Beni ereditari: vi rientrano i prelievi dal conto del de cuius?

Redazione 21/03/19
Scarica PDF Stampa

Beni ereditari: la competenza sulle somme prelevate prima del decesso

Leggi anche “I debiti ereditari dall’apertura della successione” (A.A. V.V.).

Con sentenza n. 8611 del 9 aprile scorso, la Corte di Cassazione si è pronunciata in materia di successione, con particolare riferimento alla natura dei beni ereditari. Precisamente, la controversia atteneva ai prelievi effettuati dal conto corrente del de cuius, prima del decesso. La Suprema Corte ha affermato che tali somme non costituiscono beni ereditari e che, di conseguenza, le controversie relative non spettano al tribunale competente per la successione.

Nel caso di specie, il procedimento prendeva avvio dall’azione di un coerede, nei confronti degli altri coeredi, con cui veniva sollevata l’indebita appropriazione di somme prelevate dal conto corrente della madre, successivamente deceduta, delle quali si chiedeva pertanto la restituzione e la suddivisione tra tutti i successori, unitamente alla richiesta di risarcimento dei danni. Peraltro, in primo grado veniva sollevata l’incompetenza del giudice adito, che il tribunale accoglieva, affermando che la decisione spettasse al tribunale del luogo di apertura della successione.

Veniva dunque proposto regolamento di competenza avverso detta pronuncia, basata sull’art. 22 c.p.c.

Ti potrebbe interessare anche il seguente articolo:”Come si effettua l’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario?”

La competenza del giudice delle successioni

La Corte di Cassazione ha dichiarato fondato il regolamento di competenza, ritenendo che le somme prelevate dal conto corrente del de cuius, dopo il decesso, non sono da considerarsi beni ereditari e, dunque, la competenza non è del giudice del luogo in cui si è aperta la successione.

Pertanto, il coerede non può procedere con l’azione petitoria, in quanto “ciò che l’erede può reclamare con l’hereditatis petitio – azione nella quale l’erede non subentra al de cuius, ma che a lui viene attribuita ex novo – sono i beni nei quali egli è succeduto mortis causa al defunto, ossia i beni che, al tempo dell’apertura della successione, erano compresi nell’asse ereditario”.

Nel caso di specie, le somme di denaro erano state trasferite non in forza di un diritto ereditario, bensì di un titolo diverso, rilasciato dallo stesso titolare del conto.

Volume consigliato

Manuale pratico per la successione ereditaria e le donazioni

L’opera vuole essere una valida guida per il professionista che si trova ad affrontare le problematiche relative alla successione ereditaria e alle donazioni. Con un pratico FORMULARIO in ogni capitolo e con una struttura di agevole consultazione tramite le SEZIONI DI SINTESI, il volume si rivela uno strumento indispensabile e utile per una ricerca rapida della soluzione da adottare nel singolo caso di specie. Tutti i commenti sono accompagnati dalla GIURISPRUDENZA di riferimento più recente, in modo da supportare l’avvocato nello studio della casistica rilevante. La sezione delle F.A.Q. (Domande Frequenti) riporta risposte a quesiti che con maggior frequenza vengono rivolti al professionista in sede di prima consultazione.   Riccardo MazzonAvvocato Cassazionista del Foro di Venezia. Ha svolto funzioni di vice-procuratore onorario presso la Procura di Venezia negli anni dal 1994 al 1996. È stato docente in lezioni accademiche presso l’Università di Trieste, in corsi approfonditi di temi e scritture giuridiche indirizzati alla preparazione per i Concorsi Pubblici. Autore di numerose pubblicazioni giuridiche.

Riccardo Mazzon | 2020 Maggioli Editore

72.00 €  68.40 €

Redazione