Mediazione obbligatoria: dopo l’opposizione a decreto ingiuntivo l’onere di attivarla grava sul creditore opposto

Mediazione obbligatoria: dopo l’opposizione a decreto ingiuntivo l’onere di attivarla grava sul creditore opposto

di Carlotta Abrardi

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - Sez. Un. civ. - sentenza n. 19597 del 18-09-2020

Versione PDF del documento

Premessa

Come è noto, l’art.5 D.Lgs.28/2010 comma 1-bis,  prevede l’obbligo di accedere alla mediazione nel caso in cui l’opponente si sia attivato per contrastare le ragioni dell’opposto dopo la prima udienza, e cioè successivamente alla decisione sulle istanze di concessione o sospensione della provvisoria esecuzione; ciò in ragione delle funzioni acceleratorie di un procedimento monitorio con contraddittorio eventuale e differito.

La norma, tuttavia, non specificando su quale dei due soggetti debba gravare l’onere di esperire il tentativo obbligatorio ha generato non pochi contrasti giurisprudenziali.

Volume consigliato

Compendio di Procedura civile

Compendio di Procedura civile

Antonio Scalera, 2020, Maggioli Editore

Il testo affronta la disciplina che regolamenta il processo civile, con un approccio semplice e lineare e, al contempo, tecnico. In tal modo, l’opera si presenta quale efficace strumento di primo approccio e di ripasso della materia, permettendo una preparazione funzionale al superamento...



L’origine del contrasto

Nel 2015 la Corte di Cassazione, con la sent. 24629/2015, sez.III civile, si era pronunciata ponendo l’onere di cui sopra a carico dell’opponente, e così anche nel settembre 2019 con la sent. 22003/2019, sez.VI, suscitando pareri discordanti negli uffici giudiziari: se, infatti, una parte di essi vi si uniformava (Trib. Nola, Trib. Firenze, Trib. Varese, Trib. Monza) , l’altra parte (uno tra tutti il Trib. Di Ferrara) propendeva a porre l’onere di promozione del procedimento di mediazione a carico del creditore opposto.

Da qui, la necessità per la Cassazione di affermare una lettura della questione il più possibile chiara ed univoca, in grado di dissipare i dubbi degli interpreti.

La risoluzione del contrasto ad opera delle SS UU

Con l’ordinanza interlocutoria 18741/2019, la terza Sezione della Suprema Corte ha pertanto rimesso alle Sezioni Unite la soluzione della questione relativa appunto all’individuazione della parte processuale tenuta ad attivare la mediazione nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo.

È con la sent. delle SS UU n.19596/2020 pubblicata lo scorso 18 settembre, che la Suprema Corte ha superato il contrasto giurisprudenziale de quo, allontanando ogni dubbio interpretativo sul tema.

Il principio di diritto affermato dalle Sezioni Unite, ha stabilito che nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, relativo a controversie soggette a mediazione obbligatoria, una volta decise le istanze di concessione o sospensione della provvisoria esecuzione del decreto, l’onere di promuovere la procedura di mediazione grava sulla parte opposta; con la conseguenza che ove essa non si attivi, alla pronuncia di improcedibilità dell’opposizione, conseguirà la revoca del decreto ingiuntivo.

Le ragioni della decisione

La ragione di tale statuizione, spiega la Suprema Corte, muove le premesse dal fatto che, per quanto la mediazione abbia finalità deflattiva, nel conflitto tra il principio costituzionale della ragionevole durata del processo e la garanzia del diritto di difesa, quest’ultimo deve sempre necessariamente prevalere sul primo.

Analizzando infatti “le forme di accesso alla giurisdizione”, le Sezioni Unite hanno rilevato come la Corte Costituzionale si fosse pronunciata più volte sulla legittimità di numerose disposizioni che prevedevano la c.d. giurisdizione condizionata, dichiarandone sempre l’illegittimità.

Le conclusioni

È dunque inevitabile giungere alla conclusione, che d’ora in avanti, nei giudizi di opposizione a decreto ingiuntivo, l’onere di attivare la procedura di mediazione rimarrà in capo al solo convenuto opposto; con la conseguenza che, ove essa non si attivi, alla pronuncia di improcedibilità dell’opposizione, conseguirà la revoca del decreto ingiuntivo.

Del resto, così come hanno puntualizzato le SS.UU., la diversa soluzione risulterebbe incoerente andando a premiare la passività dell’opponente e ad accrescere gli oneri della parte creditrice.

Volume consigliato

Compendio di Procedura civile

Compendio di Procedura civile

Antonio Scalera, 2020, Maggioli Editore

Il testo affronta la disciplina che regolamenta il processo civile, con un approccio semplice e lineare e, al contempo, tecnico. In tal modo, l’opera si presenta quale efficace strumento di primo approccio e di ripasso della materia, permettendo una preparazione funzionale al superamento...



 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!