto statuito in codesta sentenza, poiché contribuisce a fare chiarezza su siffatta tematica giuridica sotto il versante giurisprudenziale, non può che essere positivo.

Vuoi ricevere aggiornamenti costanti?


Salva questa pagina nella tua Area riservata di Diritto.it e riceverai le notifiche per tutte le pubblicazioni in materia.
Inoltre, con le nostre Newsletter riceverai settimanalmente tutte le novità normative e giurisprudenziali!
Iscriviti!

Iscriviti alla newsletter
Iscrizione completata

Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Seguici sui social


Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento