La scuola può sanzionare l’alunno in base a fotografie pubblicate su instagram

di Muia' Pier Paolo, Referente per le sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio
PDF

Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali n. 308, del 16 maggio 2018

riferimenti normativi: art. 149, comma 2 e art 7 del codice per la protezione dei dati personali;

Fatto

A seguito di un provvedimento disciplinare irrogato da una scuola superiore nei confronti di un’alunna, il genitore di questa, che aveva proposto ricorso, si era rivolto al Garante per la protezione dei dati personali al fine di ottenere la conferma dell’esistenza e la comunicazione in forma intellegibile dei dati personali della figlia ed in particolare delle immagini e video dall’alunna pubblicate sul proprio profilo instagram ed utilizzate dalla scuola a sostegno della sanzione adottata. Al Garante era stato, inoltre, richiesto di conoscere l’origine dei dati, le finalità, le modalità e la logica applicata al trattamento nonché le persone designate quali responsabili del trattamento dei dati personali.

Il genitore dell’alunna lamentava che l’istituto scolastico avesse proceduto con l’adozione della sanzione disciplinare senza prima aver messo a disposizione dello stesso le immagini e i video richiesti e fondanti la procedura disciplinare riferita alla figlia, e di aver contestualmente operato un trattamento illegittimo dei dati personali.

In particolare la scuola, a seguito di un atto vandalico, aveva provveduto a registrare sul registro di classe una nota nei confronti dell’alunna per aver ella fotografato e poi pubblicato sul proprio profilo instagram il gesto vandalico commesso dal compagno di scuola. A questa nota era poi seguita la sanzione disciplinare del 6 in condotta per “scarsa osservanza delle norme che regolano la vita e l’attività dell’istituto, anche con episodi gravi”.

L’atto vandalico ripreso e postato dall’alunna era stato reso noto all’Istituto da altri alunni, che avevano mostrato ad alcuni professori una fotografia postata su un profilo instagram e che ritraeva un banco di una classe sul quale era stato versato del liquido cancellabile a cui era stato dato fuoco.

L’Istituto scolastico, a seguito della richiesta avanzata al Garante per la protezione dei dati personali, aveva fornito allo Stesso alcuni chiarimenti circa le modalità di acquisizione delle informazioni sull’episodio vandalico e sul suo autore, nonché sull’identificazione dell’autore della diffusione sul social network.

La decisione del Garante

Sulla base dei chiarimenti offerti dall’Istituto scolastico, e ritenendo questi sufficienti rispetto alla richiesta avanzata, il Garante per la protezione dei dati personali ha dichiarato il non luogo a provvedere sul ricorso proposto dal padre dell’alunna, ritenendo lecito il trattamento dei dati personali posto in essere dalla scuola.

Ciononostante il padre dell’alunna ha ritenuto false le dichiarazioni rilasciate dall’Istituto nella fase dell’interrogazione fatta dal Garante e per tale ragione ha dichiarato la volontà di agire nelle sede opportune per la tutela dei propri interessi e di quelli della sua famiglia.

In particolare l’istituto scolastico aveva specificato che nessun trattamento dei dati personali era stato operato per la definizione della procedura, gli autori dell’illecito disciplinare non erano stati individuati mediante i dati personali diffusi sul profilo instragram ma attraverso spontanee dichiarazioni dei due ragazzi coinvolti. L’alunna, infatti, spontaneamente aveva dichiarato di aver fotografato l’atto vandalico e di averlo pubblicato sul social network personale.

Secondo l’istituto scolastico non aveva effettuato nessun accesso abusivo sul profilo instagram personale dell’alunna, in quanto la fotografia postata su questo era stata mostrata da alcuni alunni agli insegnanti al fine di denunciare l’accaduto. La scuola era semplicemente uno dei soggetti coinvolti dal meccanismo di conoscibilità dinamica a macchia d’olio causato dall’evoluzione tecnologica e dall’uso dei social network che rendono impossibile considerare privata la natura chiusa del profilo e la sua accessibilità ad un numero ristretto di persone, in ragione della possibilità per qualunque utente ammesso al profilo di renderlo visibile ad altri.

Volume consigliato

La tutela della privacy in ambito sanitario

La tutela della privacy in ambito sanitario

L’opera mira a fornire agli operatori del settore sanitario, pubblico e privato, gli strumenti per comprendere in modo chiaro e semplice la copiosa normativa relativa al trattamento dei dati sanitari, in modo che gli stessi possano adempiere con tranquillità agli obblighi su di loro gravanti, volti alla cura e alla protezione dei dati personali dei loro assistiti. In particolare, l’Autore, dopo aver illustrato le caratteristiche principali dei dati sanitari, necessarie per poter individuare quali informazioni rientrano in detta categoria, si dedica all’esame di tutte le disposizioni che incidono sul loro trattamento: dal codice privacy fino al GDPR, passando per le linee guida adottate dal Garante nel corso degli anni in tema di dossier sanitario, siti web dedicati alla salute, referti on-line, indagini di customer satisfaction nonché per la normativa in tema di fascicolo sanitario elettronico. Il trattamento dei dati in ambito sanitario, in considerazione della delicatezza delle informazioni che riguardano lo stato di salute degli interessati, è sempre stato estremamente pericoloso. L’opera si rende ancor più utile oggi, in un mondo in cui anche nell’ambito sanitario i dati personali assumono un’importanza fondamentale e vengono trattati attraverso diversi strumenti tecnologici ed elettronici, rientrando la protezione di tali dati tra i principali adempimenti che i professionisti e le strutture sanitarie debbono curare per poter fornire le proprie prestazioni senza preoccupazioni di incorrere in responsabilità.

Pier Paolo Muià Si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Firenze. Esercita la professione di avvocato tra Firenze, Prato e Pistoia, occupandosi in particolare di responsabilità medica, diritto di internet, privacy e IP. È autore di numerose pubblicazioni sulle principali riviste giuridiche nazionali e collabora stabilmente con il portale giuridico Diritto.it. È stato relatore in diversi convegni, anche per ordini professionali medici.

Pier Paolo Muià, 2018
20.00 € 19.00 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

pier-paolo-muia

Muia' Pier Paolo

Co-founder dello Studio Legale "MMP Legal", svolge la professione di avvocato in Firenze, Prato e Pistoia, occupandosi in via principale con il suo staff di responsabilità professionale e civile; internet law, privacy e proprietà intellettuale nonchè diritto tributario. In particolare, svolge attività di assistenza e difesa sia di professionisti destinatari di richieste di risarcimento  danni per inadempimento professionale sia di soggetti danneggiati da sinsitri, soprattutto per malpractice medica; consulenza relativamente alla gestione e alla tutela dei dati personali in ogni area e settore di attività nonché assistenza e difesa, stragiudiziale e giudiziale, per quanto riguarda i contratti e i rapporti tramite internet ed in generale tutte le problematiche relative ai servizi on line ed ai correlati diritti; redazione di accordi di licenza e cessione di marchi, dei diritti di sfruttamento economico delle opere dell'ingegno, di know-how e di brevetti; difesa giudiziale per la tutela dei diritti d'autore e di brevetti, marchi e disegni, nonché avverso attività di concorrenza sleale; difesa e rappresentanza nei giudizi dinanzi alle commissioni tributarie. Per Diritto.it è Referente delle sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio. Pagina Facebook: https://www.facebook.com/studiolegalemasimuia/?ref=br_rs Pagina Instagram: https://www.instagram.com/mmp_studiolegale/


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e