Corte dei conti – sezione regionale di controllo per la Toscana – del. N. 12/2006 – verifica delle misure correttive adottate dal comune di Viareggio a seguito di indagine sulla sana gestione finanziaria dell’ente

Corte dei conti – sezione regionale di controllo per la Toscana – del. N. 12/2006 – verifica delle misure correttive adottate dal comune di Viareggio a seguito di indagine sulla sana gestione finanziaria dell’ente

Francaviglia Rosa

Versione PDF del documento

La delibera che segue è approvativa della relazione avente ad oggetto la verifica sull’ adozione delle misure correttive del Comune di Viareggio   in relazione ad indagine sulla sana gestione finanziaria dell’ ente locale.
Del. n.12/06
Corte dei Conti
Sezione Regionale di Controllo per la Toscana
 
composta dai magistrati:
 
          Pres. Sez. Francesco BATTINI                                          Presidente
          Cons. Gianfranco BUSSETTI                                             Componente
          Cons. Paolino PANETTA                                                   Componente
          Cons. Paolo SCARAMUCCI                                                Componente
          Cons. Vincenzo PALOMBA                                                Componente
          Cons. Paolo GIUSTI                                                        Componente
          1° Ref. Carmela MIRABELLA                                            Componente
 
 
 
VISTO l’art. 100, comma 2, della Costituzione;
 
VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con r.d. 12 luglio 1934, n. 1214, e successive modificazioni;
 
VISTA la legge 14 gennaio 1994, n. 20, recante disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti;
 
VISTA la legge 5 giugno 2003 n. 131, recante disposizioni per l’adeguamento dell’ordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3;
 
VISTO il Regolamento (14/2000) per l’organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti, deliberato dalle Sezioni Riunite della Corte dei conti in data 16 giugno 2000;
 
VISTA la deliberazione n. 3/2006, con la quale la Sezione regionale di controllo per la Toscana ha approvato la relazione avente ad oggetto la “Verifica della sana gestione finanziaria del Comune di Viareggio” e ha richiesto al Comune stesso, entro il termine di sei mesi, gli atti richiesti nel contesto delle considerazioni conclusive della relazione, nonché le misure correttive adottate, così da consentirne una valutazione da parte della Sezione;
 
VISTA la nota n. 44263 del 5/7/06 del Comune in riferimento ai provvedimenti da questo assunti;
 
VISTA la relazione di verifica predisposta dal Consigliere Paolo Scaramucci;
 
DELIBERA
 
di approvare la relazione avente ad oggetto la “Verifica delle misure correttive adottate in esito alla relazione del 16 gennaio 2006” sulla gestione 2003 del Comune di Viareggio.
 
DISPONE
 
che la relazione sia trasmessa, a cura della Segreteria, al Presidente del Consiglio del Comune di Viareggio e che una copia sia inviata al Sindaco del Comune stesso ed al Presidente del Consiglio delle autonomie locali della Regione Toscana.
 
Così deciso in Firenze nella Camera di Consiglio del 4 ottobre 2006.
 
 
Il Presidente
f.to Francesco Battini
 
 
 
Il Relatore
f.to Cons. Paolo Scaramucci
 
 
 
Depositata in Segreteria il 4 ottobre 2006
 
        Il Direttore della Segreteria
f.to dott. Pier Domenico BORRELLO
 
 
 
COMUNE DI VIAREGGIO
 
 
 
VERIFICA DELLE MISURE CORRETTIVE ADOTTATE IN ESITO ALLA RELAZIONE DEL 16 GENNAIO 2006
 
 
Con la Delibera n. 3/2006, relativa alla verifica effettuata dalla Sezione sulla sana gestione finanziaria del Comune di Viareggio per l’anno 2003, furono rilevate alcune anomalie e criticità. Tra queste, alcune sono state portate alla particolare attenzione dei rappresentanti dell’Amministrazione al fine di avere, entro il termine di sei mesi, ulteriori informazioni su particolari aspetti gestionali e sui provvedimenti adottati o che si intendono adottare in merito.
Ai rappresentanti del Comune è stato chiesto di inviare:
           breve relazione su quanto è stato fatto, dopo il 2003, in merito al miglioramento del controllo di gestione;
           provvedimenti che il Comune ha adottato o intende adottare ai fini dell’impianto di un sistema di governance delle società partecipate;
           elementi sulla rimodulazione del debito negli anni 2004 e/o 2005;
           copia del contratto a suo tempo stipulato tra DEXIA Crediop S.p.a. ed il Comune di Viareggio circa l’anticipazione per il finanziamento di investimenti in attesa dell’esito della gara di vendita di azioni della S.E.A. S.p.a.;
Con lettera n. 44263/CO.GE del 5 luglio 2006 il Comune di Viareggio ha inviato le risposte a quanto richiesto.
 
