La Cassazione chiarisce la portata applicativa dell’art. 623, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. in relazione ai criteri d’individuazione del giudice ad quem 

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione -sez. II penale- ordinanza 15938 dell'8-03-2022

[Riferimento normativo: Cod. proc. pen., art. 623, co. 1, lett. c)]

     Indice 

  1. Il fatto 
  2. Istanza di correzione dell’errore materiale 
  3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione 
  4. Conclusioni

1. Il fatto

La Suprema Corte annullava una sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria nei confronti di alcuni degli imputati “con rinvio per nuovo giudizio ad altra Sezione della Corte di Appello di Reggio Calabria”.

2. Istanza di correzione dell’errore materiale

Con istanza presentata nell’interesse dei predetti imputati, la difesa sollecitava la correzione dell’errore materiale ritenuto sussistente in relazione all’individuazione del giudice di rinvio, sollecitando la correzione nel senso che il rinvio dovesse ritenersi effettuato dinanzi alla Corte di Appello di Messina. 

Al riguardo, si rappresentava come l’altra Sezione della Corte d’Appello reggina non avrebbe potuto occuparsi del giudizio di rinvio, avendo deciso l’appello proposto da un coimputato del medesimo reato.

3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

La richiesta di correzione proposta congiuntamente dagli imputati era reputata manifestamente infondata atteso che la Suprema Corte ha chiarito, anche in epoca recente, che «in tema di annullamento con rinvio, l’art. 623, comma 1, lett. c), cod. proc. pen., in relazione ai criteri d’individuazione del giudice ad quem, prescrive che la sezione della Corte territoriale debba essere diversa soltanto da quella che ha emesso la specifica sentenza annullata e non anche da ogni altra sezione della medesima Corte che, in precedenza, abbia pronunciato sentenza nel medesimo processo» (Sez. 1, n. 12298 del 29/01/2018. In senso conforme, cfr. Sez. 1, n. 12995 del 29/01/2014, la quale, dopo aver annullato con rinvio una sentenza pronunciata da una Corte di Appello dotata di due sezioni, ha rigettato – in applicazione del principio – la richiesta di correzione di errore materiale presentata dall’imputato il quale sosteneva che il giudizio dovesse essere rimesso alla Corte di Appello più vicina e non, invece, all’altra sezione della medesima Corte territoriale che aveva già pronunciato, nel medesimo processo, sentenza oggetto di precedente annullamento da parte del giudice di legittimità).

Le considerazioni fin qui svolte imponevano dunque, per la Corte di legittimità, una declaratoria di inammissibilità delle richieste degli imputati che a loro volta erano condannati al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro duemila in favore della Cassa delle Ammende.


Potrebbe interessarti anche: 


4. Conclusioni

La decisione in esame è interessante essendo ivi chiarita la portata applicativa dell’art. 623, comma 1, lett. c), cod. proc. pen. in relazione ai criteri d’individuazione del giudice ad quem.

Difatti, fermo restando che la norma procedurale appena citata dispone che, fuori “dei casi previsti dagli articoli 620 e 622: (…) se è annullata la sentenza di una corte di assise di appello o di una corte di appello ovvero di una corte di assise o di un tribunale in composizione collegiale, il giudizio è rinviato rispettivamente a un’altra sezione della stessa corte o dello stesso tribunale o, in mancanza, alla corte o al tribunale più vicini”, in tale provvedimento, sulla scorta di un pregresso e consolidato orientamento nomofilattico, si afferma che, in tema di annullamento con rinvio, l’art. 623, comma 1, lett. c), cod. proc. pen., in relazione ai criteri d’individuazione del giudice ad quem, prescrive che la sezione della Corte territoriale debba essere diversa soltanto da quella che ha emesso la specifica sentenza annullata e non anche da ogni altra sezione della medesima Corte che, in precedenza, abbia pronunciato sentenza nel medesimo processo.

Quindi, ove il giudizio sia rinviato alla sezione di una Corte territoriale che abbia già pronunciato sentenza nel medesimo processo, e non invece alla sezione della Corte che abbia emesso la sentenza annullata, è sconsigliabile, alla luce di tale approdo ermeneutico, affermare come ciò si traduca in un errore materiale che, come tale, deve essere emendato.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in siffatta ordinanza, dunque, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su codesta tematica procedurale, non può che essere positivo.

Volume consigliato:

Compendio di Diritto Penale

Compendio di Diritto Penale

Fabio Piccioni, 2020, Maggioli Editore

Il testo è aggiornato al Decreto Sicurezza bis (D.L. n. 53/2019), al Codice Rosso (Legge n. 69/2019), nonché alla Legge n. 43/2019, di riforma della normativa sullo scambio elettorale politico – mafioso. Fabio PiccioniAvvocato del Foro di Firenze, patrocinante in...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e