Tar Lazio - Sentenza n. 3268-2011 (Illegittimità dei provvedimenti relativi alla determinazione delle dotazioni organiche del personale docente - D.I. 62-2009 e C.M. 37-2010 - )

Tar Lazio – Sentenza n. 3268-2011 (Illegittimità dei provvedimenti relativi alla determinazione delle dotazioni organiche del personale docente – D.I. 62-2009 e C.M. 37-2010 – )

di sentenza

Versione PDF del documento

  • Tar Lazio – Sentenza n. 3268-2011 (Illegittimità dei provvedimenti relativi alla determinazione delle dotazioni organiche del personale docente – D.I. 62-2009 e C.M. 37-2010 – ).

È illegittimo il Decreto Interministeriale n. 62 del 6 luglio 2009 relativo all’organico di diritto del personale docente per gli aa.ss. 2009/10, in quanto l’amministrazione non può prescindere, nel procedimento di determinazione delle dotazioni organiche complessive, dal parere delle commissioni parlamentari competenti espressamente previsto dall’art. 22 della legge 448/2001.
È illegittima la Circolare Ministeriale n. 37/2010 del 13 aprile 2010 con la quale il MIUR ha trasmesso uno schema di D.I. e ha diramato istruzioni per la determinazione delle dotazioni organiche del personale docente per l’a.s. 2010/2011.
Invero tale prassi può ritenersi legittima solo nella misura in cui si limiti a predisporre adempimenti, avviare consultazioni a dettare istruzioni, tutte espressamente e chiaramente condizionate, non solo in relazione alla loro utilità ma anche e soprattutto in ordine agli effetti giuridici vincolanti, all’effettiva emanazione del testo normativo i cui contenuti si anticipano. Gli effetti – in alcuni casi particolarmente rilevanti nei confronti dei soggetti coinvolti a vario titolo nella vita e nel funzionamento delle istituzioni scolastiche – devono cioè manifestarsi e decorrere dalla data di entrata in vigore della norma, e l’anticipazione deve concernere esclusivamente aspetti organizzativi e strumentali senza imporre sacrificio alcuno (neanche provvisorio) agli interessi dei soggetti in qualche modo toccati dalla norma in fieri. In sostanza, la circolare – ovviamente in relazione agli aspetti ancora de iure condendo – deve limitarsi a dare istruzioni operative in modo che la macchina amministrativa, anche periferica, sia pronta ai “blocchi di partenza” non appena la norma entrerà in vigore.
E’ evidente che siffatto modus procedendi è ontologicamente incompatibile con azioni preparatorie che coinvolgano il rapporto di lavoro o il rapporto con gli alunni, ossia questioni che incidano immediatamente sulla sfera giuridica di terzi generando effetti irreversibili, poiché in tali casi il principio di legalità risulterebbe gravemente violato.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!