Decreto crescita, incentivata la stabilizzazione del personale altamente qualificato

Decreto crescita, incentivata la stabilizzazione del personale altamente qualificato

Redazione

Versione PDF del documento

Il 15 giugno 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato un pacchetto di misure urgenti e strutturali che realizzano una profilo ulteriore dell’Agenda per la crescita sostenibile (decreto crescita e sviluppo).

Tra le disposizioni introdotte si segnala l’articolo 24 che prevede l’istituzione di un contributo del 35%, con un tetto massimo di 200 mila euro riservato a tutte le imprese che effettuano nuove assunzioni di personale a tempo indeterminato di profili altamente qualificati (dottori di ricerca, personale in possesso di una laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientifico, impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo).

Il diritto a fruire del credito d’imposta decade al verificarsi delle seguenti condizioni:

a) se, il numero complessivo dei dipendenti, è inferiore o pari a quello indicato nel bilancio presentato nel periodo di imposta precedente all’applicazione del presente beneficio fiscale;

b) se i posti di lavoro creati non sono conservati per un periodo minimo di tre anni, ovvero di due anni nel caso delle piccole e medie imprese;

c) nei casi in cui vengano definitivamente accertate violazioni non formali, sia alla normativa fiscale che a quella contributiva in materia di lavoro dipendente per le quali sono state irrogate sanzioni di importo non inferiore a euro 5.000, oppure violazioni alla normativa sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori previste dalle vigenti disposizioni, nonché nei casi in cui siano emanati provvedimenti definitivi della magistratura contro il datore di lavoro per condotta antisindacale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it