Dott.ssa Letizia Miglio

Dott.ssa Letizia Miglio

Il Viceprefetto Dott.ssa Letizia MIGLIO è Consulente del Commissario straordinario del Governo per il Coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, dopo aver ricoperto per oltre dieci anni l’incarico di Dirigente dell’Area Studi dello stesso Ufficio.
Iscritta all’Ordine dei Giornalisti della Toscana, elenco pubblicisti. Laureatasi, con lode, in giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bari, ha svolto l’attività di Segretario Comunale negli anni 1981/1982, nei comuni di Gaiba (RO) e Formignana (FE).
Vinto il concorso per Consigliere di Prefettura, ha prestato servizio presso le Prefetture di Ascoli Piceno, Mantova (dove ha ricoperto l’incarico di Vice Capo di Gabinetto), Bergamo (quale Dirigente dell’Area dei Servizi Elettorali, Segretari Comunali ed Enti Locali), Imperia (quale Responsabile dei Settori amministrativi e dell’Ufficio Elettorale), Grosseto (dove ha svolto le funzioni di Capo di Gabinetto, Dirigente dell’Area Ordine e Sicurezza Pubblica, Dirigente dell’Area Protezione Civile, Capo Segreteria di Sicurezza – Capo Ufficio Stampa), Pistoia (quale Dirigente Area Ordine e Sicurezza Pubblica, Protezione Civile, Funzionario alla Sicurezza).
Nel corso della carriera, ha svolto, tra gli altri, i seguenti incarichi : Commissario Straordinario presso i Comuni di Brembate di Sopra (BG), Pornassio (IM) e Villa Latina (FR) ; Coordinatore e docente nell’ambito di Corsi di Formazione Professionale; Componente di varie Commissioni di Concorso e Docente in Corsi per la Riqualificazione del Personale, Presidente della Sottocommissione Elettorale Circondariale di Pistoia; Responsabile dell’Obiettivo Operativo 2.4, nominata con decreto dell’Autorità di Gestione presso il Ministero dell’Interno.
Ha svolto l’attività di Componente del Gruppo di Lavoro, costituito presso l’Ufficio del Commissario, che ha formulato ipotesi di modifiche della vigente normativa in materia di antiracket e antiusura, inserite nella originaria proposta di legge (A.C. 4073) e successivamente nel decreto-legge 4 ottobre 2018, n.113 (convertito con modificazioni nella legge 1° dicembre 2018, n.132) recante all’art. 38- bis Disposizioni a sostegno delle vittime delle attività di estorsione e dell’usura.
Iscritta all’Albo Docenti della Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno per l’insegnamento delle materie giuridiche, è stata relatore in occasione di Convegni, Seminari, Incontri di “formazione integrata”, presso la Scuola e le Prefetture di Roma, Napoli, Bari, Milano, Bologna e Genova.

Articoli dell’autore

Capacità di reinserimento delle vittime di estorsione e di usura

La valutazione sulla capacità di reinserimento delle vittime di estorsione e di usura e rilevanza dell’interdittiva antimafia

L’azione amministrativa antiracket e antiusura quale livello anticipato di tutela delle vittime

L’apparato istituzionale preposto alla realizzazione degli interventi di sostegno economico L’impianto normativo, delineato dalle leggi n.108/1996 e n.44/1999 e successive modificazioni e integrazio…

La normativa a tutela delle vittime di estorsione e di usura e le sue ultime innovazioni

  Legge 7 gennaio 2012 n.3 La legge 7 gennaio 2012 n.3, recante “Nuove disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonché di composizione delle crisi da sovraindebitamento” ha apportato mo…

Riforma della pubblica amministrazione e ruolo del prefetto

IL decreto legge n. 138/2011, recante “Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 188 del 13 agosto 2011, attual…

La nuova protezione civile tra sussidarietà e solidarietà

In un recente e significativo incontro con il vertice ed il personale di protezione civile, il Sommo Pontefice, rivolgendosi ai volontari ha affermato: «Voi costituite una delle espressioni pi&…