Sezioni Unite penali: sul giudice del rinvio nel caso di annullamento della sentenza ai soli effetti civili

di Redazione

Cassazione Penale, Sezioni Unite, 4 giugno 2021 (ud. 28 gennaio 2021), n. 22065
Presidente Cassano, Relatore Piccialli

Era stata rimessa alle Sezioni Unite la seguente questione di diritto: “se, in caso annullamento, ai soli effetti civili, da parte della Corte di cassazione, per la mancata rinnovazione in appello di prove dichiarative ritenute decisive, della sentenza di secondo grado che, in accoglimento dell’appello della parte civile avverso la sentenza di assoluzione di primo grado, abbia condannato l’imputato al risarcimento del danno, il rinvio vada disposto dinanzi al giudice civile competente per valore in grado di appello ovvero dinanzi al giudice penale”.

Il principio di diritto

Con sentenza numero 22065/2021, le Sezioni Unite hanno affermato il seguente principio di diritto: “in caso di annullamento ai soli effetti civili, da parte della Corte di cassazione, per la mancata rinnovazione in appello di prova dichiarativa ritenuta decisiva, della sentenza che, in accoglimento dell’appello della parte civile avverso la sentenza di assoluzione di primo grado, abbia condannato l’imputato al risarcimento del danno, il rinvio per il nuovo giudizio va disposto dinanzi al giudice civile competente per valore in grado di appello“.

Volume consigliato

Compendio di Procedura penale

Compendio di Procedura penale

Giorgio Spangher, Marco Zincani, 2021, Maggioli Editore

Il presente testo affronta in modo completo e approfondito la disciplina del processo penale, permettendo uno studio organico e sistematico della materia. L’opera è aggiornata alla L. n. 7 del 2020 di riforma della disciplina delle intercettazioni, al D.L. n. 28 del 2020 in tema di processo...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!