Alunno di Scuola Europea bocciato: giudizio di ripetenza alla Corte di Giustizia UE

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

Bocciatura al secondo ciclo di istruzione per uno studente di una scuola europea. Ma i genitori a quale giudice dovranno rivolgersi per impugnare la deliberazione di mancata promozione? Le Sezioni Unite, adite per regolamento preventivo di giurisdizione dal Tar, rimettono la questione interpretativa alla Corte di Giustizia UE.

     Indice

  1. Il regolamento preventivo di giurisdizione
  2. La competenza in via pregiudiziale
  3. La questione interpretativa sottoposta

1. Il regolamento preventivo di giurisdizione

Le Sezioni Unite, chiamate a decidere sulla giurisdizione del giudice italiano, in una controversia avente per oggetto l’impugnazione, dinanzi al giudice amministrativo, della deliberazione di mancata promozione (cd. “giudizio di ripetenza”) al successivo anno scolastico, adottata dal Consiglio di classe di una scuola europea nei confronti di uno studente del ciclo secondario di detta scuola, hanno disposto il rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia dell’Unione europea, ai sensi dell’art. 267, par. 3, del TFUE.

2. La competenza in via pregiudiziale

Ai sensi dell’art. 267 (ex articolo 234 del TCE) la Corte di giustizia dell’Unione europea è competente a pronunciarsi, in via pregiudiziale:

  1. a) sull’interpretazione dei trattati;
  2. b) validità e l’interpretazione degli atti o dalle istituzioni, dagli organi dagli organismi dell’Unione.

Quando una questione del genere è sollevata dinanzi ad un organo giurisdizionale di uno degli Stati membri, tale organo giurisdizionale può, qualora reputi necessario per emanare la sua decisione una decisione su questo punto, domandare alla Corte di pronunciarsi sulla questione.

Quando una questione del genere è in un giudizio pendente davanti a un organo giurisdizionale nazionale, avverso le cui solleva decisioni non possa proporsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno, tale organo giurisdizionale è tenuto a rivolgersi alla Corte.

Quando una questione del genere è sollevata in un giudizio pendente davanti a un organo giurisdizionale riguardante una persona in stato nazionale di detenzione, la Corte statuisce il più rapidamente possibile.

3. La questione interpretativa sottoposta

Le Sezioni Unite hanno formulato il seguente quesito ermeneutico: “se l’art. 27, par. 2, comma 1, primo periodo, della Convenzione recante statuto delle scuole europee, fatta a Lussemburgo il 21 giugno 1994, debba essere interpretato nel senso che l’ivi indicata Camera dei ricorsi è la sola competente, in prima e in ultima istanza, a conoscere, dopo aver esaurito la via amministrativa prevista dal Regolamento generale, delle controversie vertenti sul giudizio di ripetenza adottato nei confronti di uno studente del ciclo secondario dal Consiglio di classe”.

Per approfondire leggi anche: Scuole europee e competenza giurisdizionale della Camera dei ricorsi: il rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia UE

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e