Il diritto di recesso dal contratto: tempistiche, modi e cause.

Le tempistiche per recedere dai contratti

di Concas Alessandra, Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia

Versione PDF del documento

Il diritto di recesso da un contratto, noto come “diritto di ripensamento”,è uno dei modi nei quali si può sciogliere un accordo sottoscritto ed efficace.

Esistono diverse possibilità riconosciute dalla legge oppure relative alla determinazione delle parti, nelle quali si può “annullare” una scrittura privata o un atto pubblico, evitando di esserne vincolati. Alcune di queste possibilità hanno un tempo prestabilito.

Chiarisci i concetti essenziali su questo e altri argomenti con il “Compendio di diritto civile” di Anna Costagliola e Lucia Nacciarone, a cura di Marco Zincani.

In che cosa consiste il diritto di recesso o diritto di ripensamento

Una circostanza nella quale è consentito il diritto di recesso è quella riconosciuta dal codice del consumo sui contratti firmati tra consumatori e professionisti.

In simili contesti, il “consumatore”viene identificato con il privato che agisce per acquistare un bene o un servizio non per la sua attività lavorativa.

Con il termine “professionista”si intendono aziende o autonomi che svolgono questa attività di mestiere.

Il diritto di recesso o di ripensamento è escluso nei contratti tra due privati o tra due aziende o tra un professionista e una società, e lo è anche quando un privato, per acquistare un prodotto deve fornire una partita Iva al fine di scaricare la spesa dalle tasse.

Le modalità del diritto di recesso o di ripensamento

Quando un contratto è firmato fuori dai locali commerciali, il cliente può sciogliere l’accordo, ci può ripensare, svincolandosi dall’obbligo di pagare il prezzo o, se lo ha corrisposto, potendo chiedere la restituzione dei soldi spesi.

Si tratta della possibilità di “ritornare indietro” senza dovere dare nessuna giustificazione, è sufficiente comunicare alla controparte l’intenzione di recedere dal contratto, senza bisogno di un motivo e, se si vuole dare, non deve obbligatoriamente essere valido e ragionevole.

Su potrebbe esercitare il diritto di recesso perché l’oggetto acquistato non risulta di personale  gradimento, meno bello di quello che si sperava, meno conveniente rispetto agli altri che prima non erano stati visti.

Il diritto di ripensamento si applica alle vendite telefoniche, avvenute on line al telefono, in strada, con televendite o porta a porta.

Non si può esercitare il diritto di recesso se ci si reca in un negozio, sia che la merce fosse in quel momento presente o non lo fosse, ad esempio se si fa un ordine.

Il diritto di recesso spetta anche se la confezione sia stata aperta e provato il prodotto, rimuovendo i sigilli.

Il fine di questo diritto è consentire una prova dell’oggetto in questione.

Il venditore non si può rifiutare di  restituire i soldi se il bene oggetto della vendita sia stato utilizzato, e non può addebitare al compratore le spese di spedizione che, per legge, gravano sempre sul venditore.

Per l’esercizio del diritto di recesso, è sufficiente qualsiasi prova di acquisto, non è necessario esibire lo scontrino.

Quando il diritto di recesso non si può esercitare

Il diritto di recesso è escluso per le vendite che avvengono nei negozi, nell’ufficio o nello studio del professionista e se il contratto viene concluso fuori dai locali commerciali, nei casi di elencati di seguito:

Prestazioni che sono state eseguite, ad esempio, un tour guidato per una città.

Costruzione, vendita e locazione di beni immobili.

Fornitura di prodotti alimentari o di utilizzo domestico corrente consegnati con scadenza regolare.

Assicurazione.

Strumenti finanziari.

Prodotti alimentari o di uso domestico corrente consegnati con scadenza regolare.

Servizi relativi all’alloggio, ai trasporti, alla ristorazione, al tempo libero, quando è prevista una data o un periodo determinato per la fornitura (ad es., con prenotazione).

