Sviluppo, il decreto alla Camera

Sviluppo, il decreto alla Camera

Redazione

Versione PDF del documento

Oggi via all’esame dopo il via in Commissione. Potenziato lo sportello unico per l’edilizia. Finiscono su Internet le pratiche assegnate ai dipendenti pubblici

Fortunato Laurendi

Si rafforza lo sportello unico per l’edilizia, che diventa l’unico canale cui rivolgersi per tutte le pratiche riguardanti gli interventi edilizi, acquisendo gli atti di assenso richiesti direttamente dalle amministrazioni competenti, oppure tramite le conferenze di servizi. Accelerate anche le procedure burocratiche in materia edilizia: per la Dia (Denuncia inizio attività) basterà una semplice raccomandata. Questa alcune delle novità contenute nel decreto Crescita (n. 83 del 2012) che venerdì scorso ha ottenuto il via libera delle commissioni finanze e attività produttive della Camera e che da oggi si trova  all’esame dell’aula a Montecitorio. Vediamo in sintesi le altre novità, principalmente quelle di interesse per le amministrazioni locali.
Per quanto riguarda la detrazione fiscale per interventi di risparmio e di efficienza energetica degli edifici sale al 55% ed e’ prorogata di 6 mesi, fino al 30 giugno 2013 (sarebbe scaduta il 31 dicembre di quest’anno). Elevata da 200mila a 2 milioni di euro la soglia di volume d’affari di soggetti passivi (imprese a partite Iva) che possono avvalersi dell’esigibilita’ dell’Iva all’atto del pagamento della fattura, posticipando il pagamento dell’imposta a tale momento. Stanziati 70 milioni l’anno, dal 2012 al 2014, per concedere incentivi a acquistare veicoli elettrici: essi andranno dai 3.000 ai 5.000 euro. Ma arrivano anche misure di semplificazione e contributi per costruire le infrastrutture necessarie alla diffusione delle auto elettriche. Tra queste, l’obbligo per tutti gli edifici di nuova costruzione di prevedere apposite prese elettriche per la ricarica delle auto. Dimezzati pero’ gli stanziamenti (erano 140 milioni l’anno). Sempre sullo stesso tema, potranno essere omologate le auto a benzina e diesel che passano all’alimentazione elettrica impiantando l’apposito kit. Passando al pubblico impiego, ogni amministrazione deve pubblicare sul proprio sito Internet l’elenco di tutte le pratiche indicando l’impiegato che la deve concludere e il suo superiore che deve sanzionarlo in caso di inadempienza. La gestione commissariale della ricostruzione post-terremoto dell’Abruzzo finisce il 31 agosto prossimo e dal 16 settembre inizierà la gestione ordinaria. I fondi per la ricostruzione non saranno conteggiati ai fini del patto di stabilità interna. Relativamente al sisma in Emilia, invece, Mantova e Ferrara vengono inserite tra i comuni beneficiari degli aiuti; ad essi se ne aggiungono altri più piccoli. Ulteriormente potenziato il ruolo della nuova Agenzia digitale, che assumerà decisioni e orientamenti anche in merito all’attivazione dei processi di digitalizzazione della pubblica amministrazione e forniture informatiche. Inoltre, al fine di contenere le spese, le pubbliche amministrazioni dovranno privilegiare l’uso di programmi informatici sviluppati autonomamente o a “codice aperto” (open source). La concessione per gli impianti idroelettrici viene riportata da 20 a 30 anni. Inoltre le Regioni concedenti possono indicare tra i requisiti del bando di gara il taglio del 20% delle bollette elettriche per gli utenti del loro territorio. Gli organismi dello spettacolo dal vivo vengono assimilati alle pmi, consentendo quindi di poter usufruire delle agevolazioni previste da questo settore. Mentre a livello di fiscalità locale, i cinema vengono esonerati dal pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità. Stanziati infine 2,6 milioni di euro euro per garantire lo svolgimento delle regolari attivita’ delle squadre del soccorso alpino e speleologico durante la stagione estiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it