Corte dei Conti: valutare eventuali danni erariali degli scioperi delle P.A.

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

L’Ufficio Stampa della Corte dei Conti, con la nota del 23 febbraio 2022 ha comunicato l’emanazione di un atto di indirizzo del Procuratore Generale, in cui si è preso atto della valutazione, in termini di eventuale danno erariale, nelle ipotesi di scioperi nei servizi pubblici essenziali. Si è quindi resa necessaria la realizzazione di una struttura di monitoraggio in capo alla Commissione di garanzia e, per le segnalazioni, l’intervento della Corte dei Conti.

Il diritto costituzionale di sciopero

Secondo il dispositivo dell’art. 40 della Costituzione (incluso nel titolo III, che disciplina in generale i rapporti economici e contiene le disposizioni fondamentali in materia di rapporti di lavoro e di regime giuridico della proprietà) “Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano”. Tradotto, con tale previsione il costituente, ha riconosciuto il valore fondamentale del diritto di sciopero, al contempo statuendo che lo stesso non può essere esercitato in modo indiscriminato, affidando al legislatore ordinario la relativa disciplina positiva. Nell’operatività pratica, lo sciopero si è manifestato quale astensione collettiva dal lavoro da parte dei lavoratori subordinati, nella finalità di sollecitare migliori condizioni di lavoro, oppure per sostenere altre richieste, o contestare qualche provvedimento.

Per maggiori approfondimenti consigliamo il “Manuale di diritto e relazioni sindacali nel pubblico impiego”.

La nota stampa

“Valutare i possibili risvolti, in termini di danno erariale, in caso di scioperi nei servizi pubblici essenziali”. In questo modo esordisce la nota stampa del 23 febbraio, pubblicata sul website istituzionale della Corte dei Conti, per esprimere ciò che prevede un atto di indirizzo del Procuratore Generale della Corte dei Conti, emanato al termine di un confronto, definito dal medesimo comunicato come “lungo e proficuo”, con la Commissione di garanzia sugli scioperi. Viene evidenziata l’importanza dell’atto di indirizzo in questione, in quanto per la prima volta è stato chiarito che, nella filiera degli appalti pubblici di servizi, gli scioperi e il danno alla collettività che ne potrebbe conseguire, possono essere imputati a precise responsabilità delle amministrazioni locali nella loro veste di stazioni appaltanti. Vengono quindi riportati degli esempi: nel settore dei rifiuti e dell’igiene ambientale, l’elevata conflittualità dipende dall’inaccettabile fenomeno dell’omesso pagamento delle retribuzioni ai prestatori di lavoro, originato dalla mancata corresponsione del canone del servizio ad opera del Comune appaltante il quale, per svariati motivi, tra i quali la mancata riscossione del tributo locale, non dispone delle risorse economiche fondamentali.

La creazione della struttura di monitoraggio

La serie di mancanze innesta un circolo vizioso, che a sua volta produce effetti e si ripercuote in modo sfavorevole sui cittadini e sulla collettività, e che ha reso necessaria la realizzazione di una struttura di monitoraggio in capo alla Commissione di garanzia e, in ipotesi di segnalazione, l’intervento della Corte dei Conti. Tale azione mirata è intesa ad assicurare, specie nel delicato momento storico, che le risorse pubbliche vengano impiegate in modo virtuoso, con riguardo a standard economici e di sostenibilità sociale.

Consigliamo:

  Manuale di diritto e relazioni sindacali nel pubblico impiego

La presente trattazione nasce come raccolta e disamina delle principali disposizioni normative e contrattuali in materia di diritto sindacale del settore pubblico, con particolare riferimento a quello contrattualizzato.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e