1.   Breve relazione su quanto è stato fatto, dopo il 2003, in merito al miglioramento del controllo di gestione.
Dalla relazione risulta che negli esercizi 2004 e 2005 non vi sono stati miglioramenti rispetto a quanto rilevato in sede di verifica e quindi si sono presentate le stesse condizioni critiche circa il controllo di gestione. Per l’anno 2006, invece, il Comune ha avviato uno studio di fattibilità per verificare la possibilità di implementare un Sistema Informativo Direzionale; tale studio si è concluso nel mese di febbraio 2006. Sono state individuate due macro aree di intervento: la revisione del modello di programmazione ed il raccordo finanziario. La revisione del modello di programmazione tende sostanzialmente a creare una connessione tra i vari documenti di programmazione dell’Ente (Relazione Previsionale e Programmatica e Piano Esecutivo di Gestione). La revisione è stata quasi completata, rimanendo da organizzare solamente le modalità di consuntivazione e la presentazione della nuova reportistica. L’analisi del modello di raccordo contabile prevedeva la verifica dell’analiticità sia del Piano dei conti sia dei Centri di costo e l’esame del livello al quale integrare i due tipi di informazione; questa attività si è già conclusa.
Attualmente il Comune sta lavorando per ottenere, nei tempi più brevi possibili:
           la predisposizione, anche a livello informatico, di talune strutture che agevoleranno sia la fase di test sia le quadrature;
           la creazione di una reportistica per la rendicontazione attraverso i livelli desiderati (servizi, obiettivi);
           la stesura di una manualistica ad hoc per ogni settore che aiuti i referenti del servizio di Controllo di Gestione nella stesura delle schede di competenza di ogni dirigente.
Si può pertanto affermare che il Comune sta ponendo in atto misure idonee per migliorare il controllo di gestione. 
 
 
2.    Provvedimenti che il Comune ha adottato o intende adottare ai fini dell’impianto di un sistema di governance delle Società partecipate.
Il Comune, ai fini dell’organizzazione di un sistema di governance delle società partecipate, in data 13 marzo 2006 (Delibera n. 10 del Consiglio Comunale) ha deciso di costituire una società per la gestione degli assets patrimoniali denominata “Viareggio Patrimonio Srl”. A questa società, costituita nella forma di patrimoniale operativa in house con funzioni di holding, è in corso il conferimento di parte del patrimonio immobiliare del Comune nonché delle partecipazioni azionarie dell’Ente nelle varie società pubbliche di Viareggio. La struttura di holding della società “Viareggio Patrimonio Srl” consentirebbe, come asserito dal Comune, di ridefinire il sistema di governance delle società partecipate perseguendo vantaggi di tipo economico-finanziario, quali ad esempio quelli risultanti dalla gestione consolidata dei flussi connessi alle varie attività, o quelli derivanti da un uso ottimizzato delle risorse interne accorpando o riorganizzando specifiche attività con economie di scala e di specializzazione.
Dall’esame della Deliberazione n. 10/2006 del C.C. si può dedurre che il Comune sta ponendo in atto specifici provvedimenti ai fini dell’impianto di un efficiente ed efficace sistema di governance delle società partecipate, fruendo di una struttura che consente il controllo della società holding in modo analogo a quello esercitato sui propri servizi, con possibilità di influenzare le decisioni che la società intende assumere.
 
 
3.    Elementi sulla rimodulazione del debito negli anni 2004 e/o 2005
Il Comune ha inviato copia delle Delibere di Giunta n. 252/02, n. 444/03 e n. 355/04, riguardanti il piano di rimodulazione del debito. Al riguardo, si evidenzia che i documenti sopra citati erano stati a suo tempo acquisiti agli atti nel corso dell’istruttoria condotta da questa Sezione ed erano stati debitamente considerati nella relazione conclusiva. Essi, pertanto, nulla aggiungono e nulla tolgono alle considerazioni già espresse nella relazione, che non possono qui che essere ribadite.
Non sembra, in particolare, che l’operazione sia stata posta sufficientemente al riparo da eventuali consistenti rialzi dei tassi di interesse (rialzi che, peraltro, si sono puntualmente verificati nel corso degli ultimi mesi). Occorre, quindi, segnalare all’organo rappresentativo la necessità che l’Ente continui a prestare la massima prudenza nell’uso degli swap, in quanto caratterizzati da un elevato grado di rischiosità e richiedenti un attento e continuo monitoraggio.
 
 
4.    Copia del contratto a suo tempo stipulato tra DEXIA Crediop S.p.A. ed il Comune di Viareggio circa l’anticipazione per il finanziamento di investimenti in attesa dell’esito della gara di vendita di azioni della SEA S.p.A..
Il Comune ha inviato copia del contratto di cui sopra (rep. N. 23537 del 23 maggio 2002).
Dal contratto stesso si rileva che:
Ø       il comma 1 dell’art. 5 prevede un vincolo di destinazione, da evidenziarsi nell’ordinativo di incasso, sui fondi provenienti dalle alienazioni;
Ø       il comma 5, lettera a) dello stesso articolo, prevede che il Comune si obblighi ad iscrivere in bilancio quanto dovuto in dipendenza dell’apertura di credito, per tutta la sua durata;
Ø       l’art. 6, comma 1, prevede la facoltà di estinzione anticipata del debito, decorsi 18 mesi dalla stipula del contratto.
Pur con le perplessità esposte in ordine al rigoroso rispetto della competenza economica, si prende atto della sostanziale regolarità contabile dell’operazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it