Inps, da oggi al via le nuove visite fiscali per malattia
Home » News » Focus

Inps, oggi al via le nuove visite fiscali

Redazione

Versione PDF del documento

visite fiscali inps

Ci siamo: da oggi, 1° settembre, cambiano le regole per visite fiscali ai lavoratori in malattia. Parte infatti ufficialmente oggi il polo unico Inps che dovrà gestire le visite a domicilio non solo nel settore privato (come già fa), ma anche in quello del lavoro pubblico. E le novità riguarderanno tutti i lavoratori, dalla garanzia di una maggiore efficienza nell’individuare gli abusi al tanto temuto aumento delle fasce orarie di reperibilità. Ma vediamo tutto con ordine.

 

Le visite salgono fino a mezzo milione

Il primo dato che colpisce, tra quelli annunciati dal Presidente dell’Inps Tito Boeri, riguarda il numero di visite fiscali che saranno effettuate nel settore pubblico. L’obiettivo annunciato dell’Istituto è quello di eseguire visite per il 5% di tutti i certificati presentati, quindi almeno 300mila controlli. Un aumento importante, che però nelle parole di Boeri potrebbe essere ancora più grande: è possibile addirittura “superare il livello delle visite ai privati”, dunque arrivare a quota mezzo milione.

Un livello di efficienza più alto, dunque, nel passaggio del settore pubblico dalle Asl all’Inps. Un primo cambiamento che potrà non piacere ad alcuni lavoratori ma che sicuramente permetterà di svolgere maggiori controlli e potenziare la lotta al’assenteismo.

 

Volume consigliato:

L' appello nel processo del lavoro

L' appello nel processo del lavoro

Vincenzo Turco, 2016, Maggioli Editore

Il testo contiene una trattazione operativa e puntuale del processo di appello nelle controversie di lavoro. L’opera, con giurisprudenza e formulario, costituisce un supporto all’attività pratica degli operatori, analizzando tutte le fasi del processo di secondo grado nelle...



 

Fasce di reperibilità: sette ore per tutti

Particolarmente controversa è invece la novità attesa per le fasce orarie di reperibilità. Attualmente nel settore privato il dipendente malato deve essere disponibile a casa dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, mentre nel settore pubblico le fasce sono 9-13 e 15-18. Una disparità fondata sulla mancanza di un’organizzazione centrale: adesso però, con il passaggio di entrambi i settori sotto il polo unico Inps, si assisterà con tutta probabilità a un’armonizzazione. Che in parole povere vuol dire che presto anche i privati dovranno essere reperibili ogni giorno non più per quattro ore, come oggi, ma per sette.

Ma non solo: i controlli potranno anche avvenire due volte nel corso della stessa giornata.

Banche dati per stanare le assenze sospette

Il nuovo polo unico Inps potrà avvalersi anche di specifici strumenti informatici per contrastare l’assenteismo e rendere più efficienti le visite fiscali. In particolare, la banca dati dell’Istituto permetterà agli incaricati di concentrarsi in particolare sulle assenze più a rischio e sui dipendenti più sospetti, in particolare nei giorni di malattia a cavallo di ponti, weekend e festività. La scelta di dove mandare i medici, nelle parole di Boeri, “non sarà casuale”.

Inoltre, l’Inps potrà da oggi effettuare le visite non solo su richiesta del datore di lavoro, ma anche d’ufficio. Il tutto, ancora, sulla base dei dati incrociati ricavati dal database.

Dipendenti pubblici assenti il doppio dei privati

Una regolamentazione e armonizzazione delle visite fiscali nei settori pubblico e privato, in effetti, serve. Le asimmetrie sono tante, e non si riferiscono solo al numero di ore durante le quali i malati devono essere reperibili presso la loro abitazione.

Fa infatti discutere come, fino a oggi, i giorni di assenza per lavoratore nell’impiego pubblico siano più del doppio di quelli tra privati. Leggendo i dati del 2015, vediamo come gli statali abbiano in media 11 giorni di malattia all’anno, mentre i dipendenti del privato solo 5. Non è un caso, ovviamente, che il controllo dell’Inps sia stato fino a oggi molto più forte nel settore privato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it