Truffa contrattuale online e momento consumativo

Scarica PDF Stampa

Il caso

Il Tribunale di Ferrara convalidava l’arresto in flagranza di un indagato per il delitto di truffa e, ravvisando la sussistenza di elementi indiziari deponenti per la fondatezza dell’ipotesi accusatoria e delle esigenze cautelari, aveva applicato la misura della custodia cautelare in carcere.

La difesa ha proposto ricorso per cassazione dolendosi per la violazione degli artt. 381 e 382 c.p.p. per insussistenza dello stato di flagranza e dei relativi presupposti legittimanti la convalida dell’arresto.

Dalla ricostruzione dei fatti, emerge che l’uomo, in concorso con la suocera, aveva posto in essere una truffa online tramite pubblicazione su un noto sito un annuncio di vendita di un’auto, facendosi inviare poi la foto di un assegno circolare emesso da un potenziale acquirente che l’aveva contattato. La foto sarebbe poi stata utilizzata per “clonare” l’assegno circolare depositandone l’importo sul conto corrente della suocera, dal quale avevano poi effettuato diversi prelievi in contanti. Ed era proprio in occasione di uno dei prelievi che i Carabinieri erano intervenuti, allertati dall’impiegata dell’istituto bancario insospettitasi, arrestando l’uomo.

Si legga anche:” Brevi riflessioni su truffa contrattuale e tutela del consumatore”

La decisione della Corte

La Corte di Cassazione, con la sentenza in epigrafe, coglie l’occasione per ribadire che la truffa contrattuale realizzata tramite la vendita online di beni, il cui pagamento sia stato eseguito tramite bonifico bancario con accredito su conto corrente, si consuma nel luogo dove l’agente consegue l’ingiusto profitto tramite la riscossione della somma e non in quello in cui viene data la disposizione per il pagamento da parte della persona offesa. (cfr. Cass. Pen., 2, 16.11.2017 n. 54948)

La truffa si configura, infatti, come reato istantaneo e di danno, perfezionato nel momento della realizzazione della condotta tipica da parte dell’autore con la conseguente deminutio patrimonii della persona offesa.

Nel caso della truffa contrattuale, quindi, il momento rilevante ai fini del perfezionamento non è tanto quello in cui il soggetto passivo assume, per effetto di artifici o raggiri, l’obbligazione della datio del bene, ma quello in cui si realizza l’effettivo conseguimento del bene stesso da parte dell’agente.

La giurisprudenza di legittimità ha affermato, inoltre, che qualora l’oggetto materiale del reato sia costituito da titoli di credito, il momento della sua consumazione è quello dell’acquisizione, da parte dell’autore del reato, della relativa valuta, attraverso la loro riscossione o utilizzazione, poiché solo per mezzo di queste si concreta il vantaggio patrimoniale dell’agente e nel contempo diviene definitiva la potenziale lesione del patrimonio della parte offesa (cfr., Cass. SS.UU., 32.6.2000 n. 18 e, più recentemente, Cass. Pen., 2, 28.4.2017 n. 31652).

Laddove, quindi, il reato di truffa abbia come oggetto immediato il conseguimento di assegni bancari, il danno si verifica nel momento in cui i titoli vengono depositati all’incasso come normali mezzi di pagamento, mediante girata a favore di terzi i quali, portatori legittimi, non sono esposti alle eccezioni che il traente potrebbe opporre al beneficiario: in entrambi i casi, infatti, si verifica una lesione concreta e definitiva del patrimonio della persona offesa, inteso come complesso di diritti valutabili in denaro (cfr., Cass. Pen., 2, 24.1.2002 n. 28928; Cass. Pen., 2, 18.6.2008 n. 27950).

