Istanza di concordato in appello: giudizio di rinvio

Scarica PDF Stampa
Nel giudizio di rinvio ex art. 627 cod. proc. pen. è inammissibile la proposizione dell’istanza di concordato in appello

     Indice

  1. La questione
  2. La soluzione adottata dalla Cassazione
  3. Conclusioni

(Riferimenti normativi: Cod. proc. pen., art. 599-bis, 627)

1. La questione

La Corte di Appello di Catania, nel giudizio di rinvio a seguito di una sentenza emessa dalla Corte di Cassazione 2020 di parziale annullamento con rinvio di quella emessa sempre dalla Corte di Appello di Catania, rideterminava la pena per i ricorrenti.

Ciò posto, avverso il provvedimento summenzionato gli imputati, per il tramite dei loro legali, proponevano nuovamente ricorso per Cassazione e, tra i motivi addotti da uno di essi, si deducevano vizi di erronea applicazione della legge penale e di mancanza di motivazione sul rigetto della richiesta di concordato ex art. 599-bis cod. proc. pen. nel giudizio di rinvio.


Potrebbero interessarti anche


2. La soluzione adottata dalla Cassazione

La Suprema Corte riteneva il motivo summenzionato infondato sulla scorta di quell’orientamento nomofilattico secondo il quale, nel giudizio di rinvio ex art. 627 cod. proc. pen., è inammissibile la proposizione dell’istanza di concordato in appello, anche con rinuncia ai motivi, in quanto, essendo ormai avvenuto lo svolgimento dei giudizi di secondo grado e di legittimità, ciò si pone in contrasto con la finalità deflattiva propria dell’istituto previsto dall’art. 599-bis cod. proc. pen. (Sez. 5, n. 22774 del 22/06/2020).

3. Conclusioni

La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi asserito, alla luce di un pregresso indirizzo interpretativo elaborato sempre dalla Cassazione, che, nel giudizio di rinvio ex art. 627 cod. proc. pen., è inammissibile la proposizione dell’istanza di concordato in appello, anche con rinuncia ai motivi, in quanto, essendo ormai avvenuto lo svolgimento dei giudizi di secondo grado e di legittimità, ciò si pone in contrasto con la finalità deflattiva propria dell’istituto previsto dall’art. 599-bis cod. proc. pen..

E’ dunque sconsigliabile, perlomeno in relazione a tale approdo ermeneutico, proporre una istanza di questo di genere in sede di rinvio.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in codesta sentenza, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su siffatta tematica procedurale sotto il profilo giurisprudenziale, dunque, non può che essere positivo.

 Volume consigliato

Compendio di Procedura penale

Il presente testo affronta in modo completo e approfondito la disciplina del processo penale, permettendo uno studio organico e sistematico della materia. L’opera è aggiornata alla L. n. 7 del 2020 di riforma della disciplina delle intercettazioni, al D.L. n. 28 del 2020 in tema di processo penale da remoto, ordinamento penitenziario e tracciamento di contatti e contagi da Covid-19 e alla più recente giurisprudenza costituzionale e di legittimità.   Giorgio SpangherProfessore emerito di procedura penale presso l’Università di Roma “La Sapienza”.Marco ZincaniAvvocato patrocinatore in Cassazione, presidente e fondatore di Formazione Giuridica, scuola d’eccellenza nella preparazione all’esame forense presente su tutto il territorio nazionale. Docente e formatore in venti città italiane, Ph.D., autore di oltre quattrocento contributi diretti alla preparazione dell’Esame di Stato. È l’ideatore del sito wikilaw.it e del gestionale Desiderio, il più evoluto sistema di formazione a distanza per esami e concorsi pubblici. È Autore della collana Esame Forense.

Marco Zincani, Giorgio Spangher | 2021 Maggioli Editore

38.00 €  36.10 €

Sentenza collegata

125836-1.pdf 127kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento