Sinistro stradale: il danneggiato può pretendere l’intera somma nei confronti di ciascun responsabile e dei rispettivi assicuratori

di Carlotta Abrardi, Avv.

Premessa

L’art. 2055 c.c in materia di responsabilità solidale, prevede che se il fatto dannoso sia imputabile a più persone, siano tutte obbligate in solido al risarcimento del danno. Pertanto, il danneggiato da sinistro stradale può pretendere l’intera somma nei confronti di ciascun responsabile e dei rispettivi assicuratori.

Detto articolo si preoccupa dunque, non solo di tutelare il danneggiato dal pregiudizio ricevuto, ma anche di disciplinare i rapporti interni tra i condebitori dell’obbligo risarcitorio.

Volume consigliato

Manuale Esame Avvocato - Atti di Diritto civile

Manuale Esame Avvocato - Atti di Diritto civile

Marco Zincani, 2020, Maggioli Editore

Il Manuale pratico degli atti di Diritto civile contiene un percorso ragionato negli atti d’esame statisticamente più frequenti. Il testo propone oltre cinquanta tracce, con esercizi guidati, suggerimenti pratici di svolgimento e schemi di inquadramento. Ogni atto è...



Il parere della Suprema Corte

Tuttavia, come ha chiarito la giurisprudenza con una recente pronuncia Cass.civ. sez. III, sent. 8643 del 03/05/2016, l’unicità del fatto dannoso richiesta dall’art. 2055 c.c. per la responsabilità solidale, deve essere intesa in senso relativo al danneggiato e perciò tali azioni o omissioni compiute da più autori del fatto illecito, devono essere legate da un vincolo di interdipendenza e devono concorrere allo stesso modo alla produzione dell’unico danno,

Occorre poi precisare, che il debitore, che paghi il debito anche per la parte degli altri, estingue l’obbligazione nei confronti del creditore; da questo momento, sorge nei confronti di coloro che non hanno pagato l’obbligo di rifondere all’adempiente quanto costui ha versato anche a nome degli altri; questa volta, però, l’obbligo dei condebitori è parziario, e non solidale, nel senso che il solvens può ripetere da ciascuno degli altri debitori una somma pari solo alla loro quota.

Conclusioni

Trova, quindi, applicazione la disciplina generale dettata in materia di solidarietà passiva e di rapporti interni; in particolare, si fa riferimento all’art.1299 c.c. rubricato “Regresso tra condebitori”, che prevede il diritto del debitore in solido – che abbia pagato l’intero debito – di ripetere dai condebitori la parte di ciascuno di essi.

Diversamente opinando, si finirebbe per depotenziare il favor   verso il danneggiato. Infatti, in caso di più corresponsabili, se l’assicurazione che paga l’intero non potesse agire in regresso verso gli altri coobbligati, le compagnie sarebbero refrattarie a corrispondere spontaneamente la somma integrale a favore del danneggiato.

Con la sentenza 05.06.2007 n. 13180, la Cassazione civile sez. I, ha avuto modo esaminare la disciplina dell’azione di regresso nell’ambito delle obbligazioni solidali passive, statuendo che “l’adempimento dell’obbligazione da parte di uno dei debitori libera gli altri condebitori, estinguendo l’obbligazione dal lato esterno, cioè nei confronti del solo creditore (art. 1292), precisando poi che dal lato interno, “l’obbligazione solidale si divide tra tutti i debitori in parti uguali, ove non risulti diversamente pattuito (art. 1298)” e che “nel caso in cui l’obbligazione derivi da un fatto illecito, essa dovrà essere ripartita in proporzione alla gravità della colpa di ciascuno e all’entità delle conseguenze prodotte (art. 2055)”.

Volume consigliato

Manuale Esame Avvocato - Atti di Diritto civile

Manuale Esame Avvocato - Atti di Diritto civile

Marco Zincani, 2020, Maggioli Editore

Il Manuale pratico degli atti di Diritto civile contiene un percorso ragionato negli atti d’esame statisticamente più frequenti. Il testo propone oltre cinquanta tracce, con esercizi guidati, suggerimenti pratici di svolgimento e schemi di inquadramento. Ogni atto è...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

carlotta-abrardi

Carlotta Abrardi

L’Avvocato Carlotta Abrardi è iscritta all’Albo dell’Ordine degli Avvocati di Torino. Grazie ad una pluriennale collaborazione professionale presso due ottimi studi Legali di Torino e di Roma, ha maturato una buona esperienza in ambito civilistico, nella gestione della clientela e delle situazioni più delicate. Dal gennaio 2020 è titolare fondatrice dell’omonimo Studio Legale in Torino. Sempre attenta all’evolversi della giurisprudenza, l’Avvocato Abrardi segue con impegno e costanza numerosi corsi di aggiornamento e dal Gennaio 2020 è impegnata nel master biennale in Diritto di Famiglia e Tutela del Minore organizzato dal Centro studi Famiglia, al termine del quale conseguirà il titolo di specialista di diritto di famiglia (L.247/2012) e coordinatore genitoriale. ( www.studiolegaleabrardi.it ; info@studiolegaleabrardi.it ; Tel: 011. 6604696 Fax. 011. 6604752 )


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!