Sicurezza sul lavoro: istituita la Commissione per gli interpelli

di Redazione

Pubblicato nel Registro ufficiale del Ministero del Lavoro, il Decreto Direttoriale del 28 settembre 2011 che istituisce la Commissione per gli interpelli prevista dall’articolo 12 comma 2 del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nel lavoro (D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81).

Al nuovo organismo potranno essere inoltrati, esclusivamente tramite posta elettronica (interpellosicurezza@lavoro.gov.it), i quesiti di ordine generale sull’applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza del lavoro. I soggetti interpellanti possono essere gli organismi associativi a rilevanza nazionale degli enti territoriali e gli enti pubblici nazionali, le organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i consigli nazionali degli ordini o collegi professionali.

Tutti gli interpelli saranno pubblicati in un’apposita sezione “Interpello Sicurezza” del sito del Ministero del Lavoro.

Le istanze di interpello trasmesse da soggetti non appartenenti alle categorie indicate o privi dei requisiti di generalità non potranno essere istruite. Non saranno pertanto esaminati i quesiti trasmessi, ad esempio, da studi professionali, associazioni territoriali dei lavoratori o dei datori di lavoro, Regioni, Province e Comuni.

Le indicazioni fornite nelle risposte ai quesiti costituiscono criteri interpretativi e direttivi per l’esercizio delle attività di vigilanza. Prima di inoltrare l’istanza bisognerà verificare:

a) che il quesito, concernente l’interpretazione della normativa in materia di salute e sicurezza del lavoro sia di carattere generale e non attenga a problematiche aziendali specifiche;

b) che il soggetto firmatario rientri nelle categorie indicate.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!