Sulla base delle predette argomentazioni, pertanto, il ricorso è stato reputato fondato in quanto la riscossione dell’assegno era avvenuta con l’accreditamento dell’importo portato dal titolo clonato sul conto della suocera del ricorrente e con il contestuale addebito a carico della vittima. Le condotte di prelievo delle somme erano dunque successive rispetto alla consumazione del delitto di truffa e non potevano quindi giustificare l’arresto in flagranza.

Volume consigliato

Nuovo formulario annotato dell’esecuzione penale

Con il presente formulario, aggiornato ai decreti legislativi nn. 121 (“Disciplina dell’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 81, 83 e 85, lettera p), della legge 23 giugno 2017, n. 103”), 123 (“Riforma dell’ordinamento penitenziario, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83 e 85, lettere a), d), i), l), m), o), r), t) e u), della legge 23 giugno 2017, n. 103”) e 124 (“Riforma dell’ordinamento penitenziario in materia di vita detentiva e lavoro penitenziario, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83 e 85, lettere g), h) e r), della legge 23 giugno 2017, n. 103”) del 2 ottobre 2018, gli autori perseguono l’obiettivo di guidare l’operatore del diritto penale verso la conoscenza dei vari istituti che caratterizzano la fase dell’esecuzione penale di una sentenza di condanna divenuta irrevocabile attraverso un testo che si caratterizza per la sua finalità estremamente pratica e operativa, ma anche per la sua struttura snella che ne consente un’agevole e mirata consultazione.Il formulario rappresenta, così, un valido strumento operativo di ausilio per l’avvocato penalista, mettendo a sua disposizione tutti gli schemi degli atti difensivi rilevanti nella fase dell’esecuzione penale, contestualizzati con il relativo quadro normativo di riferimento, spesso connotato da un elevato tecnicismo, e corredati sia da annotazioni dirette ad inquadrare sistematicamente l’istituto processuale sotteso e ad evidenziare i punti salienti di ogni questione problematica, sia da riferimenti agli orientamenti giurisprudenziali più significativi e da opportuni suggerimenti per una più rapida e completa redazione dell’atto difensivo.L’opera è anche corredata da un’utilissima appendice, contenente schemi riepilogativi e alcuni riferimenti normativi in grado di agevolare ulteriormente l’attività del professionista.Valerio de GioiaConseguita la laurea con lode all’età di 22 anni, ha superato gli orali dell’esame di avvocato e del concorso in magistratura poco dopo aver compiuto i 25 anni. Giudice penale del Tribunale di Roma, già giudice civile, dell’esecuzione e del lavoro e referente distrettuale per la formazione decentrata – Scuola Superiore della Magistratura, attualmente è coordinatore dei Corsi per la preparazione al concorso in Magistratura e all’esame di Avvocato presso l’Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio “Arturo Carlo Jemolo”. Autore di oltre 200 pubblicazioni – tra monografie, opere collettanee e articoli su riviste scientifiche – è il curatore di numerose collane. Ha partecipato, nella qualità di relatore, a convegni nazionali e internazionali.Paolo Emilio De SimoneMagistrato dal 1998, dal 2006 è in servizio presso la prima sezione penale del Tribunale di Roma; in precedenza ha svolto le sue funzioni presso il Tribunale di Castrovillari, presso la Corte di Appello di Catanzaro, nonché presso il Tribunale del Riesame di Roma. Nel biennio 2007/2008 è stato anche componente del Collegio per i reati ministeriali presso il Tribunale di Roma previsto dalla legge costituzionale n. 1/1989. Dal 2016 è inserito nell’albo dei docenti della Scuola Superiore della Magistratura, ed è stato nominato componente titolare della Commissione per gli Esami di Avvocato presso la Corte di Appello di Roma per le sessioni 2009 e 2016. È autore di numerose pubblicazioni, sia in materia penale che civile, per diverse case editrici.

Paolo Emilio De Simone, Valerio de Gioia | 2019 Maggioli Editore

46.00 €  43.70 €

Sentenza collegata
75995-1.pdf 68kB
Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati Iscriviti
Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.