E’ corretto che una Stazione Appaltante predisponga l’esclusione di un’impresa la cui polizza fideiussoria, concernente il deposito cauzionale provvisorio, risulti priva della sottoscrizione del fideiussore?

E’ corretto che una Stazione Appaltante predisponga l’esclusione di un’impresa la cui polizza fideiussoria, concernente il deposito cauzionale provvisorio, risulti priva della sottoscrizione del fideiussore?

di Lazzini Sonia

Versione PDF del documento

Poiché le parti del negozio fideiussorio sono il garante e il beneficiario e che la causa del contratto di fideiussione è la garanzia di un debito altrui e considerato che il fideiussore, stante il carattere accessorio della garanzia, nel manifestare in modo espresso ed inequivocabile la volontà di prestarla (articolo 1937 cod. civ.), deve anche indicare la obbligazione principale garantita, il soggetto garantito, le eventuali condizioni e limitazioni soggettive ed oggettive della garanzia rispetto all’obbligazione principale, bisogna quindi affermare che la mancanza di sottoscrizione del contratto comporta ineluttabilmente la impossibilità di imputabilità soggettiva dello stesso ad una determinata persona fisica. Al riguardo si precisa che la polizza si perfeziona, nei confronti del beneficiario, anche unilateralmente, per effetto della volontà del

soggetto che assume l’obbligo di prestare la garanzia. Per questo, concorde la giurisprudenza amministrativa, la mancata sottoscrizione del soggetto debitore non fa venir meno l’effettività della garanzia._Ne consegue che la fideiussione priva della sottoscrizione del garante è nulla e, quindi, priva di ogni rilievo ai fini del soddisfacimento delle prescrizioni del bando. _Non può, quindi, condividersi l’assunto secondo cui l’omessa sottoscrizione della polizza fideiussoria integrerebbe una mera irregolarità, come tale suscettibile di essere emendata. Deve, invece, rilevarsi che la fideiussione non sottoscritta comporta il venir meno del nesso biunivocamente rilevante tra atto contrattuale e responsabilità personale del sottoscrittore, con la conseguente radicale improduttività di qualunque effetto giuridico di "certezza". Non si tratta, quindi, semplicemente di integrare, chiarire o regolarizzare un documento incompleto sotto il profilo formale: in mancanza di sottoscrizione, l’atto è inesistente e non può essere sanato.

A cura di Sonia Lazzini

Riportiamo qui di seguito la deliberazione numero 251 del 19 luglio 2007 emessa dall’ Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza

sui contratti pubblici di lavori , servizi e forniture

Deliberazione n. 251 del 12.07.2007
PREC244/07

Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla ALFA SERVICE s.r.l.– servizio di conduzione, pulizie, assistenza bagnanti e sorveglianza spiaggia degli stabilimenti balneari denominati “Topolini”, siti in viale Diramare lungo la Riviera di Barcola. S.A. Comune di Trieste.

Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio Affari Giuridici

Considerato in fatto

In data 16 maggio 2007 è pervenuta l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale la ALFA SERVICE s.r.l. contesta l’esclusione dalla gara indicata in oggetto per aver presentato la polizza fideiussoria, concernente il deposito cauzionale provvisorio, priva della sottoscrizione del fideiussore. A parere dell’istante la polizza riporta tutti gli elementi identificativi e sostanziali dell’atto, alla stessa è stata allegata copia del documento di identità del titolare dell’Agenzia di assicurazione e pertanto sussistevano le condizioni per chiedere l’integrazione documentale della fideiussione.

In sede di istruttoria procedimentale, la Stazione appaltante ha evidenziato che la polizza, in mancanza della sottoscrizione del garante, è priva di un elemento essenziale per l’esistenza stessa della garanzia, rendendo impossibile qualsiasi sanatoria successiva.

In data 14 giugno 2007 si è tenuta una audizione nel corso della quale l’Impresa istante ha ribadito quanto rappresentato in atti. La S.A. ha ritenuto di non partecipare.

Ritenuto in diritto

Si deve innanzi tutto rilevare che le parti del negozio fideiussorio sono il garante e il beneficiario e che la causa del contratto di fideiussione è la garanzia di un debito altrui. Il fideiussore, stante il carattere accessorio della garanzia, nel manifestare in modo espresso ed inequivocabile la volontà di prestarla (articolo 1937 cod. civ.), deve anche indicare la obbligazione principale garantita, il soggetto garantito, le eventuali condizioni e limitazioni soggettive ed oggettive della garanzia rispetto all’obbligazione principale.

La mancanza di sottoscrizione del contratto comporta ineluttabilmente la impossibilità di imputabilità soggettiva dello stesso ad una determinata persona fisica. Al riguardo si precisa che la polizza si perfeziona, nei confronti del beneficiario, anche unilateralmente, per effetto della volontà del soggetto che assume l’obbligo di prestare la garanzia. Per questo, concorde la giurisprudenza amministrativa, la mancata sottoscrizione del soggetto debitore non fa venir meno l’effettività della garanzia.

Ne consegue che la fideiussione priva della sottoscrizione del garante è nulla e, quindi, priva di ogni rilievo ai fini del soddisfacimento delle prescrizioni del bando.

Non può, quindi, condividersi l’assunto secondo cui l’omessa sottoscrizione della polizza fideiussoria integrerebbe una mera irregolarità, come tale suscettibile di essere emendata. Deve, invece, rilevarsi che la fideiussione non sottoscritta comporta il venir meno del nesso biunivocamente rilevante tra atto contrattuale e responsabilità personale del sottoscrittore, con la conseguente radicale improduttività di qualunque effetto giuridico di "certezza". Non si tratta, quindi, semplicemente di integrare, chiarire o regolarizzare un documento incompleto sotto il profilo formale: in mancanza di sottoscrizione, l’atto è inesistente e non può essere sanato.

In base a quanto sopra considerato
Il Consiglio
ritiene conforme, nei limiti di cui in motivazione, l’esclusione della ALFA SERVICE s.r.l. per aver presentato la polizza fideiussoria priva della sottoscrizione del garante.

Il Consigliere Relatore          Il Presidente

Alessandro Botto                    Luigi Giampaolino

Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 19 luglio 2007

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!