Corte dei Conti – det. n. 64/2008 – Sezione del Controllo Enti – Ente nazionale di assistenza e previdenza per i pittori, gli scultori, i musicisti, gli scrittori e gli autori drammatici (E.N.A.P.P.S.M.S.A.D.) – Relazione sul controllo di gestione ex legg

Corte dei Conti – det. n. 64/2008 – Sezione del Controllo Enti – Ente nazionale di assistenza e previdenza per i pittori, gli scultori, i musicisti, gli scrittori e gli autori drammatici (E.N.A.P.P.S.M.S.A.D.) – Relazione sul controllo di gestione ex legg

Crucitta Giuseppe

Versione PDF del documento

Con la determinazione n. 64/2008, la Sezione del Controllo Enti della Corte dei Conti, dispone, a norma dell’art. 7 della legge 21 marzo 1958, n. 259, la comunicazione alle Presidenze delle due Camere del Parlamento della relazione conclusiva del controllo eseguito sulla gestione finanziaria – esercizi 2005-2006 – dell’Ente nazionale di assistenza e previdenza per i pittori, gli scultori, i musicisti, gli scrittori e gli autori drammatici (E.N.A.P.P.S.M.S.A.D.) quale ente assoggettato a tale tipo di controllo ai sensi dell’art. 12 della predetta legge.

Il Collegio rileva che nell’anno 2005, l’Ente si è dotato di un nuovo statuto (approvato con D.M. 30.12.04) che ha introdotto diverse novità, tra le quali, come in precedenza sottolineato, quella relativa alla composizione del C.d.A (passato da 13 a 7 componenti), composizione che, peraltro, non ha trovato attuazione in quanto il nuovo consiglio è stato nominato secondo le norme del precedente statuto, all’epoca vigente.

Anche per gli esercizi finanziari 2005 e 2006 la Corte stigmatizza la pletoricità dell’organo amministrativo che comporta frequenti occasioni di difficoltà operative.

Per quanto concerne l’attività istituzionale dell’Ente per i giudici restano valide le considerazioni esposte nei precedenti referti con le quali veniva posto in evidenza che la gestione viene svolta senza un concreto programma operativo ed è caratterizzata dalla eccessività delle spese di funzionamento rispetto a quelle per prestazioni istituzionali.

Infine, per quanto riguarda i risultati finanziari, economici e patrimoniali della gestione nei due esercizi oggetto del presente referto, il Collegio registra il loro deciso peggioramento nel 2006, con un’inversione di segno rispetto all’esercizio precedente, essendosi riscontrati sia un risultato finanziario negativo che un cospicuo disavanzo economico con conseguente erosione del patrimonio netto.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!