Dal Cnf, modifiche al codice deontologico forense

Il Cnf, come da comunicato in Gazzetta Ufficiale n. 86 del 13 aprile 2018, ha apportato delle modifiche al Codice deontologico forense, e precisamente agli artt. 20 e 27 comma 3, sulla responsabilità disciplinare e sul dovere d’informazione. Continua a leggere —>


Praticante avvocato: l’abilitazione al patrocinio, tra vecchia e nuova normativa 

La disciplina relativa all’abilitazione al patrocinio del praticante avvocato, ha subito ingenti modifiche per effetto della Legge professionale n. 247/2012, nonché, da ultimo, con il Decreto ministeriale attuativo n. 70/2016. Continua a leggere —>


Astensione dei penalisti per le udienze del 2 e del 3 maggio 2018

Con provvedimento del 12 aprile 2018, è stata indetta l’astensione, da parte dell’Unione delle Camere penali italiane, dalle udienze e da qualsiasi attività giudiziaria nel settore penale per il 2 ed il 3 maggio 2018. Continua a leggere —>


L’esame d’avvocato è adeguato? Polemiche e proposte

Periodicamente, sorgono dibattiti e discussioni circa l’adeguatezza o meno dell’esame d’avvocato, se sia effettivamente in grado di selezionare dei professionisti idonei a soddisfare la clientela, specie in un momento storico ove a sostenerlo sono in moltissimi. Continua a leggere —>


Giovani avvocati, aspiranti magistrati onorari

Il 29 marzo 2018 si è chiuso il termine per presentare la domanda online, sulla piattaforma telematica del Csm, per essere ammessi al tirocinio formativo e l’eventuale nomina a magistrato onorario. Per 400 posti messi a concorso, sono giunte oltre 59 mila domanda, di cui il 73% provenienti da avvocati. Continua a leggere —>


Cassa forense: Bando 2018 per prestiti ai giovani avvocati

E’ stato indetto dalla Cassa forense un Bando 2018 per l’erogazione di prestiti, dai 5.000,00 ai 15.000,00 euro restituibili in 5 anni, in favore dei giovani avvocati sotto i 35 anni di età. Continua a leggere —>


Conferimento incarichi legali, come determinare l’equo compenso?

L’art. 13 bis Legge n. 247/2012, introdotto dalla Legge sull’equo compenso, serve a tutelare la categoria degli avvocati, in tal senso considerata “parte debole” nelle convenzioni stipulate con le grandi imprese. Stabilisce a tal fine, al comma 2, cosa debba intendersi per “equo compenso”; ossia il compenso proporzionato alla quantità e qualità delle attività difensive svolte. Continua a leggere —>


I corsi di formazione durante la pratica forense

Il “Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione per l’accesso alla professione di avvocato” trova applicazione con decorrenza dal centottantesimo giorno successivo alla sua entrata in vigore per i tirocinanti iscritti. Continua a leggere—>


Praticanti avvocati, vietata la difesa d’ufficio

I praticanti avvocati non possono essere nominati difensori d’ufficio: si tratta della pronuncia della Corte di Cassazione n. 12247 del 16 marzo 2018, pena l’effettività della difesa d’ufficio “poiché all’indagato o all’imputato potrebbe essere assegnato, senza il concorso della sua volontà, un difensore che non abbia percorso l’intero iter abilitativo per la professione”. Continua a leggere—>


Prova orale: supplenti in commissione, quesiti e criteri di valutazione

La norma transitoria di cui all’art. 49 Legge n. 247/2012 prevede che tutti i membri della Commissione d’esame possano essere sostituiti da supplenti anche appartenenti ad una diversa categoria professionale. Continua a leggere—>


Esercizio abusivo della professione, pene più severe

Con la Legge n. 3/2018, in vigore dal 15 febbraio 2018, sono state inasprite le pene di cui all’art. 348 c.p., relative al reato di esercizio abusivo di una professione – quale quella legale – per cui è richiesta una speciale abilitazione dello Stato. Continua a leggere —>


Compenso del praticante avvocato, tra statistiche e proposte di legge

Dalla Legge professionale (Legge n. 247/2012) si evince implicitamente come il compenso al praticante avvocato, decorso il primo semestre di pratica, sia solo facoltativo, senza tra l’altro fissare un importo minimo. Il Codice deontologico forense pone rimedio a tale lacuna, contemplando un obbligo di compenso adeguato, fermo restando il rimborso spese. Continua a leggere —>


Insegnare con la laurea in giurisprudenza 

Per il neo laureato in Giurisprudenza (o che abbia conseguito il titolo d’avvocato) che si senta portato per l’insegnamento, si segnala un’ulteriore opportunità che offre la Laurea in Giurisprudenza, ossia la possibilità di insegnare Scienze giuridico – economiche nelle Scuole secondarie di II grado. Continua a leggere —>


Pratica forense presso l’Avvocatura Inps 

Nel portale Inps, all’interno dell’apposita sezione, è possibile scaricare i bandi per poter effettuare la pratica forense presso l’Avvocatura dell’ Ente previdenziale, sia negli studi legali territoriali che in quello della sede centrale. Continua a leggere —>


Corrispondenza riservata tra avvocati, i chiarimenti del Cnf

Il Consiglio nazionale forense ha fornito alcuni chiarimenti in ordine all’art. 28 del Codice deontologico forense, il quale sancisce il divieto di produzione della corrispondenza scambiata tra avvocati,  nell’ambito di un procedimento giudiziario. Continua a leggere —>


Tirocinio avvocati, gratis e senza borsa di studio

Ben 1.300 dei 4.000 praticanti avvocati che hanno svolto il tirocinio presso gli uffici giudiziari, quest’anno dovranno rinunciare alla borsa di studio promessa, in quanto non rientrano nelle graduatorie pubblicate, basate sull’indice Isee. Continua a leggere —>


Tirocinio avvocati: chi ha diritto a un compenso? 

Il tirocinio forense, obbligatorio per partecipare all’Esame di stato, è stato di recente modificato per effetto del decreto ministeriale 17 marzo 2016, n. 70, che ha previsto, tra le altre novità, la partecipazione obbligatoria a corsi di formazione. Continua a leggere —>