Bonus terme 2021: cos’è, chi può richiederlo e come funziona

di Redazione

Con decreto 1 luglio 2021 (G.U. 4-8-2021) il Ministero dello sviluppo economico ha stabilito i criteri e le modalità attuative per la concessione e la fruizione del Bonus Terme.
L’obiettivo è quello di agevolare i cittadini nell’acquisto di servizi termali accreditati, vista la forte battuta di arresto che hanno subito gli stabilimenti termali durante lo stato di emergenza da Covid-19. Il decreto dà attuazione a quanto previsto dall’articolo 29-bis del decreto-legge n. 104 del 2020 (Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia).
Il Mise e Invitalia con un avviso comunicheranno nei prossimi giorni l’elenco degli stabilimenti accreditati e dell’apertura delle prenotazioni per i servizi termali.

Che cos’è il bonus terme?

Il Bonus terme è un’agevolazione di cui il cittadino potrà beneficiare prenotando i servizi termali di proprio interesse presso uno stabilimento termale accreditato.
Il bonus coprirà fino al 100% del servizio acquistato, fino a un valore massimo di 200,00 euro. L’eventuale parte eccedente del costo del servizio sarà a carico del cittadino.

Ai fini dell’ammissibilità al beneficio, i servizi termali non devono essere già a carico del Servizio Sanitario Nazionale, di altri enti pubblici ovvero oggetto di ulteriori benefici riconosciuti all’utente, fatte salve le eventuali detrazioni previste dalla vigente normativa fiscale sul costo del servizio termale eventualmente non coperto dal buono.

Il Bonus non è cedibile a terzi, né a titolo gratuito né in cambio di un corrispettivo in denaro. Il buono non costituisce reddito imponibile dell’utente e non rileva ai fini del computo del valore dell’indicatore della situazione economica equivalente – ISEE.

Chi può richiederlo?

L’incentivo per l’acquisto di servizi termali è rivolto a tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti di ISEE e senza limiti legati al nucleo familiare. Ciascun cittadino potrà usufruire di un solo bonus, per un solo acquisto, fino a un massimo di 200,00 euro.

Come funziona?

Il Bonus consisterà in uno sconto del 100% sul prezzo d’acquisto dei servizi termali prescelti, fino ad un importo massimo di 200 euro. L’incentivo sarà disponibile a partire dalla pubblicazione dell’avviso di apertura delle prenotazioni, che sarà pubblicato sui siti del Ministero e di Invitalia, fino all’esaurimento delle risorse stanziate. Il cittadino interessato dovrà prenotare i servizi termali presso uno stabilimento termale accreditato di sua scelta. L’elenco degli stabilimenti termali accreditati sarà pubblicato sui siti internet del Ministero e di Invitalia.

Come prenotare il buono?

L’articolo 10 del decreto 1 luglio 2021 stabilisce che gli utenti interessati ad ottenere il buono devono effettuare una preventiva prenotazione del medesimo buono presso uno degli enti termali accreditati.

L’ente termale che riceve la richiesta di prenotazione dell’utente svolge, attraverso la procedura informatica, le seguenti attività:

a) accede, mediante Spid, alla procedura informatica per la gestione della richiesta;

b) inserisce le informazioni relative alla richiesta del buono avanzata dall’utente, ivi incluso il consenso al trattamento e al trasferimento all’Agenzia dei dati ai sensi degli articoli 13 e 14 del regolamento GDPR. In questa fase, il sistema informativo verifica che, per lo specifico utente, non risultino prenotazioni già attive ovvero precedenti fruizioni del buono;

c) invia la richiesta di prenotazione del buono.

In seguito al completamento della prenotazione, la procedura informatica:

  • verificata la disponibilità residua delle risorse del Fondo,
  • rilascia un documento contenente le informazioni relative alla prenotazione dei servizi termali da parte dell’utente, ivi incluso il codice univoco identificativo dell’avvenuta prenotazione.
    Tale documento potrà essere inviato all’utente tramite e-mail, laddove la casella di posta elettronica sia stata indicata dall’utente stesso in fase di prenotazione, ovvero potrà essere stampato e consegnato all’utente direttamente dall’ente termale.

Quando scade il buono?

Una volta effettuata la prenotazione, si hanno sessanta giorni di tempo dalla sua emissione per poter fruire, presso l’ente termale prescelto, dei servizi termali prenotati. Qualora l’utente non fruisca dei servizi termali prenotati entro il predetto termine, la prenotazione decade e le somme oggetto della prenotazione stessa tornano nella disponibilità del Fondo.

>> SCOPRI TUTTI I BONUS 2021

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!