Diritto e natura umana: la funzione sociale-adattiva del comportamento normativo

Diritto e natura umana: la funzione sociale-adattiva del comportamento normativo

Atahualpa Fernandez

Versione PDF del documento

Abstract
 
L’obiettivo di quest’articolo è quello di offrire una (re)interpretazione critica della genesi e dell’evoluzione, oggetto e scopo, oltre che utili criteri idonei ad interpretare, giustificare ed applicare il moderno diritto positivo, nell’intento di porre il pensiero filosofico e la teoria formale contemporanea sulla razionalità al servizio dell’argomentazione ermeneutica e giuridica. Il diritto non è altro che una strategia sociale-adattiva, seppur complessa, purtuttavia notevolmente carente, usata per articolare in modo argomentato – e non sempre giustamente – in forza del discernimento (prudence N.d.R.), elementari relazioni sociali attraverso le quali gli uomini costruiscono riconosciuti stili d’interazione e struttura sociale; per organizzare, ad esempio, e migliorare eticamente la vita politica e sociale in modo da impedire che il libero cittadino – ricco o povero che sia – debba temere l’intromissione arbitraria d’altri protagonisti sociali nel suo programma di vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it