Coniuge cambia gusti sessuali, nullità del matrimonio solo per la Chiesa
Home » News » Focus

Marito cambia gusti sessuali: matrimonio nullo per la Chiesa, non per lo Stato

Redazione

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - VI sez. civ. - ordinanza n. 11808 del 15-05-2018

Versione PDF del documento

Con ordinanza n. 11808 del 15 maggio 2018, la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, si è trovata a decidere in ordine alla vicenda di un uomo che, dopo anni di matrimonio e la nascita di una figlia, aveva deciso di cambiare orientamento sessuale.

La moglie aveva dunque ottenuto sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio presso il Tribunale ecclesiastico Regionale, mentre non era riuscita ad ottenere la declaratoria di efficacia, della predetta sentenza ecclesiastica, nella Repubblica italiana. A fronte del rifiuto di delibazione, la donna ricorreva pertanto in Cassazione.

Per lo Stato, conta la convivenza come coniugi

I Giudici di legittimità, tuttavia, non hanno fatto che ribadire le statuizioni di merito. In particolare, si richiama un arresto delle Sezioni Unite, il quale dà fondamentale rilievo alla “convivenza come coniugi” quale elemento essenziale del “matrimonio rapporto”. Ove protrattasi per almeno tre anni dalla celebrazione del matrimonio concordatario, la convivenza integra una situazione giuridica di ordine pubblico italiano, la cui inderogabile tutela trova fondamento nei principi di sovranità e laicità dello Stato, ed è preclusiva alla dichiarazione di efficacia della sentenza di nullità pronunciata dal Tribunale ecclesiastico per qualsiasi vizio genetico del “matrimonio-atto”.

Orbene la Corte d’Appello prima e la Corte di Cassazione poi, hanno fatto proprie – in rapporto al caso di specie – le presenti affermazioni di principio, avendo accertato che la convivenza dei coniugi de quo si era protratta per ben quattordici anni, i primi sei o sette dei quali si erano “estrinsecati in una condotta oggettiva coerente con l’unione coniugale”, tanto che la coppia aveva, di comune accordo, deciso di avere una figlia e che, solo dopo la nascita di quest’ultima, la “disinclinazione eterosessuale” del marito era venuta alla luce. Ciò che per l’appunto preclude, secondo gli Ermellini il riconoscimento dell’efficacia della sentenza di nullità ecclesiastica.

Volume consigliato 

UNIONI CIVILI TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO E DISCIPLINA DELLE CONVIVENZE (CD. LEGGE CIRINNÀ)

UNIONI CIVILI TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO E DISCIPLINA DELLE CONVIVENZE (CD. LEGGE CIRINNÀ)

Laura Citroni, 2016, Diritto.it

Composta da un unico articolo di quasi una settantina di commi, la Legge Cirinnà nella prima parte disciplina l’istituto delle unioni civili e, nella seconda, quello delle convivenze di fatto. Il presente lavoro, seguendo la struttura della legge, è diviso in due...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it