Se non vengono presi accordi diversi tra le parti il recesso è escluso anche nei casi sotto elencati:

servizi che, prima della scadenza del termine di 10 giorni per il recesso, siano stati eseguiti con il consenso del consumatore.

beni e servizi il prezzo dei quali è legato a fluttuazioni dei tassi del mercato finanziario, non controllabili dal venditore

beni confezionati su misura o personalizzati

prodotti audio-video o software sigillati che siano stati aperti dal consumatore

giornali, periodici e riviste

servizi di scommesse o lotterie.

In quanto tempo si può recedere da un contratto

Il diritto di recesso deve essere esercitato entro massimo 14 giorni lavorativi che decorrono per i servizi dalla data di conclusione del contratto, per i beni dalla data di consegna della merce.

Se si richiede di usufruire del diritto di recesso dopo il quattordicesimo giorno, al consumatore può essere richiesto il pagamento di una penale.

Il professionista deve sempre informare il consumatore dell’esistenza del diritto di recesso e delle modalità del suo esercizio, se non lo fa, il consumatore può esercitare il diritto di recesso entro un anno.

Ti potrebbe interessare anche il seguente articolo: “Contratto, lo scioglimento senza pagare penali“.

In che modo si esercita il diritto di recesso o di ripensamento

Al fine di esercitare il diritto di recesso non è sufficiente restituire la merce ma si dovrà inviare una raccomandata con avviso di ricevimento al professionista.

Si può inviare la comunicazione, entro lo stesso termine, anche attraverso telegramma, telex, posta elettronica e fax, a condizione che sia confermata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le quarantotto ore successive.

Nella raccomandata basta inserire le informazioni personali, quelli relativi all’ordine e all’acquisto effettuati, comunicando l’intenzione di recedere dal contratto, intimando di restituire il prezzo pagato entro il termine tassativo di 30 giorni.

Se nell’informativa relativa al diritto di recesso o nell’offerta di vendita o nelle clausole di contratto, sia espressamente previsto, il consumatore può esercitare il diritto di recesso con la diretta e immediata restituzione del bene, senza l’onere di comunicarlo prima.

Se il consumatore ha ricevuto la merce oggetto di vendita la deve restituire al venditore, secondo le modalità previste dal contratto.

Il termine per la restituzione non può essere inferiore a 10 giorni lavorativi.

Il venditore deve restituire il prezzo pagato dal consumatore entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di recesso.

Il diritto di recesso per inadempimento

Se una delle parti non adempie alla sua prestazione, l’altra può recedere dal contratto assegnandole un termine essenziale per eseguire il suo obbligo.

Non esiste un termine massimo entro il quale esercitare il diritto se non sino a quando la prestazione non è stata eseguita.

Il diritto di recesso per cambiamento delle condizioni patrimoniali di uno dei contraenti

Il Codice civile garantisce a ogni contraente il diritto di sospendere l’esecuzione della prestazione dovuta, se le condizioni patrimoniali dell’altro sono diventate tali da mettere in pericolo il conseguimento della controprestazione, ad eccezione della circostanza nella quale non sia stata prestata idonea garanzia.

Volume consigliato

Compendio di diritto civile

Compendio di diritto civile

Anna Costagliola - Lucia Nacciarone, 2019, Maggioli Editore

L’opera affronta la vastità degli istituti del diritto civile con un approccio sistematico e strumentale alla preparazione di esami e concorsi. Il volume è aggiornato al Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 – Disposizioni per l’adeguamento della normativa...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

concas-alessandra

Concas Alessandra

Giornalista iscritta all’albo dell’Ordine di Cagliari e Direttore responsabile di una redazione radiofonica web. Interprete, grafologa e criminologa. In passato insegnante di diritto e lingue straniere, alternativamente. Data la grande passione per il diritto, collabora dal 2012 con la Rivista giuridica on line Diritto.it, per la quale è altresì Coautrice della sezione delle Schede di Diritto e Referente delle sezioni attinenti al diritto commerciale e fallimentare, civile e di famiglia.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!